Limbo – Recensione


Recensione di Matteo Cacciari

Limbo è uno di quei giochi che fa fermare tutti e dire: “Wow, che cos’è?” non appena lo si vede. E’ un puzzle/platform game in 2D, con un inquietante bianco e nero. Limbo ha vinto il premio per l’eccellenza tecnica in questo anno di Independent Games Festival, e mentre non sono proprio sicuro di cosa ciò significhi, sò che il gioco merita un qualche tipo di premio. Questa avventura si può riassumere in “prova e muori”. È stato progettato per uccidere il giocatore spesso, ma anche per dare le informazioni di cui si ha bisogno per superare l’ostacolo la prossima volta. La cosa davvero sorprendente, è che questo “schema” evita di essere frustrante per trasformarsi in una delizia.


Prima di questa settimana, non avevo mai sentito parlare di Limbo. Ora, dopo aver visto e giocato il gioco, non posso smettere di pensarci. Xbox Live è la patria di dozzine di giochi di puzzle con titoli bizzarri. Pochi, però, sono davvero originali o innovativi, alcuni finiscono con l’avere cattiva progettazione e controlli. Altri sono ripetitivi; Limbo è diverso, è un titolo vale la pena ricordare, se ti piacciono i giochi puzzle. Ecco cinque motivi.

E’ bello

Sì, ho giocato a giochi in bianco e nero prima, ma nessuno come Limbo, lo schermo non è stato semplicemente svuotato di colore, e non ti senti come se stessi giocando su un obsoleto TV del 1950. Limbo sembra più una fotografia astratta che si trova sospeso in un museo d’arte, o un vecchio libro di illustrazioni scoperto in un angolo polveroso della libreria. Il mondo è stato ridotto a nient’altro che ombra e luce, forme e linee. la scenografia è splendida, e ancora di più in movimento.

E’ semplice

I migliori puzzle sono facili da imparare e difficile da padroneggiare. Limbo è intuitivo fin dall’inizio, non ci sono nemmeno le istruzioni. Carichi il gioco, un bambino in piedi appare sullo schermo, circondata da alberi, e il giocatore si aspetta di imparare tutto il resto da sè, semplicemente sperimentando. Un pulsante salta, un secondo pulsante esegue semplici azioni sensibili al contesto, e lo stick analogico muove il ragazzo avanti e indietro.
Tutto qui. Limbo è un unico, ininterrotto, livello a scorrimento laterale. Nessuna musica solo effetti sonori naturali – e la storia è raccontata interamente attraverso immagini e azioni. Non ho sentito nessun dialogo ne letto alcun testo. so solo che la storia coinvolge un fratello alla ricerca della sorella scomparsa.

E’ complesso

Due colori, due pulsanti e uno stick analogico? Quanto può essere difficile Limbo? La risposta vi sorprenderà, come pure metterà seriamente alla prova le vostre abilità mentali. All’inizio, l’unica cosa di cui preoccuparsi è correre avanti e saltare oltre gli ostacoli. Nel giro di cinque minuti, però, ci si ritrova a oscillare su corde, in barca a vela sui laghi, schivare massi e posizionare con attenzione delle trappole in acciaio per catturare le gambe di un enorme ragno omicida.
Poi dovremo ingeniarci a risolvere puzzle molto più complessi, commutare gravità e spegnere o attivare pulegge in posizioni esatte, correre in cima a ingranaggi rotanti cercando disperatamente di evitare il pavimento elettrificato sotto. Ci troveremo anche a interagire con creature ostili per progredire. In Limbo i controlli possono essere semplici, ma le modalità di gioco e gli ambienti non lo sono assolutamente.

E’ misterioso

Perché questa piccola ombra di un ragazzo alla ricerca di sua sorella? e che cosa le è successo? Visto i suoi occhi sono un bagliore nel buio, lui è veramente un ragazzo a tutti gli effetti? Dove si trova? E perché il buio bosco di alberi, l’acqua e la fauna selvatica mortale alla fine si fondono, a combinaresi, con una “realtà” industriale di metallo, di scintille e macchinari mortali? Perché il titolo è Limbo? Sei bloccato? Preso tra un incubo e la vita di veglia, o tra paradiso e inferno? E’ questo gioco il purgatorio, ed è la ricerca di tutto ciò che è nobile e innocente?
Questo è un gioco che fa pensare, tutte le questioni di cui sopra, galleggiano nella mia mente.

E’ raccapiricciante

Piacerà anche ai fan di gioco di azione violenta, ed ecco perché. Per un gioco di puzzle, è brutale. Quando non si riesce, si fallisce davvero. Mancare un salto porterà il vostro personaggio a essere impalato sulle punte sotto. Sbagliare i tempi di un mostro e si finisce accoltellati da una pinza con le dimensioni di un tronco d’albero. Finisci in una tagliola e ti ritroverai tagliato a pezzi con zampilli di sangue. È possibile annegare. Si può essere distrutti. Puoi essere fulminato. Potrete ritrovarvi soffocati in un bozzolo di ragnatela e lasciati sospesi sul soffitto di una caverna come spuntino di mezzanotte. Ho citato i ragni, ma ho anche visto creature a trentadue denti e vermi agganciare la testa del ragazzo, affondare nel suo cervello e soffocare il suo movimento. Tutte queste morti e smembramenti sono raffigurati in ombra naturalmente, ma questo rende quasi l’orrore peggiore. La vostra immaginazione riempie l’incubo con dettagli molto più macabri di quello che avrebbe potuto una manciata di pixel.
Limbo uscirà mercoledì 21 luglio, in esclusiva su Xbox Live Arcade. Se questo articolo non vi ha convinto che il gioco vale la pena, provate la demo rimarrete ipnotizzati.

Votazione finale: 9.0

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Nintendo 3DS – Hands On

Namco Vs Capcom e Capcom Vs Namco al Comic Con?