Bazzicando per le fiere ci capita spesso di entrare in contatto cosplayer e cos/propsmaker talentuosi che riescono a dar vita ai personaggi e agli oggetti dei nostri personaggi preferiti dal mondo videoludico, abbiamo quindi deciso di dedicare loro una serie di articoli passando sotto la lente di ingrandimento alcuni dei loro lavori.

Protagonista del nostro primo appuntamento è Luca Pellegrino, in arte Blast Maker – props&cosplay, che per il lancio di World of Warcraft Battle for Azeroth ha preparato una riproduzione fedelissima del nuovo Bastone di Jaina Marefiero, la potente maga.

Attenti alla figlia del mar…

Già dalla sua prima comparsa nel trailer di lancio di Battle for Azeroth, Luca nonostante le poche reference a disposizione si è subito adoperato per la progettazione del bastone  ma una volta trovato mesi dopo il modello 3D da WoWHead il suo lavoro comincia a prendere una vera e propria impennata.

Tenendo conto della forma, delle dimensioni e della presenza di un cristallo luminoso la decisione è stata semplice, modellare e stampare in 3D i diversi componenti da assemblare poi su un bastone in legno opportunamente lavorato.

Tra la modellazione con Autodesk Fusion 360 e la stampa grazie alla sua Cr-10s, l’intero processo ha richiesto circa settanta ore.

Finita la fase di modellazione e stampa si passa alla levigatura, questa parte è forse la più impegnativa in quanto bisogna levigare a mano ogni pezzo per ottenere una superficie quanto più liscia possibile. Si arriva poi alla colorazione: Per i pezzi “metallici” sono stati usati primer, nero base, due tonalità di oro e protettivo trasparente mentre per le gemme si è optato per una colorazione a spugna con colori acrilici in barattolo per ottenere la giusta diffusione della luce una volta installati i led.

Infine si arriva all’ incollaggio dei pezzi sul bastone e l’aggiunta del circuito led all’ interno della testa del bastone e dell’ ecopelle, precedentemente invecchiata, sulle parti che compongono l’ impugnatura.

A lavoro ultimato il bastone è alto circa 1,78/1,80m ed è smontabile in 3 pezzi per facilitarne il trasporto.

La storia di Blast Maker – props&cosplay

Tutto è iniziato nel 2009 quando conobbi il mondo del cosplay grazie a Facebook. Iniziai a frequentare le fiere del fumetto, le gare cosplay e dopo qualche anno capii che mi divertiva di più realizzare i singoli “pezzi”, armi e accessori per la precisione, che costumi completi. In principio facevo qualche lavoretto per gli amici e poi nel 2012, con un pò di esperienza, aprii la mia pagina di Artigianato cosplay “Unlimited Blade Workshop” (fortemente influenzato dalla serie Fate/stay Night). I lavori furono un crescendo, partendo da Tensa Zangetsu al Keyblade di Young Xehanort fino ad arrivare alla riproduzione trasformabile del Blazefire di Lightning (che è tutt’oggi ancora uno dei miei migliori lavori); tutti progetti che spingevano di volta in volta le mie abilità al limite, accettavo ogni lavoro sapendo che ognuno di essi mi avrebbe aiutato a migliorare e ad imparare nuove tecniche. Nel 2014 iniziai a realizzare le scenografie alla maggiore fiera del fumetto di Salerno, il Fantaexpo, insieme al mio socio Maurizio Maffei, e questo mi permise di avere uno spazio espositivo per far conoscere i miei lavori ad un pubblico più ampio. Nel 2016 decisi di dare una nuova veste alla mia passione per il Propmaking, così nacque Blast Maker – Props & cosplay. Sotto questo nome ho realizzato lavori sempre più precisi e accurati, fino ad introdurre Modellazione e Stampa 3D al mio bagaglio di tecniche. Attualmente i miei lavori migliori sono tratti da capolavori videoludici come Bloodborne, The Witcher e Final Fantasy e sono apprezzati anche oltreoceano da propmaker professionisti, cosa che mi rende molto orgoglioso del mio lavoro.

Per conoscere gli altri lavori di Blast Maker – props&cosplay potete visitare la sua pagina facebook.

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!