Qualcuno si sta già portando avanti con il cosplay del Doomslayer femmina

doom slayer

Non troppo tempo fa era uscita fuori la notizia che vedeva il director di Doom Eternal parlare di come, durante lo sviluppo, era stato davvero molto vicino ad ufficializzare la creazione e lo sviluppo di una doomslayer.

Del doomslayer donna alla fine non se ne fece nulla per una questione di tempo e risorse ma, come specificato dal game director di iD Software Hugo Martin, le idee per realizzare questo personaggio c’erano tutte. Il doomslayer avrebbe avuto le sue armi, il suo stile, la sua violenza: non sarebbe stato un semplice reskin del personaggio per come lo abbiamo conosciuto.

Mentre aspettiamo il secondo DLC di Doom per magari trovare qualche artwork ufficiale riguardante tale personaggio, una cosplayer lungimirante ha messo in piedi un’armatura da slayer incredibilmente ben fatta e sta migliorando di mese in mese la realizzazione del costume da massacratore di demoni.

Badate bene, non parliamo del classico genderbender con zinne in bella vista adatto ai like facili ma parliamo di un cosplay ragionato e ben realizzato, con un armatura estremamente simile a quella che c’è nel gioco finale. Il cosplay, purtroppo per noi, non è ancora terminato ma già dalle foto sembra promettere faville.

La cosplayer del caso è @madsfive, non particolarmente famosa nel giro ma meritevole di attenzione per aver portato nella vita reale un personaggio del genere senza scendere a particolari compromessi per quanto riguarda il risultato finale.

La cosplayer ha anche realizzato una serie di scatti destinati ad evidenziare alcuni particolari dello splendido cosplay, mostrando l’armatura in tutta la sua incredibile bellezza. È importante notare come ci sia stata molta cura nella riproduzione dei dettagli, cosa che non sempre si ritrova all’interno del mondo cosplay.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

final fantasy VII Remake, Horizon Forbidden West, Horizon Zero Dawn, director Final Fantasy VII Horizon Forbidden West

Le incredibili fanart che vi faranno tornare la voglia di giocare a Final Fantasy VII

Katy Perry, Post Malone, J Balvin e altri artisti insieme per un album Pokémon