Il vecchio team di Skullgirls collaborerà con l’attuale per i nuovi contenuti

    skullsgirls

    Future Club, la software house nata dalle ceneri dello studio Lab Zero (Skullgirls e Indievisible, per dirne due) sarà direttamente coinvolta nella creazione di nuovi contenuti per il picchiaduro indie più popolare del panorama indipendente, affiancando Hidden Variable (sviluppatore del caso) e Autumn Games (che invece è il publisher).

    Skullsgirl tornerà (in parte) nelle mani dei creatori

    Durante lo scorso mese il publisher Autumn Games ha mostrato alcuni dei prossimi contenuti che arriveranno all’interno di Skullgirls, mostrando un’intera nuova stagione di contenuti tra personaggi e DLC.

    Sebbene la notizia sia, di per sé, buona moltissimi hanno sottolineato un triste accadimento: in seguito alla dissoluzione di Lab Zero (dissoluzione legata, ricordiamo, ad un ambiente di lavoro tossico e intollerante nei confronti del prossimo a causa dei comportamenti del CEO Mike Z) nessuno degli sviluppatori originali avrebbe avuto modo di mettere le mani sul futuro del loro titolo di maggiore successo.

    Con un tweet il publisher Autumn Games ha però dato la buona notizia: la software house Hidden Variable lavorerà a stretto contatto con Future Club, software house composta dai membri di Lab Zero non legati alla figura di Mike Z.

    FC, nello specifico, progetterà e realizzerà alcuni dei nuovi contenuti che usciranno durante il corso dei prossimi anni per il titolo.

    Attualmente il pass della Stagione 1 di Skullgirls è in vendita a un prezzo scontato per un tempo limitato. Esso include il nuovo personaggio di Annie of the Stars, un artbook digitale, una colonna sonora espansa e tre personaggi misteriosi che arriveranno tra il 2021 e il 2022.
    Ogni nuovo personaggio porterà con sé 25 variazioni di colore legate ai costumi, un nuovo stage e la modalità storia personalizzata.

    Con Future Club a bordo, e la tossicità di Lab Zero Games alle spalle, questo dream team di sviluppatori ed publisher può liberamente concentrarsi sul mantenere vivo lo spirito di Skullgirls, assicurandosi ancora qualche anno di vita per questo brillante picchiaduro e per la sua fanbase di appassionati.