PlayStation Vita – Caratteristiche tecniche, funzioni e giochi


playstation-vita-ppt

Dopo l’approdo in territorio Giapponese con pochi alti e tanti bassi, VITA, la nuova console portatile di SONY è pronta per giungere anche sul territorio europeo e noi di Games.it, a pochi giorni dalla release, abbiamo avuto modo di testarla in lungo e largo e questa è la nostra recensione.

TECNICAMENTE SUPERIORE

Partiamo con questo nostro speciale parlando delle specifiche tecniche che la nuova console di SONY mette in campo facendo un semplice listato per poi andare successivamente nel dettaglio.

– CPU: Quad Core
– GPU: SGX543MP4+
– Dimensioni: 182.0 x 18.6 x 83.5 mm
– Schermo: Oled Multi Touch da 5 pollici, Touch pad sul retro
– RAM: 512 MB
– VRAM: 128 MB
– Risoluzione: 960 x 544 pixel in formato 16:9
– Frame Rate: 120fps a 320×240, 60fps a 640×480
– Connettività: GPS 3G (solo modelli 3G+WiFi), Bluetooth 2.1 e Wi-Fi IEEE 802.11 b/g/n (tutti i modelli)
– Funzioni: Accelerometro e Giroscopio
– Fotocamere: Anteriore e posteriore (VGA 640×480)
– Batteria agli ioni di litio a 8 celle

Grazie alla potenza data da CPU e GPU e all’ampia memoria RAM e VRAM presente sulla console, VITA è una delle più potenti console rilasciate negli ultimi anni, superiore sicuramente a tutte le console portatili e in grado di competere per potenza e resa anche con le ultime console casalinghe, PS3 in primis. Grazie poi agli ottimi altoparlanti stereo e al microfono integrato, anche dal punto di vista audio la nuova console di SONY è in grado di offrire un’ottima resa – migliorabile poi utilizzando cuffie o sistemi audio amplificati attraverso lo slot specifico. Manca del tutto e a dirla tutta è una delle cose più strane, una porta per l’uscita video integrata negli ultimi modelli di PSP. La scelta operata da parte di SONY è certamente discutibile, soprattutto in un mondo come quello di oggi dove moltissimi giocatori amano registrare le proprie partite attraverso schede e sistemi di acquisizione per poi pubblicarli online su siti come YouTube.

Cambio netto rispetto alla precedente console portatile è il formato utilizzato per i supporti, abbandonato il fallimentare UMD, SONY ha puntato verso una memory card dal formato proprietario con lo stesso nome della console. A questo slot si aggiungono poi quelli per le memory card esterne – anch’esse con un formato proprietario anche se scommettiamo che a breve saranno disponibili le solite versioni tarocche – e per la SIM card necessaria per la connessione 3G (fornita al momento in esclusiva da Vodafone grazie ad una scheda presente in ogni modello 3G della console. Ottima la quantità di formati supportati, da musica a video con formati che vanno dall’MPEG-4 all’MP3, MP3, WAVE e altro.

Non mancano poi ovviamente le funzioni presenti nella console, dai Trofei sino alla novità NEAR – un po’ scopiazzata dal sistema Street Pass Nintendo. Si tratta di una funzione che consente alla nostra console di comunicare con le altre PS VITA nelle vicinanze così da scambiare oggetti ed altre caratteristiche dei vari giochi. Grazie alle due fotocamere e all’esperienza fatta attraverso Eye Toy e Move, non manca la possibilità di giocare titoli con la funzione “AR” (Augmented Reality, ossia Realtà Aumentata). Attraverso la funzione Party i giocatori potranno poi ritrovarsi in stanze di discussione dove parlare liberamente anche se impegnati in attività differenti, sulla falsariga dei Party di Xbox 360.

Impossibile non citare poi la funzione Remote Play di cui si è molto discusso. Questa feature consente a tutti i giocatori, con i titoli disponibili, di trasformare la propria PS VITA in un pad aggiuntivo per PS3 o di “trasportare” il gioco da PS3 a PS VITA e continuare dunque a giocare il proprio gioco anche fuori da casa o lontani dal divano. Non manca infine la retro-compatibilità, su PS VITA infatti è possibile scaricare e giocare senza problemi tutti i titoli già presenti all’interno del PSN per PSP, cosa che aumenta notevolmente la quantità di titoli disponibili con cui divertirsi.

