Fantasy Life – Recensione


Recensione di Simone Alvaro “Guybrush89” Segatori


Questo ultimo mese è passato tra titoli che ci hanno richiesto una grande mole di lavoro, come The Sims 4 e Destiny. Avremmo tanto voluto staccare e partire per un viaggio in un mondo fantastico, magari popolato da centinaia di creature magiche, pieno di misteri e segreti da svelare, di missioni da portare a termine e di materiali da raccogliere, ricco di mestieri, quelli di una volta e quelli magici, un mondo incantato dove il nostro alter-ego virtuale avrebbe potuto crescere, sviluppando le proprie capacità, imparando nuove competenze e, nel tempo libero, arredando la propria casa, un universo incantato insomma in cui vivere la nostra vita scegliendo passo dopo passo il cammino da affrontare.  Grazie a Level-5 tutto questo è stato possibile, siamo da poco tornati da Fantasy Life eppure, non vediamo l’ora di ripartire!

Una vita da sogno

Dopo la serie del Professor Layton e White Knight Chronicles, dopo il meraviglioso universo di Ni No Kuni, dopo le imprese calcistiche di Inazuma Eleven e gli ultimi Dragon Quest, Level-5, ormai da molto tempo ( Vi ricordate Dark Cloud per PS2? ) simbolo di qualità ed eccellenza nel mercato videoludico, tira fuori dal suo calderone un titolo che ci riporta alla mente la magia dei primi Legend of Zelda. Un avventura che scorre semplice, a tratti lineare ma, attenzione, mai banale. Un universo immenso da giocare e comprendere da cima a fondo, dove in ogni angolo può nascondersi un segreto.
Fantasy Life ci ha davvero stupiti già dai primi minuti di gioco dove un piccolo editor ci permetteva di creare un mini personaggio potendo scegliere tra volti, bocche, colore della pelle, occhi, accessori e anche mestieri.

Infatti, una volta creato il nostro minieroe personalizzandolo grazie ad una discreta varietà di opzioni, potremo affibbiargli un mestiere, che ci terrà compagnia per tutta l’avventura e che potrà essere scelto tra gli oltre 10 disponibili. La professione scelta non caratterizzerà solo il vestito del nostro pg ma tutta la crescita del personaggio e alcune fasi dell’avventura principale.  La nostra storia partirà da Castele, la capitale del regno di Reveria in cui, grazie ad una lettera del Re, potremo finalmente iniziare una professione. Ogni mestiere ha un suo “intro” ovvero alcune missioni introduttive che vi abiliteranno alla professione facendovi conoscere i comprimari della vostra avventura.  Vi sono in totale 12 Mestieri, legati ad abilità esclusive tecniche e equipaggiamenti che posso essere usati solo da una certa professione. Questo vuol dire che dovremo iniziare il gioco 12 volte per poter giocarlo appieno? Assolutamente no! Attraverso i capi delle varie Gilde di Mestieri potremmo cambiare professione in qualsiasi momento accedendo a quelle abilità che prima ci erano irraggiungibili e mantenendo le vecchie già acquisite. In Fantasy Life esistono infatti 4 tipologie di crescita di livello:

Il sistema di crescita del personaggio, che ci permetterà di aumentare le Statistiche del nostro personaggio e a seconda della statistica scelta influirà anche sul mestiere o su una serie di essi. Se ad esempio fornirete i Punti Bonus, che otterrete acquisendo esperienza nel completare missioni ed eliminare mostri, alla statistica “Forza” quest’ultima andrà ad incrementare l’efficacia dei mestieri Paladino, Taglialegna e Minatore.

Le abilità, che invece sono il vero fulcro del gioco, possono essere sbloccate solo praticando un determinato mestiere o soddisfacendo un particolare requisito. Queste ultime hanno un sistema di upgrade diverso dal personaggio e potranno essere incrementate semplicemente utilizzandole spesso, attenzione però alla barra dei punti forza, simile agli MP, vitale per qualsiasi abilità e che si ricaricherà nel tempo o grazie agli oggetti curativi.

Lo sviluppo della Licenza, ottenuta all’inizio di ogni professione, andrà incrementata nel tempo soddisfacendo specifici requisiti, portando a termine missioni ecc che forniranno dei Punti Stella e che potranno essere scambiati con il capo Gilda per il passaggio di licenza.

La crescita della Felicità, ci sono determinate azioni in Fantasy Life, come guadagnare per la prima volta 1000 Lyr o aiutare qualcuno, che vi forniranno dei punti felicità. Questi Punti potranno essere scambiati con Franfalla, la Farfalla parlante che accompagna ogni nuovo eroe dall’inizio del gioco e che vi fornirà delle ricompense a seconda del vostro livello di Felicità. Le ricompense possono essere semplici oggetti per abbellire la vostra casa, maggiore capienza per l’inventario, oppure la possibilità di prendere con voi un animale e anche la facoltà di utilizzare un cavallo per gli spostamenti più veloci.

