L’aumento dei prezzi dei tripla A è la fine? Probabilmente no

prezzo più alto dei videogiochi

Una delle notizie che ha accompagnato, e sta tuttora accompagnando, il nostro cammino verso la next gen è rappresentata dall’aumento dei prezzi dei videogame che approderanno su Xbox Series X/S e, soprattutto, su Playstation 5. Sony aveva dichiarato che, per coprire i sempre più consistenti costi di sviluppo dei tripla A, era necessario accrescere il costo del “biglietto d’ingresso“, portandolo a 70$ per i videogame di terze parti ed a 80$ per le esclusive PS5.

Inutile dire quanto tutto ciò abbia causato non poche discussioni nel pubblico dei giocatori che, come ampiamente prevedibile, non hanno preso esattamente bene l’idea di spendere quasi dieci euro in più per avere accesso ai tripla A. A quanto ora detto, si aggiunge l’offerta sempre più conveniente e allettante del Game Pass, che sembra avvicinarsi sempre più all’optimum videoludico.

La domanda che in molti si stanno ponendo è: questo aumento dei prezzi è veramente la fine del formato retail? Probabilmente no, soprattutto stando alle parole di un analista del calibro di Mat Piscatella.

Aumento dei costi dei titoli con la next gen

aumento dei prezzi dei videogame
Nuova generazione, nuovi prezzi.

Intervenuto al podcast Virtual Economy, Piscatella ha affermato come il prezzo dei videogiochi sia rimasto invariato praticamente dal 2005, anno in cui Call of Duty 2 fu il primo gioco ad essere messo in vendita a $59.99. Se è vero che l’aumento di prezzo ha tutte le giustificazioni di questo mondo, ciò che Piscatella evidenzia è la presenza di un’ampia fetta di consumatori che non si porrà il minimo problema a pagare una cifra più elevata.

Piscatella, da buon analista, fa riferimento al concetto economico del “perceived value“. Un videogame o, meglio ancora, un franchise videoludico, come tutti i beni di consumo, è percepito in maniera diversa dal pubblico, a seconda sia di quelli che sono i suoi attributi concreti, che da altri valori astratti, come la convenienza, la sicurezza, la qualità del servizio, e via discorrendo.

Sotto questo aspetto, quindi, serie come Call of Duty e FIFA risentiranno in minima parte di questo aumento dei prezzi, in quanto la loro utenza è prettamente rappresentata da consumatori inframarginali.

Si tratta di consumatori abituali, che già hanno acquistato il prodotto in precedenza e che, percependo la qualità del servizio, accetteranno di buon grado di pagare una cifra più elevata, soprattutto se la qualità promessa dal publisher, in questo caso, è superiore rispetto agli standard del passato.

Sono tante le imprese ed i marchi che, su questi due concetti, hanno costruito le loro fortune, e Playstation è sicuramente da annoverare tra questi.

Cosa accadrà con la next gen?

nuovi costi dei giochi ps5
Un aumento dei prezzi che ha fatto discutere in tanti.

In tanti si chiedono quale possa essere l’effetto dell’aumento di prezzo dei tripla A, soprattutto alla luce dell’acquisizione di Bethesda da parte di Microsoft, che rende l’offerta del Game Pass ancora più appetitosa di quanto già non fosse in precedenza.

La risposta a questa domanda, alla luce di quanto detto in precedenza, potrebbe essere molto più banale di quanto sarebbe lecito attendersi. Piscatella conclude infatti dicendo che, nella gran parte dei casi, i gamer di tutto il mondo accetteranno di pagare i $70 dollari per i loro giochi preferiti; magari li pagheranno malvolentieri, brontolando un po’, ma alla fine li pagheranno.

C’è inoltre da non sottovalutare un altro elemento: l’importanza della volontà dei consumatori. Qualora i giocatori non comprassero in maniera significativa i tripla A al day one, questi finirebbero inevitabilmente col calare di valore.

D’altra parte, come lo stesso Phil Spencer ha ribadito in una recente intervista, l’industria può mettere i prezzi che più ritiene opportuni, ma saranno sempre i consumatori a decidere se quei prezzi sono giusti o meno.

Insomma, alla fine della fiera, emerge con ancora più forza uno dei concetti che dovremmo conoscere meglio: il giocatore ha ed avrà sempre l’ultima parola.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

Metal Gear Solid 2: Sons of Liberty, Metal Gear Solid 2: Substance, Metal Gear, Solid Snake, Hideo Kojima, Castlevania, Castlevania Collection, Konami Collector's Series: Castlevania & Contra,

Presto i primi tre Metal Gear e Konami Collector’s Series potrebbero arrivare su PC

Halo 3: OSDT, Halo 3: OSDT he Master Chief Collection, Halo, Bungie, Microsoft

Halo 3: ODST arriva oggi su PC, The Master Chief Collection cresce, ecco il trailer