Tra le varie aziende del settore videoludico, Nintendo occupa un posto di primissimo rilievo. A differenza di Sony e, soprattutto, di Microsoft, Nintendo è l’unica impresa che guadagna unicamente dai videogame che produce. Proprio per questa ragione, la grande N ha una politica ben precisa sui suoi videogiochi. Nell’epoca in cui, nei videogame, tutto sembra concesso, Nintendo ha sempre cercato di supervisionare personalmente i contenuti che finivano nei suoi titoli. I videogiochi targati Nintendo nascono per essere giocati da un pubblico generico, senza distinzioni o restrizioni di età. In parole povere: chiunque potrebbe giocare un gioco Nintendo, da un bambino ad un adulto. Proprio per questa ragione, l’azienda giapponese ci ha tenuto a chiarire un aspetto legato a Mario Odyssey. Nintendo rettifica dicendo che Mario “catturerà” le creature di cui prenderà il controllo, senza “possederle”.

Nintendo rettifica: le parole sono importanti

nintendo rettifica mario odyssey
Cappy, è tutta colpa tua!

È facile immaginare quanto sia alto e palpabile l’hype su Mario Odyssey. Il titolo, presentato ufficialmente all’E3 2017, rappresenta l’esclusiva di punta per Switch, la nuova console Nintendo. Proprio per questa ragione, l’azienda intende chiarire ogni possibile equivoco.

Il fraintendimento è nato su Cappy, il famosissimo cappello di Super Mario. Nel gameplay visto allo showcase Nintendo, abbiamo notato come Mario sia capace di prendere il controllo, di “possedere“, praticamente, qualsiasi creatura, persona o oggetto presente in uno stage, semplicemente attraverso il suo cappello. Tutti quelli che hanno avuto la possibilità di giocare il titolo all’E3 possono garantire che questa meccanica di gioco garantisca al giocatore un elevato numero di approcci possibili al gameplay. Tuttavia, resta da chiarire quale sia il processo con cui Mario prende il controllo degli NPC.

“Cattura” o “Possessione”?

Il celebre disegnatore Sam Logan ha provato a dare una sua spiegazione al fenomeno. Sul suo profilo Twitter, Logan ha chiarito che, secondo lui, Mario prenderebbe il controllo degli NPC attraverso una sorta di “possessione”, proprio come se fosse un fantasma. Il fumettista prova a spiegarci la sua versione attraverso un’illustrazione da lui realizzata.

Inutile dire che il tweet in questione è diventato virale nell’arco di pochi istanti. Tempo qualche minuto, Nintendo rettifica, affermando che l’idraulico più simpatico del mondo dei videogiochi si limiterebbe a “catturare” gli NPC, liberando il campo da ogni spiegazione soprannaturale.

Ancora una volta, Nintendo conferma, qualora ce ne fosse bisogno, l’attenzione e la cura con cui tratta la propria fanbase, soprattutto quella di età più giovane. Ricordiamo a tutti i nostri lettori che Mario Odyssey uscirà il prossimo 27 Ottobre 2017 in esclusiva su Nintendo Switch.

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!