Risposta a Writers Guild Italia, il LARP come strumento di crescita

Ci è giunta una lettera di risposta da parte di Umberto Francia, Presidente di Eryados. Il fulcro della questione è l’inserimento del mondo del LARP nel quadro delle opportunità di rilancio in questo brutto periodo che ci accomuna tutti, da giocatori di ruolo e amanti del gioco di ruolo dal vivo offriamo volentieri i nostri spazi per questa replica al presidente della Writers Guild Italia e ne condividiamo il contenuto.


“Come WGI vorremmo aprire un dialogo e una sorta di alleanza con tutta la categoria degli scrittori-autori, vogliamo intessere relazioni con gli sceneggiatori di fumetti e videogiochi, ma pure con chi scrive per i ‘reality’ che ormai compongono gran parte della produzione tv in Italia, senza dimenticare gli sceneggiatori dei giochi di ruolo dal vivo. Intendiamo il nostro ruolo come autori di contenuti ‘scripted’, è lì che stiamo cercando di fare gruppo”.

Questo scrive il 30 ottobre 2020 Giorgio Glaviano, il nuovo presidente di Writers Guild Italia, il sindacato degli sceneggiatori italiani (qui l’intervista integrale ). È un punto d’arrivo sia per la presidente uscente e attuale consigliera Franca De Angelis, che da quando conosce il larp se ne è innamorata, che per il sottoscritto, che ha avuto l’onore di far parte del board WGI dal 2015 al 2018. Ma è anche un punto di partenza per gli autori del larp italiano che vedono riconosciuta da una istituzione prestigiosa che riunisce alcuni fra i migliori scrittori di cinema e tv del nostro Paese la dignità della declinazione più giovane dell’arte dello scrivere per la scena. Ormai da qualche anno Eryados accoglie il tirocinio di studenti della RUFA-Roma University of Fine Arts, accademia d’eccellenza che considera il larp una valida palestra creativa per approfondire l’intreccio narrativo e il worldbuilding, e proprio questo è stato uno dei segnali che ci hanno convinti che, dopo quasi trent’anni di incubazione, il larp italiano fosse pronto per un debutto in società, fuori dalla cerchia degli appassionati e degli addetti ai lavori.

All’atto pratico cosa cambierà? All’apparenza poco o nulla, ma questo seme potrà trasportare il larp in luoghi dove precedentemente gli era precluso l’accesso, porterà molte persone che mai si sarebbero avvicinate al larp a conoscerlo, a parlarne e chissà magari a praticarlo. Se le tesi universitarie sul larp, i libri sul larp, i panel sul larp hanno contribuito al riconoscimento di questa forma d’arte così particolare, certamente l’inclusione ufficiale dei larp designer nel novero degli sceneggiatori e dei drammaturghi avrà una parte importante in questo processo. Parliamoci chiaro: il fumetto e il videogioco questo diritto lo avevano già. Anche solo per una questione di mercato, se non bastassero i riconoscimenti alle innumerevoli opere d’arte che appartengono a questi media. Così non è per il larp, che tra tutte le categorie ammesse al tavolo degli scrittori è certamente la più peculiare, la più fragile e, diciamolo chiaramente, la più povera. Ora sta alla comunità dei designer, ma anche a quella dei larper – che sono infinitamente più coinvolti nell’opera rispetto al pubblico cinematografico, televisivo o teatrale, ma anche di quello videoludico – mettere a frutto l’opportunità fornita da WGI per far crescere e prosperare questo formato di narrazione ad alto tasso di coinvolgimento individuale in cui le storie sono immaginarie ma le emozioni sono molto reali.


Umberto Francia
Presidente di Eryados

Monster Hunter Rise, 6 minuti di gameplay

Ruined King: annunciato un RPG spin-off di League of Legends per console