TUCA TUCA TUUUUUCA… L’HO INVENTATO IIIIIIIIO

Una delle funzioni più importanti e innovative per SONY sono senza ombra di dubbio quelle legati al tatto. Tanto lo schermo OLED da 5 pollici anteriore che il pannello posteriore di dimensioni leggermente inferiori sono infatti pannelli touch che il giocatore può toccare con le dita per interagire all’interno del gioco. Il titolo che ad oggi meglio interpreta queste funzioni è indubbiamente ModNation Racers che grazie al suo ampio e profondo editor ci consente di creare interi tracciati usando solo ed esclusivamente le dita – agendo ad esempio sul monitor faremo scendere il livello del terreno, mentre toccando il pannello posteriore creeremo delle montagne. Anche Uncharted: L’Abisso d’Oro sfrutta entrambi i pannelli, l’anteriore ad esempio è utile per segnare una strada da far percorrere al personaggio in automatico, mentre attraverso il posteriore potremo scalare oggetti e liane.

Ma i controlli tattili non sono l’unica novità, sfruttando infatti accelerometro e giroscopio, all’interno di giochi e applicazioni potremo muovere oggetti e personaggi. In Uncharted un esempio lo avremo attraverso il minigioco delle fotografie o le liane – nel primo caso sposando la console sposteremo anche l’inquadratura, nel secondo muovendo la console avanti e indietro potremo dondolare su di una liana.

GIOCHIAMO?!

Vario e decisamente ampio il comparto titoli già disponibile per la nuova console di SONY con prezzi decisamente variabili, cosa del tutto nuova per SONY. Non siamo ancora nel mondo in stile Apple dove attraverso lo store con 99 centesimi si possono già acquistare buoni titoli, ma stando a quanto visto sino ad ora, i prezzi varieranno da un massimale di 49.99 € per i titoli di alta fascia ad un minimo di 29.99 € – con una fascia intermedia a 39.99 €.

Ma parliamo di videogiochi. Senza considerare la possibilità di giocare su PS VITA tutti i titoli disponibili sul PSN per PSP, la lineup disponibile al lancio della console spazia in ogni genere e tipologia, dagli action adventure in cui domina incontrastato Uncharted: L’Abisso d’Oro, agli sportivi con FIFA sino alle gare con l’immancabile WipEout 2048. Ma non è tutto qui, la lineup di VITA, tra titoli scatolati e disponibile esclusivamente in digital delivery, conta quasi un centinaio di videogiochi, alcuni semplici porting di titoli già presenti sul mercato – Rayman Origins, Ultimate Marvel vs. Capcom, F1 2011, Virtua Tennis – ed altri completamente nuovi – Little Deviants, Gravity Rush e lo stesso Uncharted già citato.

Ma la lista non finisce qui, anzi giorno dopo giorno si arricchisce di nuovi sviluppatori al lavoro sulla console di SONY. Parliamo di Zipper Interactive (Unit 13), Activision (Call of Duty), Level-5 (Time Travelers), Atlus (Persona 4), NetherRealm (Mortal Kobat), Team Ninja (Ninja Gaiden Sigma Plus), Kojima Productions (Metal Gear Solid), Irrational Games (Bioshock) e gli stessi Rocksteady Studios che forse porteranno il loro Batman: Arkham City non solo su Wii U, ma anche su VITA.

Insomma, con VITA c’è già tanto da giocare e ancor di più arriverà nei prossimi mesi.

CONCLUSIONE

In conclusione la nuova console di SONY sembra avere tutte le carte in regola per conquistare il mondo delle piattaforme di gioco portatili. Mancano alcune caratteristiche introdotte con le ultime versioni di PSP, uscita video in primis e il prezzo, seppur non proibitivo, può portare l’utente medio a voler attendere prima di fare un investimento così importante. Per quanto ci compete, anche alla luce di alcuni ottimi giochi che abbiamo già avuto modo di provare e di cui troverete presto le recensioni su Games.it, VITA vale ogni centesimo del suo prezzo e ha tutte le potenzialità per stabilire nuovi standard nel mondo delle console portatili.

Se non siete ancora pienamente convinti, il nostro consiglio è di buttarvi nell’acquisto accompagnando la console da uno dei giochi di prima fascia che maggiormente vi attraggono. In caso negativo, attendete un taglio di prezzo e in tal caso correte ad acquistare la vostra nuova console, non ve ne pentirete.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

FIFA Football – Recensione

The Simpsons: Tapped Out – Ricostruisci Springfield su iOS