Black Desert Online – Recensione


Recensione di Pietro Gualano

Proporre un MMORPG innovativo in grado di portare avanti il genere non è una sfida facile, anzi. Il mercato offre diversi titoli (molti mediocri, alcuni davvero validi) e nel corso degli anni abbiamo assistito al rapido declino di alcuni giochi un tempo estremamente popolari. Gli sviluppatori di Black Desert Online, quindi, si sono trovati a dover affrontare un compito molto difficile e oggi, dopo aver provato il titolo nella sua versione definitiva, possiamo darvi il nostro parere.


Un mondo in guerra

Black Desert Online è un MMORPG con ambientazione fantasy, il giocatore si trova in un mondo in cui ci sono due nazioni in conflitto: Valencia e Calpheon. Ma cosa ha spinto questi regni allo scontro? Le Black Stones, delle speciali pietre magiche presenti nel Black Desert, un luogo che certe volte viene anche definito come Deserto Rosso a causa delle aspre battaglia che ospita. In tutto questo intrigo internazionale noi vestiamo i panni del prescelto del Black Spirit, una “simpaticissima” entità che ci accompagna nel corso della nostra avventura.
Non intendiamo rivelarvi il reale scopo di questo spiritello nero, è un compagno di viaggio crudele e maligno con cui dovrete fare i conti e rappresenta un vero e proprio punto di riferimento per le quest principali. E’ immortale, visibile solo a noi e possiamo richiamarlo subito con la pressione di un semplice tasto, è lui che ci guida nel corso delle varie missioni ed è sempre lui che, ogni tanto, ci  offre anche qualche suggerimento su come affrontare il gioco.
La trama proposta da Black Desert Online non è scontata, è abbastanza coinvolgente e spinge il giocatore a proseguire per scoprire la conclusione. Non siamo di fronte a una storia eccezionale, ma siamo comunque su buoni livelli considerando la media degli MMORPG.
Gli sviluppatori hanno fatto un buon lavoro anche nella creazione del mondo di gioco (un aspetto fondamentale in un titolo del genere): Black Desert Online offre territori vasti e variegati da esplorare, con paesaggi belli da vedere e molto curati. Ci troviamo, sostanzialmente, in una grande mappa divisa in più regioni che possiamo visitare dopo aver acquisito un po’ di esperienza, la varietà proposta in termini di ambientazioni ci ha colpiti positivamente. Il gioco non offre un vero e proprio sistema di fast travel, quindi dovete spostarvi tra le varie ambientazioni alla vecchia maniera: a piedi, su una cavalcatura o attraverso particolari mezzi di trasporto (barche per esempio). La scelta di non consentire al giocatore di “teletrasportarsi” da un punto all’altro della mappa è sicuramente interessante, può risultare fastidiosa dopo parecchie ore di gioco ma inizialmente spinge a esplorare i vari luoghi che incontriamo sul nostro cammino. Spesso si parte per andare da un punto A a un punto B e si finisce per fare tutt’altro ma, come detto, è un meccanismo che alla lunga può diventare piuttosto noioso. Black Desert Online, comunque, offre un sistema di cavalcature di tutto rispetto e vi permette di utilizzare destrieri di vario livello per spostarvi nel mondo. E’ anche possibile far accoppiare le cavalcature in proprio possesso per ottenere destrieri sempre nuovi, anche i nostri amici a quattro zampe acquisiscono abilità nel corso del tempo ed è facile affezionarsi.

La creazione del personaggio e le classi

Lo sviluppatore Pearl Abyss ha fatto un lavoro eccellente con la creazione del personaggio in Black Desert Online. Il giocatore ha la possibilità di regolare moltissimi parametri e, con un po’ di pazienza e dedizione, può dar vita a un personaggio in grado di soddisfare al cento per cento le sue aspettative. Il sistema non è complesso da utilizzare e ci consente anche di determinare i tratti caratteristici della personalità del nostro protagonista. Naturalmente ci vuole un po’ di tempo per creare un personaggio davvero originale e bello da vedere, ma ne vale assolutamente la pena. E’ raro trovare uno strumento di creazione del protagonista così curato in un MMORPG e Black Desert Online ci ha piacevolmente sorpresi da questo punto di vista.
Prima di creare il personaggio, però, è necessario scegliere la propria classe di appartenenza. Ecco le alternative che abbiamo a disposizione:

Tamer: abile nel corpo a corpo, armata di spada corta; ha una grandissima mobilità e può fare affidamento su abilità magiche e sul suo compagno inseparabile: la “Black Beast”.

