HOME » news

The Creative Gene, il libro di Hideo Kojima, uscirà in lingua inglese

hideo kojima

Considerando la natura corale del processo di creazione dei videogiochi è difficile che una singola personalità possa salire sulle luci della ribalta ribalta per poi rimanerci.

Qualcuno in ogni caso ce l’ha fatta grazie ad un talento importante e grazie a videogiochi profondamente segnati dal concetto di autorialità: uno dei nomi più famosi è quello di Hideo Kojima, universalmente noto per il franchise di Metal Gear Solid che ha diretto per una trentina di anni e che, dopo una rocambolesca fuga dalle grinfie del colosso nipponico Konami, si è messo in proprio finendo per pubblicare in soli tre anni di sviluppo Death Stranding.

Kojima, a differenza di molte altre personalità note del settore, ha deciso di far parlare di sé dopo una carriera assolutamente di primo livello attraverso la pubblicazione di un libro: The Creative Gene. Libro che è rimasto confinato al giappone… sino ad oggi.

The Creative Gene arriva in inglese

La casa editrice Viz Media ha annunciato che è intenzionata a localizzare The Creative Gene in lingua inglese durante il corso di quest’anno. Il libro contiene una serie di saggi scritti da Hideo Kojima che descrive e dona altri dettagli relativi alle influenze e alle ispirazioni che l’autore ha inserito all’interno delle sue opere.

Il libro uscirà nel mercato anglofono il 12 ottobre del 2021.
Nel mentre possiamo soltanto aspettare i prossimi vagiti videoludici del maestro che, dopo il successo di Death Stranding si è rimesso a lavorare su di un nuovo e misterioso progetto.

Inoltre avete notato che sulla copertina giapponese del libro capeggia la scritta “memes”? Il termine, al giorno d’oggi ampiamente sdoganato da tutta una corrente di umorismo e filosofia, è stato ampiamente utilizzato da Kojima all’interno dei suoi videogiochi a partire da Metal Gear Solid 2, specie nell’enigmatico ed incasinatissimo finale.

Possiamo comunque dire di avere hype per il progetto e non vediamo l’ora di capire cosa ci sia all’interno di tale prodotto.

Da non perdere: Torna Playstation Home con 4 mesi di giochi gratis

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

metal gear solid

Hanno cancellato il gioco da tavolo di Metal Gear Solid

Jessica Goch da piccola

Avete visto la moglie di Ninja? Ha iniziato giocando ad Halo e ora si porta a casa due milioni di dollari l’anno