Le menti dietro Rainbow Six Siege arrivano in Amazon Games

    amazon games montreal lead designer rainbow six siege

    La divisione gaming del colosso dell’e-commerce Amazon ha annunciato l’apertura di una nuova software house a Montreal, in Canada. L’obiettivo? Sviluppare giochi multiplayer ad alto budget.

    Amazon Games ci riprova: dopo Crucible, l’obiettivo è un “Tripla A” multiplayer

    Amazon Games è pronta a produrre titoli “Tripla A” e per farlo, ha radunato i lead designer che hanno lavorato al fortunato Rainbow Six Siege.

    Il primo progetto di Amazon Games, tuttavia, non ha dato i risultati sperati. Crucible, lo sparatutto multiplayer free-to-play è stato lanciato a maggio 2020 per poi entrare in closed beta a luglio. L’azienda di Jeff Besos ha poi “chiuso” definitivamente il progetto rimborsando gli acquirenti.

    Una decisione sofferta ma necessaria, che ci lascia intendere che adesso Amazon Games produrrà titoli con “i piedi di piombo”, aggiungendo al suo roaster devs già affermati e con più esperienza in ambito multiplayer.

    La compagnia dichiara: “un team di talenti creativi sarà un asset di valore per l’azienda. Il team altamente qualificato porta con sé, a Montreal, un patrimonio di conoscenza e passione per la creazione di esperienze multiplayer con un occhio di riguardo sulla community“. Insomma, tutto ci lascia intendere che i prossimi titoli saranno incentrati su videogiochi abbastanza competitivi.

    Non a caso, il prossimo titolo di Amazon Games, dal titolo New World, un MMO open-world ambientato in un nuovo mondo immaginario in cui i videogiocatori possono costruire il proprio destino in un mondo misterioso e selvaggio, il fulcro del gioco sta appunto nell’unire fasi di esplorazione e crafting a quello del combattimento. Il titolo ha già subito vari posticipi ed è atteso per agosto di quest’anno.

    Sarà la volta buona per Amazon Games per debuttare nel competitivo mercato dei videogiochi?