A far capolino nel gioco c’è anche la possibilità di arredare le case che possono essere comprate dall’agenzia immobiliare situata di solito nelle grandi capitali di Reveria. Queste casette, che si riducono a piccole stanze, possono essere riempite con gli oggetti forniti dal gioco per aggiungere un ulteriore livello di personalizzazione all’avventura. Il gioco permette infatti di incontrare giocatori online, di visitare le loro abitazioni e di scambiare oggetti utili al proseguimento delle missioni.

Non abbiamo avuto modo di saggiare tutte le classi di Mestiere disponibili nell’avventura perché per finire il titolo, seguendo solo la trama principale, ci vogliono circa 40 ore, a cui ne vanno aggiunte altrettante per portare a termine tutte le numerose sezioni extra che potremo trovare nel classico post-game.



Come dicevamo qualche riga sopra, i mestieri disponibili sono in totale 12 ma una volta portato al massimo un mestiere si può scegliere di intraprenderne un altro diventando maestro in tutte le professioni del gioco:

Paladino
Soldato del re, sempre pronto ad affrontare mostri e a difendere chi è in difficoltà.

Mercenario
Al soldo di chiunque, questo mestiere è molto simile al Paladino ma spesso più libero in termini di gameplay.

Cacciatore
Dotato delle abilità di caccia, può procurarsi il cibo cacciando gli animali dell’universo di gioco.

Mago
Dotato di Magia e in grado di fare incantesimi, può usare questi ultimi per superare porzioni di gameplay altrimenti insormontabili.

Cuoco

Uno dei mestieri più divertenti, e uno di quelli che abbiamo approfondito di più. Esperto nell’abilità di cucina, dovrà scegliere gli ingredienti giusti per i propri piatti, viaggiare per il mondo alla ricerca di nuove ricette e superare dei piccoli quick time event per poter preparare una pietanza.

Pescatore
Dotato dell’abilità di Pesca, sarà in grado di pescare in ogni pozza d’acqua del gioco alla ricerca di pesci leggendari.

Taglialegna
In grado di abbattere alberi fornirà gli elementi indispensabili per il falegname.

Minatore
L’altro mestiere che abbiamo provato a fondo, ci porterà alla ricerca dei preziosi metalli nascosti nelle grotte di Reveria. Questi metalli potranno poi essere venduti o fatti forgiare per guadagnare soldi e creare nuove armi che non si trovano nei negozi. Grazie al suo piccone, il minatore può scavare qualsiasi filone minerario alla ricerca di oro e pietre preziose tramite una semplice pressione del tasto azione.

Fabbro
In grado di lavorare il ferro, può piegare i metalli al suo volere e forgiare armi uniche.

Falegname
Grande lavoratore del legno, potrà creare dei mobili per l’arredamento casalingo.

Sarto
Se cercate un nuovo vestito ogni giorno, il Sarto è il mestiere che fa per voi. Grazie a particolari stoffe sarà in grado di creare dei vestiti magici.

Alchimista
Dotato dell’abilità di Alchimia, potrà fondere i numerosi materiali del gioco creando sempre nuove combinazioni.

Oltre al sistema di Level up, l’altro sistema a farla da padrone e quello di Crafting: creare oggetti e raccogliere materiali e infatti una delle prerogative di questo titolo che ci porterà a raccogliere un’infinità di erbe, pietre, animali, insetti, gemme, liquidi, metalli e chi più ne ha più ne metta, che potranno essere usati per la creazioni di altrettanti materiali e oggetti.



Fantasy Life è vario e ricco di cose da fare, non annoia mai e si, anche i cuochi sanno combattere! Indifferentemente dalla classe scelta infatti, tutti i personaggi dovranno partire in un grande viaggio che li porterà a visitare tutta Reveria, un viaggio irto di pericoli ma che denota la scarsa difficoltà dell’IA nemica, che si farà sentire solo in alcune missioni del post game. Il basso livello di difficoltà è però compensato da tutto il resto: Fantasy Life è un’avventura magica, bella e semplice, da vivere a 360 gradi approfondendo ogni suo aspetto. I combattimenti sono in tempo reale e sono molto simili a quelli presenti in Zelda con i nemici che circolano per il mondo di gioco a cui basterà avvicinarsi per iniziare a combattere. Alcune classi saranno più votate ad affrontare i nemici, altre invece impareranno ad aggirarli abilmente usando abilità come la Furtività e la Magia. Potremo scegliere il percorso da affrontare e i nemici da combattere che cambiano a seconda dell’ora del giorno, il tempo viene infatti calcolato in Fantasy Life e spesso vedremo le lunghe giornate passate a raccogliere oggetti e ad esplorare antri misteriosi, giungere alla fine mentre la notte compre le nostre avventure dopo uno splendido tramonto.

