Recensione: Yo-kai Watch 2

yo kai watch 2
yo kai watch 2


Dopo un anno dall’uscita in Europa del primo titolo della serie ad aprile di quest’anno è approdato Yo-kai Watch 2, in duplice versione Spiritossi e Polpanime.

La serie ha avuto molto successo in Giappone negli anni passati, grazie anche ad un massiccio merchandise e alla serie animata (disponibile anche in Italia).

Per chi non avesse provato il primo titolo della serie l’esperienza di gioco è simile al famosissimo Pokemon, accompagnata ovviamente dalle dovute differenze specialmente per quanto riguarda la modalità di combattimento, molto più dinamico grazie a mini giochi da affrontare durante lo scontro ma anche grazie alle diverse abilità di cui sono dotati gli yo-kai.

 

Spiritossi & Polpanime

Nonostante l’esperienza nel complesso sia molto piacevole e divertente, il gioco non può dirsi perfetto. Ripetitivo sotto molti punti di vista, dotato di stoyline molto semplice e lineare (ma non c’è da dimenticare che è un gioco indirizzato sopratutto ad un pubblico di giovanissimi), side quest monotone, combattimenti spesso lunghi e ripetitivi.

Il secondo episodio è disponibile in Giappone già da diversi anni ed è approdato solo recentemente in Europa. In cosa differisce il secondo titolo dal precedente?

Yo-Kai Watch 2, presenta fin dall’inizio molte novità interessanti, a cominciare da una mappa notevolmente più estesa geograficamente e nella quale gli spostamenti sono resi molto più veloci ed efficienti grazie alla presenza del treno, ma non solo, oltre che viaggiare tra una città e l’altra la grande novità è il viaggio nel passato grazie a degli specchi temporali. Sono stati ovviamente introdotti molti nuovi Yo-kai collezionabili, alcuni esclusivi a seconda della versione acquistata.

Yo-kai Watch 2 Spiritossi

Anche il sistema di combattimento è stato lievemente aggiornato aggiungendo una nuova modalità che incrementa notevolmente la potenza dell’attacco, oltre alla piccola aggiunta di alcuni nuovi mini giochi da completare durante la lotta. Anche le side quest per incrementare i punti esperienza sono più diversificate rispetto al titolo precedente, evitando quindi l’insorgere della noia durante le missioni che nel predecessore erano decisamente monotone.

Un’altra novità che rende la storia più interessante sono le missioni chiave obbligatorie per poter proseguire l’avventura. Inoltre è possibile selezionare come aiuto una freccia direzionale che guiderà il protagonista verso la sua prossima destinazione senza dover perdere inutilmente tempo alla ricerca del proprio obbiettivo, cosa che spesso accadeva nel titolo precedente.

Level 5 sembra aver intrapreso la via giusta per rendere accattivante ed accessibile il titolo ai nuovi arrivati, spiegando molto velocemente le funzioni di gioco e incrementando notevolmente le feature nel menu principale. In pochissime ore dall’inizio della partita il giocatore avrà tutte le nozioni di base per muoversi agevolmente nel gioco.

Trama

La trama è molto più ricca e dettagliata, meno “fanciullesca”, il protagonista non si troverà più ad avere a che fare con il suo ambiente quotidiano fatto di amici, scuola e genitori, ma avrà modo di interagire molto di più con l’allegro e variegato mondo degli Yokai.

Come precedentemente detto, l’area esplorabile è decisamente più ampia: oltre ai luoghi già presenti nella versione precedente, potremo visitare la zona di campagna di Harrilandia dove viva la nonna di Nathan, ma anche visitare una zona costiera e svariate altre zone commerciali.

 

Gli spostamenti saranno possibili, tramite il treno ma anche con l’autobus. Questi mezzi di trasporto avrebbero dovuto velocizzare gli spostamenti nel gioco, ma nella realtà rallentano notevolmente il ritmo. Non è possibile, infatti,  saltare le sequenze di viaggio; senza contare che per spostarsi tra zone della mappa distanti, sono stati inseriti anche dei combattimenti casuali con degli Yo-kai e dei mini dialoghi con i passeggeri, rendendo il tutto estremamente tedioso e senza nessun reale guadagno in termini della trama o del divertimento, essendo tutti estremamente monotoni.

Successivamente, proseguendo con l’avventura, sarà possibile aggirare questo problema utilizzando lo Yo-Kai Traspec, che permette di teletrasportarsi in qualsiasi zona dove sia stato attivato un suo specchio, velocizzando fortunatamente gli spostamenti.

Esplorando Valdoro ci si può sbizzarrire in tantissime nuove imprese: sbloccare ad esempio aree speciali protette dai Varcologi, potenziare il livello dell’orologio per trovare Yo-Kai più potenti (le meccaniche per aumentare il grado del vostro Yokai-Watch sono le stesse del titolo precedente). Entrare nel mondo degli spiriti attraverso speciali Portali Bizzarri, fare favori ai passanti o agli yo-kai che incontrerete lungo il cammino per ottenere premi o dare la caccia a pericolosi Yo-Kai criminali, ecc.

