Ninja Gaiden 2 e Ninja Gaiden Black esclusi dalla Master Collection? Ecco il perché (e non è bello)

ninja gaiden master collection giochi esclusi

In occasione dell’ultimo Nintendo Direct, Team Ninja ha rilasciato ufficialmente il trailer di presentazione di Ninja Gaiden: Master Collection, un cofanetto che includeva le tre avventure più rappresentative del ninja più famoso della storia dei videogiochi. Stiamo ovviamente parlando di Ninja Gaiden Sigma, Ninja Gaiden Sigma 2 e Ninja Gaiden 3: Razor’s Edge. Come i più appassionati hanno avuto modo di notare e constatare, però, la Collection non comprende tutte le incarnazioni della saga, escludendo Ninja Gaiden Black e Ninja Gaiden 2.

Probabilmente i neofiti della saga non sanno che Ninja Gaiden Sigma e Sigma 2 sono due remake dei primi due capitoli della saga, a cui sono stati apportati sia miglioramenti grafici/tecnici che alcune modifiche al gameplay. Quest’ultima caratteristica ha causato la reazioni miste nella fanbase che, per l’appunto, desiderava che la formula originale rimanesse inalterata.

Ebbene, dopo tante sollecitazioni, il team di sviluppo ha chiarito il perché di questa esclusione e, purtroppo, la ragione non è delle più felici: i codici sorgente di Ninja Gaiden Black e Ninja Gaiden 2 sono andati parzialmente perduti. Di questi giochi, per farla breve, esistono solamente le versioni destinate al commercio, su cui però non è più possibile intervenire per opere di rimasterizzazione. Nonostante si trattasse di videogame relativamente recenti, l’unica possibilità di Team Ninja per inserire anche quelle versioni sarebbe consistita in un vero e proprio remake dei due titoli, opzione non percorribile per motivi logistici e, soprattutto, economici.

Fumihiko Yasuda, brand manager di Team Ninja, ha confermato l’inutilizzabilità delle parti dei codici sorgente rimaste intatte e che, quindi, le versioni Sigma sono state scelte in quanto “complete al 100%”.

Ricordiamo ai nostri lettori che Ninja Gaiden: Master Collection uscirà il prossimo 10 Giugno 2021 su Playstation 4, Playstation 5, Xbox One, Xbox Series X, Nintendo Switch e PC. Sono previste due versioni del gioco, una Standard Edition ed una Deluxe Edition, che comprenderà un’artbook digitale e la colonna sonora dei tre giochi (sempre in versione digitale).

Restate sintonizzati per ulteriori aggiornamenti in merito.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

geralt di rivia, the witcher 3: wild hunt, mads mikkelsen geralt, mads mikkelsen geralt fan art

Mads Mikkelsen nei panni di Geralt? Ecco come sarebbe stato

balan underworld problemi epilessia

Avete comprato Balan Wonderworld ed avete problemi di epilessia? Abbiamo una brutta notizia da darvi