Metal Gear e Silent Hill, chi li farà se non saranno sviluppati da Konami?

metal gear solid nuovo capitolo in sviluppo

La notizia è di quelle che fanno fantasticare i fan. Come tutti sappiamo, Konami è oramai da anni decisamente lontana dal mercato dei videogame tripla A, e la notizia della chiusura di tre delle sue divisioni di sviluppo non lascia molte speranze per il futuro. Tuttavia, nelle ultime ore si sta facendo strada l’idea che il publisher giapponese possa aver affidato lo sviluppo di alcune delle sue storiche IP a studi esterni. Stiamo parlando, più nello specifico, di franchise come Metal Gear, Castlevania e, ovviamente, Silent Hill.

Stando alle parole di Andy Robinson, giornalista di VGC, la decisione sarebbe stata presa dopo aver constatato gli scarsi risultati ottenuti con Metal Gear Survive e Contra: Rogue Corps.

A questo punto, però, la domanda sorge spontanea: chi si occuperà dello sviluppo delle IP Konami? Per quanto riguarda Silent Hill, l’ipotesi che sta prendendo maggiormente piede riguarda Bloober Team. Come da noi riportato, lo studio polacco, che ha di recente rilasciato The Medium, potrebbe essere già da tempo a lavoro su uno (o addirittura due) dei capitoli della saga.

Alcune fonti parlavano anche di un precedente approccio tra Konami e Supermassive, ai fini della realizzazione del remake di Silent Hill. Tuttavia, l’accordo non sarebbe stato raggiunto e l’ossatura di quel progetto non andato in porto si sarebbe poi evoluta in Dark Pictures.

Secondo il giornalista, però, il discorso non si limiterebbe alla sola saga horror, ma si estenderebbe anche ad altre storiche serie targata Konami come Metal Gear e Castlevania. Allo stato attuale, però, non è dato sapere a chi potrebbe essere stato affidato l’incarico; l’unica certezza è che, qualora i rumor si rivelassero tali, non vedremmo nessuno di questi titoli nel breve termine, in quanto si troverebbero ai primissimi stadi dello sviluppo.

Restate sintonizzati per non perdervi neanche un nostro aggiornamento in merito.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

wonder boy asha monster world4

Wonder Boy: Asha in Monster World | Un trailer per Pepelogoo ed Asha

Li avete mai visti? I terribili giochi di Zelda dimenticati da tutti