Tantissimi nuovi Yo-kai

La struttura collezionistica simile ai giochi di Pokemon non è assolutamente cambiata. Potrete dare la caccia e stringere amicizia con oltre 380 Yo-kai per ampliare il proprio Medallium, collezionare insetti, rettili, pesci che potranno esservi inutili in diverse missioni secondarie che vi regaleranno oggetti rari e punti esperienza senza nemmeno bisogno di combattere.

Gli Yo-Kai variano a seconda del luogo; possono nascondersi in qualsiasi anfratto, in cima ad un albero o sotto un’auto parcheggiata, ma potrete anche provare attraverso delle monete di gioco a “pescarli” nel Gatcha presente nel tempio vicino a Valdoro. Ogni Yo-kai ha caratteristiche diverse che possano dare un efficace contributo in battaglia. Abbiamo sia Yo-kai in grado di curare ogni turno i proprio compagni, altri dediti unicamente al combattimento, altri invece che possono aumentare i parametri in battaglia propri o degli altri (e, in alcuni casi, anche peggiorare i parametri dei nemici).

Sono divisi otto differenti tribù e mettendo vicini due o più esponenti della medesimo gruppo è possibile sbloccare dei bonus unione molto utili per lo scontro. Ognuno ha un carattere diverso che può influire anche negativamente sul combattimento (la natura pigra di alcuni di loro potrebbe creare non pochi problemi!) ma grazie a diversi oggetti è possibile arginare almeno in modo temporaneo questo problema. Alla fine del combattimento tutti gli Yo-kai attivi nella nostra squadra guadagneranno punti esperienza anche se non hanno preso direttamente parte allo scontro!

Novità per il sistema di combattimento?

Combat system

Il combat system è rimasto inalterato. Il gruppo di Yo-kai che scende in battaglia è sempre composto da sei elementi, ma possono combattere solo tre per volta, grazie alla rotazione della ghiera circolare è possibile cambiare i combattenti molto velocemente, specialmente se abbiamo degli Yokai che sono stati “incantati” e necessitano della purificazione o bisogna aiutare quelli caduti in battaglia. Ad arricchire il sistema di combattimento abbiamo il nuovissimo Yo-Kai Watch Model Zero, ovvero l’originale primo orologio Yo-Kai creato dal nonno di Nathan. Utilizzando il modello Zero, le abilità Energimax dei combattenti diventano abilità M, molto più forti rispetto alle mosse normali ma hanno il difetto di consumare la barra d’energia di tutti i compagni adiacenti e di conseguenza di rallentare il rilascio delle mosse speciali di tutti.

Attraverso queste meccaniche di gioco, i mini giochi, la presenza di oggetti cliccabili con il pennino o il posizionamento di una spunta di comando per dirigere gli attacchi del vostro team tutti su un unico nemico rendono l’esperienza di gioco molto attiva e divertente, non bisogna mai distrarsi dal combattimento!

Tantissime nuove funzioni!

Il nuovo modello di Yo-Kai Pad è ricco di nuove funzionalità. Adesso non serve soltanto a collezionare gli yokai e a visionare le missioni in corso ma, ci permette anche di scoprire informazioni sulle Tane Yo-Kai, sugli spiritelli criminali arrestati e sui Trofei sbloccati compiendo determinate azioni o imprese. Sono presenti anche altre applicazioni di carattere estetico, come il Meteo che illustra la situazione meteorologica di Valdoro. Evoca che permette di evocare uno yo-kai del nostro Medallium per poterlo osservare meglio.

È stata migliorata anche la Fotocamera che permette di scattare foto ad altre persone e vedere da quale Yo-Kai sono state incantate; inoltre alcuni scatti potranno essere utili per il completamento di alcune missioni secondarie). É stata anche introdotta finalmente la modalità multiplayer. Adesso è possibile scambiare le proprie medaglie per costruire un team migliore e completare la propria collezione, rendendo il gioco competitivo grazie anche alla possibilità di sfidarsi in battaglia. Ogni giocatore farà parte del team della versione acquistata. Anche questo secondo capitolo ha messo in evidenza una splendida grafica in stile cartoon arricchita da divertenti filmati di intermezzo presi direttamente dall’anime.

 

In definitiva Yo-Kai watch 2 è stato notevolmente arricchito rispetto al titolo precedente ma presenta comunque ancora dei difetti, che non minano  l’esperienza di gioco.

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Federica

Lost Sphear: data di uscita annunciata

Guida D&D 5 - Ambientazione

Guida a D&D 5 – #3 Ambientazione