Boundary: gameplay trailer per lo sparatutto spaziale di Skystone

boundary

Skystone Games ha rilasciato un nuovo trailer di gameplay ufficiale per il suo prossimo sparatutto tattico multiplayer dotato di, udite udite, ambientazione spaziale.

Boundary, questo il titolo del gioco, è stato mostrato con un breve trailer che ne mostra brevemente il gameplay a gravità zero.

Il gameplay mostrato all’IGN Fan Festival è un ottimo biglietto da visite per il prossimo sparatutto della software house americana. Boundary metterà i giocatori nei panni di astronauti pesantemente armati nello spazio, impegnati in feroci scontri a fuoco a gravità zero.

Il gioco sarà caratterizzato da loadout, armi e tipi di munizioni completamente personalizzabili. Inoltre, ci saranno 6 classi di astronauti tra cui i giocatori potranno scegliere in diverse modalità di gioco. Sarà come giocare alla famosa missione di call of duty: ghost senza doversi preoccupare di ricaricare ogni volta il salvataggio.

Le modalità che saranno disponibili al lancio sono: Free For All, Team Deathmatch, Facility Capture e Orbital Purge. Nel caso ve lo stiate chiedendo, Facility Capture e Orbital Purge saranno basate sul gameplay di Domination ed Elimination.

Il trailer mostra una grafica incredibile che, però, sembra essere particolarmente scalabile. Di seguito i requisiti di sistema per il titolo di Skystone.

Requisiti minimi

  • Sistema operativo: Windows7/8/10 64bit
  • CPU: Intel i5-6400
  • RAM: 8 GB RAM
  • Scheda Grafica: NVIDIA GeForce GTX 660/NVIDIA GeForce GTX 1050
  • DirectX: Version 11
  • Network: Broadband Internet connection
  • Spazio su disco: 20 GB di spazio disponibile

Requisiti consigliati

  • Sistema operativo: Windows7/8/10 64bit
  • CPU: Intel i7-4770K
  • RAM: 16 GB RAM
  • Scheda grafica: NVIDIA GeForce GTX 1060
  • DirectX: Version 11
  • Network: Broadband Internet connection
  • Spazio su disco: 20 GB di spazio disponibile

Chiunque abbia un computer ben più performante di questi sopra descritti non dovrà preoccuparsi: Boundary sarà caratterizzato anche da effetti in Ray Tracing su PC. Chiunque sia curioso di vedere se la propria macchina può reggere il colpo può provare lo strumento per il benchmark del titolo.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Yotobi da piccolo

Lo riconoscete? Ha finto di avere un canale su Minecraft, è diventato famoso grazie al trash e ha creato un Late Show

Ciri in The Witcher

The Witcher 3: una Ciri inedita cucina selvaggina davanti al fuoco