Ecco la nuova console di Nintendo: Nintendo Switch OLED (niente modello PRO)

nintendo switch oled

Con un trailer velocissimo Nintendo ha annunciato la famosa Nintendo Switch Pro.
No, fermi tutti, non è un Pro ma è solo Nintendo Switch OLED Model.

Questo modello di Nintendo Switch, disponibile in tutti i negozi a partire dall’ 8 Ottobre 2021, verrà venduto al pubblico per 350$ (che speriamo si traducano in euro senza troppi scossoni).

Cos’ ha Nintendo Switch OLED di diverso dalla Nintendo Switch o dalla Nintendo Switch Mini?

Partiamo subito col dire che, dal punto di vista prettamente hardware, non ci sono differenze in ambito prestazionale. Questa Nintendo Switch, in sostanza, non promette grafica in 4K o robe del genere.

Nintendo Switch OLED è dotata di uno schermo con tecnologia OLED (per l’appunto) grande 7 pollici. Le dimensioni finali sono identiche a quelle di una switch normale, lo schermo più grande è stato realizzato ritagliando le cornici presenti sui modelli normali di console.

Oltre a ciò la console presenta una memoria interna pari a 64 GB, uno stand largo come tutto quanto lo schermo più comodo del piedino singolo di Nintendo Switch normale ed un comparto riproduzione audio più potente e fedele, per tutti quelli che di giocare docked o con le cuffie non vogliono saperne niente.

Il dock per collegare Switch al televisore, in più, avrà stavolta la porta LAN integrata rendendo di fatto inutile l’adattatore che è stato necessario comprare sino ad ora.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Cari developers, basta inseguire Hollywood con le director’s cut dei giochi

RoboCop: Rogue City: siamo prigionieri del nostro passato (ancora una volta)