Dawn of War 2


Recensione di Fabiano “Deimos” Zaino

DAWN OF WAR ll

dawnfrontLa serie di Dawn of War, nasce da un wargame da tavolo chiamato Warhammer 40.000 che è incentrato su una ambientazione futuristica che prende ispirazione dal libro Fanteria della spazio.
Dawn of War 2 si presenta come uno dei migliori successori sul mercato, tant’è che il primo gioco aveva messo in campo una serie di migliorie non indifferenti per il genere degli RTS in tempo reale.

GUERRA NELLO SPAZIO

Per chi è già andato a vedere la votazione finale, sappiate che Dawn of War 2 è un gioco che si fa apprezzare nel migliore dei modi ma che si farà anche odiare per poco. Immergendoci completamente nel mondo di Warhammer 40.000, ne vedrete delle belle e, per chi non ha potuto toccare con mano il primo titolo (consigliatissimo), questo secondo capitolo regala 25 ore di divertimento single player senza alcun tipo di compromessi o di difficoltà nel suo comparto di gameplay.

Ci sono quattro tipi di unità presenti in Dawn of War 2: gli Space Marine, gli Orki, gli Eldar e per ultimi, i Tyranid. Gli Space Marine vengono direttamente dal mondo del gioco da tavolo originale: sono una delle razze più importanti dal punto di vista tattico e bellico anche se il numero delle unità presenti su schermo non è quasi mai superiore a quelle del nemico. Riuscire a utilizzare gli Space Marine al massimo del loro profitto, vi porta alla goduria assoluta e la loro potenza di fuoco, anche per quanto riguarda i mezzi, è senza pari.
In secondo luogo troviamo gli Orki, brutti sporchi e cattivi, come si usa dire di solito: le loro unità sono grezze e mal equipaggiate, il numero delle unità è abbastanza numeroso per gestire le battaglie e hanno a disposizione un buon numero di statistiche per accrescere armature, velocità e potenza di fuoco.
Gli Eldar sono una delle razze che provengono anche dal primo Dawn of War, sono molto potenti sia per quanto riguarda gli attacchi a corto e lungo raggio e funzionano bene anche per quanto riguarda gli assalti furtivi. Come le unità degli Space Marine, anche gli Eldar si pongono come unità dall’aspetto più qualitativo che di numero, tant’è che al massimo della loro produttività, saranno totalmente letali.
Una delle loro caratteristiche principali è quella di teletrasportare le proprie unità da una parte all’altra della mappa – un vantaggio tattico non indifferente, per alcune campagne di gioco.
Per ultimi troviamo i Tyranid, vera e propria novità di questo seguito. Personalmente trovo delle affinità (anche a livello grafico) con gli Zerg del famoso Starcraft. La loro forza principale è data dal numero delle unità presenti sui campi di battaglia, anche se le loro tattiche strategiche e, soprattutto, la difesa delle armature, è alquanto bassa. La cosa certa è che nel loro massimo utilizzo, il loro elevato numero di unità, è capace di far sfiancare e indebolire notevolmente qualsiasi altra unità presente.

dawn2

Sappiate che nel gioco non dovrete assolutamente preoccuparvi della costruzione di edifici o della racconta di risorse, scordatevi dunque i canoni classici del genere degli RTS. In secondo luogo, durante gli scontri, dovrete tenere sotto controllo quasi tutte le unità presenti, questo perché il gioco non permette un afflusso continuo di carne da cannone. Durante la missione questi soldati possono venire uccisi sul campo e l’unico modo per ottenerli nuovamente è di trovarsi vicino a dei radiofari disseminati sulla mappa, ancora, si possono ottenere conquistando una delle tre strutture bonus a lungo raggio.
La tipologie delle missioni proposte, principalmente, ci vede nello sterminio indistinto di tutto quello che si muove a schermo, questo serve sia per conquistare numerosi punti di controllo ma anche per aumentare le skill (punti di vita, armature, potenza di fuoco) delle truppe – siamo dunque su un genere di RTS che si fonde con quello degli RPG. Dopo la descrizione delle unità presenti nel gioco, parliamo della vera novità di Dawn of War 2 e cioè quella degli eroi, veri e propri Leader delle unità presenti nel campo di battaglia. Il gioco vi darà la possibilità di usare sei eroi differenti, disponibili nelle varie fasi del gioco e ognuno dotato di specialità nel combattimento ravvicinato o in quello a distanza (mischia, fuoco di sbarramento, assassinio, difesa etc). Ricordatevi anche che il leader di ogni fazione non potrà mai morire ma solo rimanere stordito per qualche attimo, in questo frangente, potrà essere rianimato solamente da un altro eroe: nelle fasi più difficili del gioco, sappiate che si potrà arrivare anche al famoso game over con la morte di ogni eroe che tanto nei giochi (soprattutto in quelli recenti) manca da tempo. La campagna principale è suddivisa in giornate che a sua volta sono suddivise in missioni singole, che troverete all’interno della campagna dei tre pianeti disponibili. La caratteristica principale da tenere sempre a mente è la strategia, detto questo sappiate che alcune missioni sono più importante di altre, queste vi verranno fornite tramite alcuni dettagli di testo o grazie al parlato delle unità. Ci saranno campagne obbligatorie e altre non essenziali, le prime serviranno per continuare con la storia principale, le seconde serviranno soprattutto per migliorare le truppe, sappiate dunque scegliere al meglio che cosa giocare e che cosa scartare.
Le partite, quando le unità riempiono lo schermo, diventano frenetiche e coinvolgenti come non mai, costringendo il giocatore a muovere il mouse da una parte all’altra dello schermo per tenere sotto controllo ogni particolare tattico. Oltre alle unità normali e agli eroi, sottolineo anche la possibilità di sfruttare lo scenario come un arma a nostro vantaggio, disponendo le unità a copertura durante gli scontri più concitati. Questa opzione però deve essere comunque tenuta ben in conto perché quasi tutti gli edifici o le strutture presenti, potranno essere distrutte dal fuoco nemico, quindi, attenzione alle vostre scelte.

