Playstation 4 – Unboxing e Recensione


Sony ci ha mandato in redazione il macchinario con cui si prepara ad affrontare la nuova generazione, la quarta evoluzione di uno dei dispositivi videoludici più famosi di sempre, un prodigio di tecnica che ha fatto la storia dei videogiochi e che si prepara a raggiungere le case di migliaia di appassionati, Playstation 4 è finalmente giunta nelle nostre desiderose mani e noi non vediamo l’ora di condividere tutte le sue potenzialità con voi utenti.
Seguiteci nella nostra recensione e videorecensione, completa di Unboxing, della nuova PS4!

articolo a cura di Guybrush89

Quando PS4 è giunta in redazione la lotta per essere il primo a tirarla fuori dalla sua valigia di cartone infuriava per i nostri uffici. Penne USB, fotocopiatrici, joystick vari, persino la biografia di Steve Jobs, tutto poteva essere usato come arma nella lotta per la supremazia. Alla fine, ne era rimasto soltanto uno, io!
E così, dopo essere passato sopra ai corpi sconfitti di caporedattori e recensionisti, un tempo colleghi ed amici, ho potuto sfilare dal suo involucro di cartone la bianca valigia contenente il futuro videoludico di Sony e osservare con avidità tutto quello che ha da offrire.

UNBOXING

Tolta la pratica valigia dal suo involucro cartonato che ricorda ai giocatori colore, Jet Black, capacità, 500 GB e la possibilità di un abbonamento gratuito Plus di 14 giorni, mi avventuro alla scoperta dell’interno della confezione. All’interno della valigia trovo la console saldamente posizionata nella parte sinistra del contenitore ed avvolta in una delicata pellicola protettiva. Nella parte destra della scatola possiamo invece trovare il libretto della garanzia, alcune Quick Guide in diverse lingue e il libretto di istruzioni. Messi da parte i preziosi fascicoli informativi mi preparo a tirare fuori dalla confezione tutta la cavettatura che comprende un cavo HD, il cavo dell’alimentazione, un cavo di ricarica Joystick ed un auricolare originale Sony per la Cross Game Chat, chiesta a gran voce da tutti i player della precedente generazione e che ricordo sarà gratuita senza bisogno di un abbonamento PSN+, a differenza del multiplayer online che invece richiederà l’abbonamento proprio come il Gold di Xbox. L’auricolare sfrutterà il Wi-fi del controller per collegarsi a PS4. Il Joystick è fornito infatti di un piccolo jack posto tra i due analogici a cui andrà collegato l’auricolare. Prima di estrarre la console dai suoi blocchi di cartone e necessario fare un analisi approfondita del nuovo Dualshock 4.

UN CONTROLLER TUTTOFARE



Il Dualshock 4, oltre ad essere un vero e proprio gioiellino di design non molto lontano però dalla precedente generazione, presenta ora una forma più tondeggiante e aggraziata con l’impugnatura allungata per un’ergonomia maggiore rispetto a prima. Leggermente più pesante del suo antenato, il nuovo Dualshock mantiene tutti i tasti che lo hanno reso famoso allungando la punta dei grilletti per una pressione immediata e abbandonando gli ormai familiari START e SELECT che sono rispettivamente sostituiti da OPTIONS e SHARE. Il tasto Options continuerà a funzionare proprio come faceva Start nell’ambito del gaming. Nella Dash principale della console invece tramite il tasto Options potremo visualizzare tutti le opzioni disponibili per ogni elemento o applicazione presente. Il tasto Share invece, già dal nome ci fa capire il tipo di impronta che Sony ha voluto dare a PS4, ovvero quella di una console votata alle interazioni social senza dimenticare però lo scopo per cui è nata, ovvero l’intrattenimento videoludico.
Grazie al tasto Share sarà possibile, durante il gioco, condividere screenshot e video con i nostri amici o sul social network scelto. Il tasto Share funziona come un vero e proprio telecomando di una scheda di acquisizione: tenendolo premuto si scatterà uno screen della schermata di gioco, premendolo 2 volte si attiverà l’acquisizione video capace di importare fino a 15 minuti consecutivi sulla console ed infine, premendolo una sola volta si avrà accesso al menù share dove gestire tutti i contenuti acquisiti e in cui scegliere quali condividere con gli amici. Gli analogici hanno ora una sorta di contorno rialzato che li rende concavi fornendo al pollice del giocatore un’aderenza maggiore anche nelle fasi più impegnative.


