Bejeweled 3 – Recensione


Bejeweled è uno dei puzzle game più copiati di tutti i tempi, sono molti infatti gli sviluppatori che hanno proposto nei propri giochi, soprattutto dedicati a Facebook e a smartphone e tablet, un gameplay simile e solo leggermente modificato nelle dinamiche. Sulla scia del successo delle due precedenti iterazioni, PopCap Games ha deciso di portare su PlayStation 3 Bejeweled 3: sarà divertente come in passato? Ecco la nostra recensione.

Durante lo scorso anno, PopCap Games è stata al centro dell’attenzione dell’industria videoludica per via dell’acquisizione da parte di Electronic Arts, che ha visto lo sviluppatore come un potenziale ottimo team da includere tra le proprie fila. Grazie a giochi come Bejeweled e Piante VS Zombie, PopCap si è infatti cucito addosso la nomina di miglior realizzatore di puzzle game, e in effetti anche questa terza iterazione riesce a offrire un gameplay davvero semplice ma divertente e accattivante.

Saremo impegnati ancora una volta a far fronte a delle gemme colorate da abbinare e far esplodere: la struttura del gioco propone un riquadro riposto al centro dello schermo con, appunto, questi gioielli che cadono dall’alto verso il basso e che dovremo eliminare accostandoli in base al colore. L’obiettivo è quello di eliminare quante più gemme possibili, magari creando utili combo che serviranno per incrementare il punteggio. Insomma, non è di certo un gameplay originale, ma comunque riesce ad offrire tante ore di divertimento, facendo restare il giocatore incollato allo schermo. Questo, infatti, sarà incentivato a giocare e giocare più volte per battere il proprio record personale.

Questo Bejeweled 3 si differenzia dagli altri titoli della medesima serie per le diverse meccaniche di gioco che propone, che riescono a variare un po’ il gameplay e ad offrire una longevità maggiore rispetto a quanto è possibile immaginare. V’è infatti la modalità Fulmine, ovvero una rivisitazione della classica sfida contro il tempo, in cui si dovrà cercare di battere il record entro un determinato limite di tempo; figura poi Zen, ovvero l’opposto della prima, in cui non ci si dovrà preoccupare dei secondi che passano inesorabili, e infine le Missioni, in cui si dovranno portare a termine determinati obiettivi. Questa terza modalità è senza dubbio quella che abbiamo ritenuto più interessante.

Altri giochi secondari

PopCap ha inserito anche altri giochi secondari in Bejeweled 3 per PS3, che riescono a fornire al giocatore altre ore di gioco senza che si debba preoccupare di annoiarsi. La prima è Zuma, un rompicapo che sfida a impedire che una fila di sfere colorate raggiunga la fila del percorso: dovremo combinare le sfere del medesimo colore per distruggerle e rallentare così l’avanzata. Peccato per l’assenza del multiplayer in questo mini-game, che avrebbe fornito un livello di sfida maggiore. Freeding Frenzy 2 invece ci mette nei panni di un piccolo pesce e lo scopo sarà quello di mangiarne altri, più piccoli, senza farsi divorare dai pesci più grandi. A mano a mano che si procederà, il nostro pesciolino acquisirà dimensioni maggiori e avremo a disposizione anche power up e bonus vari che ci aiuteranno a mangiare tutto ciò che troveremo. Potremo qui giocare anche con un amico.

Comparto tecnico

Bejeweled 3 propone in classico stile che ha reso famosa la serie: la realizzazione visiva è semplice, con un 2D piuttosto colorato, fondali statici, un comparto sonoro coinvolgente e ben azzeccato. Insomma niente di eccessivamente strutturato, ma del resto si tratta di un puzzle game concepito per i dispositivi portatili e per i social network come Facebook.

Conclusioni

Bejeweled 3 sbarca anche su PlayStation 3 e probabilmente sarà apprezzato dagli amanti del genere puzzle game, che troveranno in questa nuova iterazione alcune modalità interessanti e nuove sfide che li faranno restare incollati allo schermo. Ottimo comparto sonoro, con musiche ben studiate da PopCap, ma il comparto tecnico soffre del concept per dispositivi portatili e social network. Buona la longevità e i mini-giochi che arricchiscono la struttura principale: il consiglio è quello di prenderlo solo se siete appassionati del genere.

Voto: 6.5

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Prototype 2 – in video il DLC Forza Eccessiva!

Resistance: Burning Skies – Recensione