Resident Evil 6 HD Remaster – Recensione


Articolo a cura di Samuele Zaboi


Resident Evil sta provando ad avere una seconda giovinezza o, per lo meno, questo è l’intento di Capcom, grazie a una serie di edizioni rimasterizzate e/o remake di titoli appartenenti a questa celebre serie, capace di sfondare anche in altri media, quello cinematografico su tutti. In questa girandoli di titoli non poteva certo mancare Resident Evil 6, capitolo più corposo e, forse, quello che ha maggiormente deluso i fan.

Rinascita dalle ceneri?

Resident Evil 6 HD Remaster, come si evince dal titolo, non è un remake del capitolo che ha visto la luce solo quattro anni fa circa, un lasso di tempo comunque recente rispetto ad altre operazioni svolte da Capcom. La software house, in attesa di vedere un nuovo capitolo di Resident Evil, ha già dichiarato, senza messe misure, i propri intenti con la serie: cercare di guadagnare il più possibile con rifacimenti e remaster di vecchi capitoli. Questa scelta comporta la possibilità di rimettere mano ad alcuni ottimi titoli, sfruttando a pieno la potenza e le migliorie offerte dalle nuove console e dal mondo PC mentre altrove vi porta a dover rivivere difetti già esplorati nel passato. Questo può essere il caso di Resident Evil 6, prodotto che aveva deluso i fan per non riuscire a guadagnare una propria identità, cercando di mettere un “po’ di tutto” in un’unica soluzione, dando però come risultato un minestrone non ben riuscito.

La campagna di Resident Evil 6 presenta quattro macro sezioni, o quattro “sotto-campagne” se preferite, che vi faranno affrontare la stessa storia da diversi punti di vista. Avete avuto problemi ad affrontare un boss? Vi toccherà rifarlo, per diverse volte. Questo porta una naturale ripetitività che può facilmente sfociare nella noia, dovendo ripercorrere le stesse zone per affrontare gli stessi nemici, anche se da punti differenti. L’episodio Kenedy-Harper prova ad avvicinarsi maggiormente ai primi Resident Evil riproponendo le ambientazioni dark e claustrofobiche che hanno appassionato milioni di giocatori. Nonostante questo non mancano le novità, soprattutto per le componenti action e corpo-corpo: qui sarà possibile ingaggiare duelli in pieno stile picchiaduro; nella campagna Redfield-Nivans è stata data una predilezione per gli sparatutto in terza persona mentre nel livello Muller-Birkin l’aspetto preponderante è quello action. La quarta campagna vede invece per protagonista Ada Wong. Il punto di forza di tutte queste sezioni è la possibilità di affrontarle in co-op, in locale o online, e forse in questo caso è possibile riscoprire la vera bellezza di Resident Evil 6, titolo comunque avaro di quella componente horror di cui dovrebbe invece essere pregno.

Le novità in HD

Nonostante si tratti di un titolo Remaster, Resident Evil 6 HD Remaster non si limita a un semplice copia-incolla con il passato (è presente la patch che migliora la telecamera di gioco rendendo il prodotto più gradevole e giocabile, ndr) ma comporta l’aggiunta di qualche novità. Tra queste segnaliamo le modalità multiplayer “Mercenari” e “Caccia all’uomo” con la presenza di alcuni personaggi provenienti da Left 4 Dead 2. Il lavoro svolto in questa riedizione in alta definizione è nel complesso buono, nonostante il titolo mostri i suoi “pochi” anni. Come già citato in precedenza, la vera ricchezza di Resident Evil 6 risiede nella possibilità di affrontare il gioco in co-op con un gameplay comunque fluido, grazie ai 60 frame per secondo e ai 1080p, assenti nelle controparti originali.

Il prodotto finale è gradevole e il senza dubbio consigliato a chi non ha mai avuto l’opportunità di mettere mano su Resident Evil 6 quando uscì su PlayStation 3 e Xbox 360, oltre che su PC. Forse non si tratta del miglior Resident Evil di sempre ma la campagna longeva promette ore di gioco, estendibili grazie alla componente multiplayer.


Commenti finali

In attesa del nuovo, e tanto sperato, Resident Evil, Resident Evil 6 HD Remaster ripropone sulle console di nuova generazione uno dei titoli più discussi della serie. Caratterizzato dalle quattro campagne, il gioco si presenta in un nuovo splendore, con un gameplay fluido e scorrevole, nonostante qualche difetto e qualche elemento di “vecchiaia” sempre presente. Se avete la possibilità di giocarlo in co-op e se siete amanti della serie, Resident Evil 6 HD Remaster è il titolo giusto per voi, nonostante l’esigua presenza di elementi prettamente horror.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Ratchet & Clank: Favij e Greta Menchi figurano tra i doppiatori del film

Captain America: Civil War primo al botteghino