L’assistente vocale salva una bambina dal padre violento | Lo sciagurato l’ha fatta grossa

    alexa salva una bambina dal padre violento

    Le intelligenze artificiali stanno diventando sempre più presenti nella nostra vita, una ha addirittura adottato una bimba abbandonata

    Quando sentite dire che la tecnologia un giorno ci sostituirà del tutto, forse sentendo questa storia un po’ di ragione gliela potreste anche dare: dimenticatevi la cara e vecchia Alexa che imposta la sveglia per voi, vi ricorda quello che dovete fare durante la giornata, vi accende le luci o vi imposta una bella playlist musicale, perché nel Regno Unito è appena successo qualcosa di sconcertante: la celebre intelligenza artificiale di Amazon ha addirittura adottato una bambina e le faceva da babysitter durante il giorno!

    A dirla così sembra una storia assurda e divertente, ma in realtà è tutto vero ed è una storia a dir poco drammatica che poteva finre nel peggiore dei modi per colpa di un padre che a quanto pare non aveva voglia di fare il padre e che credeva che con la tecnologia si potesse risolvere qualsiasi situazione, anche l’accudimento di una bambina di 5 anni. Probabilmente questo individuo ha preso troppo sul serio il concetto di “intelligenza artificiale” e credeva che potesse sostuire in tutto e per tutto una persona vera, ma purtroppo non è così.

    “Alexa, manda a dormire mia figlia”

    Questa storia assurda quanto drammaticamente vera è successa nel Regno Unito dove un padre di appena 27 anni è uscito di casa intorno alle 20 lasciando da sola a casa la piccola figlia di 5 anni: il motivo? Andare in giro per i pub della sua città insieme alla sua nuova fidanzata che aveva conosciuto da sette mesi e che probabilmente riteneva più importante rispetto alla sua piccola figlioletta di cui doveva prendersi cura per legge.

    Dato che non voleva rinunciare alla serata in compagnia, ma allo stesso tempo non voleva avere scrupoli sulla coscienza, l’uomo ha pensato bene di controllare la piccola bimba a distanza attraverso la fotocamera del suo cellulare che aveva prontamente collegato al dispositivo Alexa. In questo modo poteva prendere due piccioni con una fava: passare la serata fuori a bere birra e allo stesso tempo monitorare il sonno di sua figlia attraverso la fotocamera del cellulare. Pensava di essere un genio e invece è stato arrestato.

    Ebbene sì perché alla fine l’uomo è stato scoperto dalla polizia ed è stato arrestato accusato non solo di abbandono di minori, ma anche di tentato omicidio. Il motivo di questa seconda accusa? Il 27enne inglese ha infatti ammesso di aver provato a strangolare nel giardino della sua casa la sua nuova fidanzata, ma le urla della ragazza hanno allarmato i vicini che hanno subito chiamato le autorità. Interrogato dalla polizia ha poi successivamente ammesso di aver lasciato la piccola figlia a casa “in compagnia” di Alexa. Il prossimo mese ci sarà la sentenza definitiva, ma per adesso l’uomo è stato allontanato sia dalla figlia che dalla compagna.


    Alexa è un assistente vocale che potete trovare su amazon tramite questo link.