Valkyrie: classe dotata di spada e scudo, più adatta per chi ama fare da supporto rispetto ad altre.

Warrior: classico tank con spada e scudo, se usato bene è ottimo anche in fase offensiva.

Sorceress: abile nel corpo a corpo e nella magia, ha grande mobilità e si può adattare a molte situazioni diverse.

Ranger: classe specializzata nell’uso dell’arco, ottima per i combattimenti a distanza; sono dotati di grande mobilità

Berseker: classe lenta ma molto forte, permette di utilizzare due asce ed è perfetta per chi ama giocare di potenza.

Wizard (al femminile Witch): classe specializzata nelle magie, ottima per attacchi ad area e per il combattimento a distanza.

Le classi, purtroppo, sono legate al genere e alla razza del personaggio e quindi, per esempio, non è possibile creare un guerriero che non sia uomo e umano. Questa limitazione lascia un po’ l’amaro in bocca e speriamo possa essere rimossa in futuro, non è un grandissimo problema ovviamente ma è comunque un limite alla libertà del giocatore. Alcune classi (wizard per esempio) richiedono anche un personaggio di età avanzata mentre per altre è necessario un personaggio più giovane.

E’ tempo di combattere

Passiamo ora a un elemento fondamentale per Black Desert Online: la fase di combattimento. I ragazzi di Pearl Abyss hanno creato un sistema caratterizzato da forti componenti action in cui non ci si limita ad aspettare i tempi di recupero delle singole abilità, ma si deve essere in grado di capire come muoversi sul campo e quando sferrare un certo numero di colpi. Gli scontri sono spesso spettacolari, con effetti di luce, scintille, esplosioni, magie che contribuiscono a rendere le battaglie memorabili e avvincenti. Il sistema di combattimento si basa sulla pressione di determinati tasti in sequenza, per attivare le abilità molte volte è necessario premere due tasti contemporaneamente ed è evidente che Black Desert Online è pensato per essere affrontato con mouse e tastiera.
Naturalmente non sono presenti solo colpi base da concatenare e schivate: possiamo usare un gran numero di abilità sbloccabili grazie all’esperienza accumulata e, livello dopo livello, possiamo realizzare la nostra build ideale. Le possibilità offerte da Black Desert Online in termini di gestione della crescita del protagonista sono sicuramente sufficienti, alcuni “talenti speciali” sono davvero divertenti da utilizzare e il giocatore ha veramente un gran numero di abilità tra cui scegliere. Molte capacità, inoltre, sono divise in più gradi e possono essere ulteriormente potenziate nel corso della partita.
Il sistema di crescita del personaggio è basato sui livelli (è necessario aver raggiunto un determinato grado per avere accesso a certi talenti) e skill points, ottenibili completando le missioni. Sfortunatamente i compiti che ci vengono assegnati in Black Desert Online non brillano per varietà e molto spesso le nostre quest consistono semplicemente nell’uccidere un certo numero di nemici di un determinato tipo per raccogliere delle risorse, nel produrre certi beni o nell’esplorare alcune aree. E’ veramente un peccato che non ci siano molte missioni realmente diverse tra loro, alla lunga il gioco può stancare a causa di una certa ripetitività e, purtroppo, crediamo che questo aspetto influirà negativamente sull’esperienza di molti utenti (il grinding è molto presente). Le missioni, sebbene siano parecchio ripetitive, rimangono comunque divertenti grazie a un sistema di combattimento funzionante e a un livello di sfida adeguato. Black Desert Online non è un gioco semplice, non vi prenderà per mano accompagnandovi dall’inizio alla fine e dovrete essere voi a capire il prima possibile le meccaniche di base per evitare brutte sconfitte. Ci troviamo di fronte a un MMORPG piuttosto complesso, spammare mosse caso è utile sono nei primissimi scontri e, dopo un po’, significa praticamente morte certa. Abbiamo apprezzato il livello di sfida proposto in Black Desert Online, certe volte il gioco può essere frustrante ma è proprio grazie alla sua difficoltà che riesce spesso a regalare grandi soddisfazioni.