Il tasto PS, che troneggiava al centro del precedente controller, è stato rimpicciolito e spostato tra i due analogici per far spazio al touchpad che si estende da pulsantiera direzionale a pulsantiera colorata.
Il touchpad è molto simile a quello visto su PS Vita ed oltre ad essere un dispositivo touch potrà essere cliccato proprio come succede con gli analogici (L3,R3). Le funzionalità del touchpad variano da gioco a gioco, per farvi un idea leggete come è stato implementato in Killzone Shadow Fall sulla nostra recensione.
Tra il tasto PS e il touchpad è stato inserito un altoparlante che riprodurrà alcuni degli elementi di gioco un po’ come succede con i controller della Wii. Ultima, ma non ultima novità del Dualshock è il led colorato inserito sopra il joystick tra i vari L e R, proprio accanto al logo Sony e la presa per la ricarica USB. Il led comunicherà la batteria del controller cambiando colore e potrà essere utilizzato anche in alcuni titoli per rappresentare lo status dei personaggi. Vicino al jack per l’auricolare citato nella sezione UNBOXING, troveremo la misteriosa porta EXT, ovvero Extension Port, che sarà probabilmente utilizzata per qualche accessorio futuro.
Con il suo design accattivante, il touchpad, la lightbar colorata e l’altoparlante, il nuovo controller PS4 e un tripudio di tecnologia che non rovina l’idea di controller Playstation, tanto amata dai giocatori, ma la potenzia, l’unica pecca sono i tasti Options e Share, forse troppo piccoli e scomodi da raggiungere ma magari è solo una questione di abitudine.

IL NUOVO MONOLITO NERO

Finito di analizzare il controller mi sono dedicato a rimuovere dalla scatola e dal velo protettivo la console e finalmente eccola qua, Sony Playstation 4, più pesante della Playstation 3 Slim ma meno pesante della precedente versione Fat. La scocca nera divisa da un incavo che nasconde una lightbar con il funzionamento simile al Dualshock. Ps4 è un monolito di forma trapezoidale che sfoggia sulla parte frontale due porte USB, per la ricarica del controller o per la connessione con altri dispositivi, il vano disco e due piccolissimi tasti a sfioramento: l’accensione e l’espulsione del blu-ray. L’HD interno da 500 GB, di cui è possibile utilizzarne però 409 per lo spazio riservato al software di sistema, è nascosto nella parte sinistra lucida della console. Sul retro troviamo la presa per l’alimentazione, la porta HDMI, la presa per il cavo di rete e l’entrata AUX per il Playstation Eye. Inutile annoiarvi con le numerose specifiche tecniche della console che da mesi ormai vengono ripetute continuamente. Vi basti sapere che con i suoi 8 cuori Jaguar e gli 8 GB di Ram DDR5, riesce a creare una magia mai vista sulle console casalinghe. Leggete la nostra recensione di Killzone Shadow Fall per farvi un’idea.
Direi che è arrivato il momento di attaccare la spina e lanciarci alla scoperta della nuova Dash di PS4.

BENVENUTI O BENTORNATI IN PLAYSTATION

Il Design della Dashboard Playstation non si allontana molto dalla terza versione del software con tanto di onda che scorre ancora più fluida e soave sullo sfondo della dashboard. Il menù della home  è composto da grandi icone quadrate che vengono messe in evidenza mostrando le NOVITA’, il GIOCO INSERITO, il BROWSER internet, la sezione TV E VIDEO, i Servizi di MUSICA e VIDEO UNLIMITED, la PLAYROOM, una applicazione che ci permetterà di interagire con la Playstation Eye, la sezione LIVE DA PLAYSTATION, in cui caricare i nostri gameplay in diretta, ed infine la sezione RACCOLTA dove troveremo tutti i giochi scaricati.

