Recensione: Forma8

Forma.8


Recensione Forma8

Forma8, ultimo lavoro del team italiano Mixedbag è stato reso disponibile quest’anno anche su Nintendo Switch dove aver avuto ottimo riscontro su Playstation 4 e Nintendo Wii U, opera attesa davvero a lungo dopo ben 3 anni dall’ultimo lavoro.

forma8

Trama

Protagonista di questa avventura è una piccola sonda che, dopo essere giunta su un pianeto alieno e aver perso ogni contatto con i propri compagni, dovrà recuperare una misteriosa energia per adempiere al proprio compito.

All’inizio non sarà facile abituarsi ai comandi e allo stile di gioco. I movimenti della nostra piccola sonda sono volutamente rigidi (per simulare l’inerzia dell’ambiente) e inoltre non disporremo di una guida che ci illustri come utilizzare al meglio i poteri che avremo a disposizione. Infatti, dal principio non potremo far altro che svolazzare (e sbattere) qua e là nei cunicoli e solo successivamente acquisiremo dei comandi per poter interagire con l’ambiente esterno (o difenderci dai vari nemici che proveranno a bloccarci la strada).

forma8

Il perfetto apprendimento e uso delle abilità avverrà solo grazie alla vostra arguzia mancando totalmente un tutorial ed una spiegazione sommaria. Dopo tanti tentativi riuscirete a comprendere il giusto modo di usare i vostri poteri ed andare avanti nel gioco, bisognerà tenere gli occhi davvero aperti per non farsi sfuggire nessun piccolo dettaglio! L’intuizione sarà la vostra arma principale per svelare gli enigmi, proseguire nella vicenda e uccidere i boss che incontrerete lungo il cammino.

Grafica splendida accompagnata da un ottima colonna sonora

L’aspetto grafico di Forma8 è quello che colpisce immediatamente il giocatore. Ritrovarsi in questo mondo scuro ma allo stesso tempo ricco di colori crea la giusta atmosfera e rende il gioco splendido. Esplorare le grotte, avventurarsi in stretti e bui cunicoli, volare nel cielo tinto di arancio fanno si che l’esperienza di gioco, oltre che divertente, sia anche arricchita dalla bellezza dei suoi scenari.

Nonostante l’aspetto complessivo sia alquanto minimalista riesce allo stesso tempo a risultare ricco di dettagli grazia ai piccoli tocchi di luci e colori disseminati qua e là.

forma8

In Forma8 la musica dona un tocco in più per creare la giusta atmosfera. Le sonorità elettroniche si sposano con l’ambientazione e quelle più ambient donano tranquillità specialmente quando ci capiterà nel corso del gioco di poter ammirare in tutta calma gli splendidi paesaggi graficamente curatissimi.

Ostacoli

All’apparente semplicità dello stile grafico non corrisponde una semplicità di gioco: non sarà affatto facile districarci nei vari ostacoli che ci si pareranno davanti. Dovremo cercare di evitare mostri/alieni che si inseguono lungo i cunicoli delle caverne, evitare il magma onnipresente nella parte bassa della schermata. I nostri nemici seppur quasi identici nel corso della partita diventeranno sempre più pericolosi acquisendo poteri nuovi e sempre più nocivi.

Dovrete inoltre fare molta attenzione ai danni che riceverete: sarà infatti molto difficile recuperare l’energia perduta! I boss, mostri all’apparenza impossibili da sconfiggere, necessitano di riflessione per trovare la giusta strategia da utilizzare.

forma8

Conclusioni

Speriamo di non dover aspettare nuovamente così a lungo per vedere la prossima creazione di MixedBag. Forma.8 si conferma una piccola pietra preziosa che ha decisamente arricchito la proposta di titoli indie su Nintendo Switch.

Il gioco è disponibile su Nintendo Switch al prezzo di 9,99 a mio avviso un prezzo assolutamente ragionevole tenendo conto della qualità del gioco! La durata è ottimale e non vi ritroverete ad ultimare il gioco in pochissime ore.

Forma8 si conferma un gioco di ottima fattura, longevo e curatissimo sotto il punto di vista grafico e sonoro, sicuramente sarà apprezzato da tutti gli amanti del genere!

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Federica

Code Vein: niente difficoltà ‘facile’

Divinity: Original Sin 2 – vendute 500.000 copie in quattro giorni