Un gioco pieno di cose da fare

Black Desert Online non è un semplice gioco in cui si affrontano i nemici e si vive una storia, è molto, molto di più. Col passare delle ore ci si rende conto che BDO è un gioco vastissimo, pieno di cose da fare e da scoprire giorno dopo giorno.
Il titolo offre un gran numero di professioni: possiamo specializzarci in alchimia, cucina, pesca, caccia, commercio (gli sviluppatori hanno creato un sistema veramente intrigante tutto da scoprire), raccolta e non solo. Possiamo anche sfruttare i materiali raccolti grazie a scontri e missioni e gettarci nel sistema di crafting, a cui si ricollega a sua volta il sistema di gestione degli edifici di nostra proprietà in cui piazzare e utilizzare le crafting stations. Possiamo addirittura delegare la raccolta dei materiali necessari assumendo dei lavoratori e col tempo abbiamo la possibilità di specializzarci sempre di più nelle professioni che apprezziamo maggiormente. Ci vogliono diverse ore per capire come sfruttare determinate meccaniche di gioco, ma dedicarsi alle professioni è estremamente utile e porta grandi benefici a lungo termine. Inizialmente si resta spiazzati ma non fatevi spaventare: con tempo e pazienza capirete come muovervi al meglio.
Il gioco, da buon MMORPG, offre anche un complesso sistema di relazioni tra giocatori. Lo sviluppatore Pearl Abyss ha creato un vero e proprio mercato di taglie con cui i giocatori possono vendicarsi o colpire un certo utente. Come fare? Semplice, basta mettere una taglia sulla sua testa.
E’ anche presente un sistema di Karma che divide i giocatori in base al loro comportamento in-game, gli sviluppatori lo hanno evidentemente pensato per disincentivare gli attacchi contro utenti interessanti prevalentemente al PvE ed è prevista l’attivazione automatica del PvP per i giocatori più “cattivi”. Assalendo un giocatore con karma positivo (dopo l’attivazione del PvP da parte sua, naturalmente) si perdono punti karma, mentre attaccando gli utenti con karma fortemente negativo (divisi in Rogue e Outlaw) si subiscono conseguenze dannose molto lievi.
E’ anche possibile affrontare scontri PvP (in singolo o in gruppo) senza subire nessun tipo di conseguenza negativa grazie alle Arene, luoghi pensati proprio per i giocatori che amano affrontare altri avversari umani.
Naturalmente potete anche entrare in una gilda, ottenere quest speciali e affrontare battaglie contro giocatori appartenenti a gilde opposte.
Il level cap teoricamente è fissato a quota 50 ma è comunque possibile continuare a potenziare il proprio personaggio e aumentare ancora di livello, anche se i tempi richiesti diventano progressivamente sempre più lunghi.


Una gioia per gli occhi

Black Desert Online ha pienamente soddisfatto le nostre aspettative dal punto di vista tecnico. Il gioco è veramente bello da vedere ed è graficamente uno dei MMORPG migliori presenti sul mercato. Il mondo di gioco è vivo, le città sono ben curate, il ciclo giorno/notte e il sistema meteo funzionano offrendo panorami gradevoli e gli effetti di luce in combattimento sono più che convincenti. L’unica cosa che non abbiamo gradito è la resa dei personaggi, che raramente appaiono fedeli al cento per cento al modello creato nell’editor di inizio partita.
Tutta questa bellezza, però, ha un prezzo: il gioco fatica parecchio su configurazioni medio basse e per far girare tutto ad ultra non basta un PC qualsiasi. Sfortunatamente non è nemmeno possibile giocare con le impostazioni per cercare un compromesso dal momento che queste non sono particolarmente dettagliate.
Per quanto riguarda la stabilità dei server, invece, nel corso della nostra prova non abbiamo incontrato particolari problemi.
Passando alla colonna sonora siamo nella media, le musiche e gli effetti audio del gioco non sono particolarmente memorabili ma non stancano per parecchie ore e questo è sicuramente un aspetto positivo. In conclusione segnaliamo che il gioco non è presente in italiano ed è necessaria una buona conoscenza dell’inglese, del tedesco o del francese per goderselo al cento per cento.

Conclusione

Black Desert Online è un MMORPG degno di attenzione, un prodotto tecnicamente molto valido che, ne siamo certi, catturerà moltissimi giocatori per un gran numero di ore. Purtroppo le missioni proposte non sono particolarmente diversificate e questo alla lunga può portare il giocatore ad annoiarsi. Siamo comunque di fronte a un titolo ricchissimo di cose da fare che, a parer nostro, riesce a dare il meglio in PvP e non in PvE. Se Pearl Abyss lo supporterà in maniera adeguata allora questo gioco regalerà grandi soddisfazioni a molti utenti, se avete qualcuno con cui giocarlo vi consigliamo sicuramente l’acquisto (il titolo è buy-to-play).

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Mobile Games: il consiglio del giorno – Stupid Zombies 3

Final Fantasy XIV: nuove immagini e info dalla patch 3.2