Scendendo verso il basso da una qualsiasi di queste applicazioni raggiungeremo un livello ulteriore che ci presenta novità e informazioni sull’applicazione scelta. Salendo invece verso la parte più alta del menù, ci troveremo di fronte al classico menù visto su PS3 con l’aggiunta di qualche nuova icona: NOTIFICHE, sezione in cui visualizzare tutte le ultime notifiche ricevute dal sistema, gli inviti degli altri giocatori, i download e i caricamenti in corso o completati, PARTY, in cui creare delle vere e proprie chat con più giocatori per chattare testualmente o attraverso la Cross-Game Chat, PROFILO, sezione in cui gestire il nostro profilo PSN, collegarlo a facebook e scegliere cosa condividere ( Trofei sbloccati, titolo a cui si gioca ecc… ), TROFEI, la sezione trofei è aggiornata con un design più accattivante ed una nuova statistica sulla rarità di ogni trofeo basato su quanti giocatori hanno ottenuto dato trofeo e sulla difficoltà nell’ottenerlo.
Nelle IMPOSTAZIONI troveremo nuove funzionalità della console, come la nuova funzione di lettura del formato in alta definizione 4K, la possibilità di gestire la console tramite Playstation App ( Applicazione in uscita sul mercato mobile ) e la GESTIONE DELLA MEMORIA DI ARCHIVIAZIONE DEL SISTEMA in cui l’HD viene suddiviso in spazio disponibile per: Applicazioni, Catture ( Tramite il tasto Share ) e dati Salvati delle applicazioni.



Nello Store PSN, identico a quello di PS3, troviamo una nuova sezione chiamata CONVERSIONE DA PS3 A PS4 che per il momento risulta vuota. Probabilmente dopo il lancio della console, in questa sezione verranno inseriti i giochi cross-gen, come Assassin’s Creed 4: Black Flag, che godono di una doppia versione old e next-gen. Anche la modalità di fruizione della console è cambiata, sarà infatti possibile metterla in stanby proprio come succede con i tablet o i cellulari, rimanendo così sempre collegati alla rete. Perfino i giochi vengono gestiti come applicazione e con una semplice pressione del tasto PS si tornerà al menù principale dal gioco che verrà messo in background proprio come succede con le applicazioni di uno smartphone. La velocità di interazione tra gioco e menù è ora istantanea rispetto a PS3 che invece prevedeva l’attesa di diversi secondi per passare dalla partita alla dash e viceversa.
L’ACCOUNT PSN precedente potrà essere caricato, importando tutti i dati e trofei, semplicemente inserendo password e mail di accesso nell’apposita sezione del menù preservando tutti i giorni di plus acquistati.

COMMENTO FINALE

La nuova Playstation 4 di Sony è una console pratica e con una forte denotazione social. La possibilità di acquisire contenuti e condividerli con pochi semplici passaggi, l’immediatezza con il sistema e le novità offerte non fanno che dimostrare la genuinità di un macchinario capace di unire le tendenze della modernità con il gaming più puro. PS4 è la dimostrazione che Sony ha un occhio attento per le richieste dei videogiocatori che non solo si troveranno davanti un avanzata console di gioco ma uno strumento multimediale che offre un sistema di intrattenimento a 360°.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Simone Alvaro "Guybrush89" Segatori

Ritrovato in tenera età su una spiaggia pixelata le sue prime parole sono state "Voglio fare il pirata!"

In mancanza di un vero galeone è partito all'arrembaggio del mare della rete depredando le conoscenze di ogni isola su cui è approdato: Ha scritto per Games, VGN, Adventure's Planet, Badgames, FlopTV, Cinefilia Ritrovata, Ridble e creato qualche video per la ciurma di Game Series Network.

Nel mentre la taglia sulla sua testa è aumentata e dopo che l'Università di Viterbo lo ha ritenuto un pericoloso "Capitano della Comunicazione", l'Alma Mater Studiorum di Bologna lo ha classificato come "Minaccia Pirata esperta di Cinema, Televisione e Produzione Multimediale".

Per circa un anno è quindi rimasto nascosto nella Cineteca di Bologna, gestendo dall'ombra l'Archivio Videoludico e organizzando anche un ritrovo piratesco conosciuto come Svilupparty.

Dopo qualche tempo passato in mare tra cinema, fumetti, serie tv, libri, aspirapolvere e videogiochi, senza mai una vera casa, mette l'ancora alla fonda nella baia videoludica di Player.it, dove passa le giornate in compagnia di scimmie, balene e altri animali. Va spesso ad ubriacarsi nella taverna di Tom's Hardware, inoltre va all'arrembaggio di libri e fumetti su Frasix, di gadget e serie TV su Nospoiler e Cinematographe e svolge ricerche su antichi manufatti per conto di Ivipro.

Il richiamo dell'oceano però lo trascina continuamente tra le onde e anche se non sa dove lo porterà il vento quello che conta davvero è il viaggio.

Killzone Shadow Fall – Recensione

Contrast – Recensione