La grafica di gioco è a metà tra un cel-shading classico è modelli poligonali tridimensionali buffi e cartoneschi, Level-5 non ha creato una trama da grande colossal ricca di numerosi colpi di scena ma è un elemento che passa tranquillamente in secondo piano grazie all’armonia e la leggerezza che si respira nel continente di Reveria. All’epicità viene corrisposto l’umorismo, a tratti bambinesco, ma non pensate che un mondo così non possa darvi soddisfazioni perché portare una licenza al livello massimo è una gran fatica e non ha prezzo. Il nostro piccolo eroe poligonale, posto sotto il vigile occhio della classica visuale isometrica, si muove in un universo colorato ed estremamente vivo: dagli animali alle piante, dalla natura all’uomo, tutto in Fantasy Life è stato curato nel minimo dettaglio con un occhio maniacale per i particolari. Sono centinaia le facce che incontrerete nel corso dell’avventura eppure difficilmente proverete quella sensazione di deja-vu guardando un qualsiasi NPC che fa parte dello scenario.

Le location poi sono meravigliose, se fosse possibile prenotare consiglierei una vacanza nel continente di Reveria a tutti. Nessun luogo è uguale ad un altro e ogni elemento dello scenario spruzza fantasy da tutti i pixel creando un universo che sembra il riassunto dei mondi dei primi 10 Final Fantasy. La modalità stereoscopica è tra le migliori viste su 3DS, dopo i livelli raggiunti con gli ultimi Professor Layton non ci aspettavamo di certo meno dagli studi di Level-5.

COMMENTO FINALE

Siamo stati a Reveria e vogliamo tornarci il più presto possibile, questo è il primo pensiero dopo aver staccato le mani dalla console di casa Nintendo. Fantasy Life è uno dei migliori titoli che possiate trovare su 3DS, frutto di una grande esperienza e tecnica nel mondo del fantasy, e non, acquisita da Level-5 in questi ultimi 15 anni di lavori. Dalla grafica al mix di varie tipologie videoludiche, 12 mestieri da scoprire e un misterioso universo da conquistare, Fantasy Life è un capolavoro che espande e migliora i limiti dei titoli di genere, capace di emozionare i più piccoli e di commuovere i grandi. Se avete un Nintendo 3DS questo titolo non può assolutamente mancare nella vostra collezione, concedetevi una vita fantastica, ve lo meritate!


Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Simone Alvaro "Guybrush89" Segatori

Ritrovato in tenera età su una spiaggia pixelata le sue prime parole sono state "Voglio fare il pirata!"

In mancanza di un vero galeone è partito all'arrembaggio del mare della rete depredando le conoscenze di ogni isola su cui è approdato: Ha scritto per Games, VGN, Adventure's Planet, Badgames, FlopTV, Cinefilia Ritrovata, Ridble e creato qualche video per la ciurma di Game Series Network.

Nel mentre la taglia sulla sua testa è aumentata e dopo che l'Università di Viterbo lo ha ritenuto un pericoloso "Capitano della Comunicazione", l'Alma Mater Studiorum di Bologna lo ha classificato come "Minaccia Pirata esperta di Cinema, Televisione e Produzione Multimediale".

Per circa un anno è quindi rimasto nascosto nella Cineteca di Bologna, gestendo dall'ombra l'Archivio Videoludico e organizzando anche un ritrovo piratesco conosciuto come Svilupparty.

Dopo qualche tempo passato in mare tra cinema, fumetti, serie tv, libri, aspirapolvere e videogiochi, senza mai una vera casa, mette l'ancora alla fonda nella baia videoludica di Player.it, dove passa le giornate in compagnia di scimmie, balene e altri animali. Va spesso ad ubriacarsi nella taverna di Tom's Hardware, inoltre va all'arrembaggio di libri e fumetti su Frasix, di gadget e serie TV su Nospoiler e Cinematographe e svolge ricerche su antichi manufatti per conto di Ivipro.

Il richiamo dell'oceano però lo trascina continuamente tra le onde e anche se non sa dove lo porterà il vento quello che conta davvero è il viaggio.

Michael Pachter: ‘PS4 e Xbox One? Presto saranno obsolete’

Hyrule Warriors – Video Recensione