dawn1

GRAFICA e AUDIO SPAZIALE

Dawn of War 2 ha un comparto tecnico di tutta eccellenza, viene quasi da piangerci nel vedere le unità quasi sempre in visuale isometrica, sarebbe stato fantastico avere la possibilità di immergersi in questo fantastico universo, in prima persona. La cura proposta nelle unità e negli edifici ha del maniacale, cosi come la controparte delle animazioni, stupende sotto ogni punto di vista. Le scenografie sono favolose e uniscono in maniera quasi perfetta le due tecniche del 3D e del 2D. Quello che assolutamente non può mancare in un gioco del genere è la cura nelle esplosioni e in alcuni effetti particellari di tutto punto, realizzati con dovizia e con una pulizia grafica senza precedenti. Il gioco gira perfettamente anche a risoluzioni più elevate e con tutti gli effetti speciali attivati al massimo, ho notato qualche rallentamento nelle situazioni più concitate ma nulla di veramente drammatico sotto il profilo del frame rate che comunque resta sempre al massimo per restituire a Dawn of War 2 una resa finale quasi perfetta.

Anche per quanto riguarda la controparte audio, i Relic hanno dato il massimo di loro. In questo genere di produzioni ci sono delle musiche e dei rumori ben definiti (altamente riconoscibili dagli utenti appassionati dal genere fantascientifico), in Dawn of War 2, l’audio è ben focalizzato sul sapore puramente epico è non risultano quasi mai pezzi ripetitivi o sbagliati nel parallelo dell’azione a video.
I dialoghi sono ben recitati, purtroppo l’audio è totalmente in inglese con sottotitoli e testi in italiano, magari questo potrebbe risultare un punto in meno per la valutazione del gioco ma sappiate che sentire alcune voci dure in lingua originale, è molto appagante.

dawn3

EPICO

Dawn of War 2 è un piccolo gioiello, su questo non ci piove.
I punti negativi del gioco sono veramente pochi e, al di la della grafica e della componente ruolistica del gioco, ci troviamo per le mani un titolo con una storia salda e ben orchestrata ma che poteva dare in questo frangente qualcosa di più, senza eccedere. Le modalità di gioco sono pochine e le missioni proposte, dopo qualche ora, verranno a noia, ciononostante il titolo si tiene molto sopra la media e difficilmente qualcuno alle prime armi si sentirà turbato nel non portarlo a termine, questo perché il gameplay scelto è semplice e funzionale: dove tutto viene costantemente tenuto sotto controllo senza enormi sforzi. A questo aggiungo anche la doverosa scelta da parte dei programmatori di non inserire alcun tipo di tutorial interno: se da una parte è un pregio (personalmente i tutorial non mi hanno mai interessato e cosi anche a molti altri utenti), dall’altra potrebbe essere una carenza per chi non mastica bene pane e RTS o comunque per le novità proposte nel genere.
Il pregio principale resta la parte grafica e audio del titolo che si discosta di molto da altre produzioni più o meno recenti ma si sa che i Relic (i programmatori), puntano sempre molto su questi due asspetti tecnici. Ripeto, la varietà del titolo è garantita, cosi come il suo divertimento.
Se avete voglia di un titolo epico, graficamente appagante e semplice da giocare, le truppe di Dawn of War 2 vi aspettano a braccia aperte (e con i fucili belli carichi). 

Votazione finale: 90/100

Requisiti di sistema
CPU core 2 duo da 3GHz
RAM 2GB
SCHEDA VIDEO da 512MB
HD 7 GB

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

GTA 4: The Lost and Damned

My Pet Shop