Finalmente disponibile la lista completa di titoli compatibili con Geforce NOW

geforce now

Ultimamente ne abbiamo sentite di cotte e di crude nel mondo dello streaming di videogiochi (non dello streaming videoludico, quindi).

Il mondo dello streaming di videogiochi è ancora un po’ in subbuglio per la scelta di Google di tirarsi indietro dallo sviluppo di videogiochi, Amazon, nonostante l’annuncio della dipartita di Jeff Bezos, ha dichiarato che continuerà ad impegnarsi nel mercato dei videogiochi. Mentre i grandi player tirano fuori dichiarazioni di potenza enorme, in grado di scuotere dalle fondamenta questo segmento del settore videoludico, c’è qualcuno che per i fatti suoi sta pian piano acquistando una consistenza sempre maggiore.

Geforce NOW è uno dei primissimi servizi di streaming videoludico presenti sul mercato, prima di Stadia, Luna, xCloud e chi più ne ha più ne metta. Nonostante sia uscito dalla beta solo recentemente, il servizio di streaming sta pian piano lisciando suoi spigoli, decisamente più vividi e presenti di quelli dei servizi concorrenti.

Infatti la notizia di cui parliamo oggi è proprio questa: finalmente, dopo una quantità di tempo quasi esagerata, Geforce Now ha una lista di giochi che possono essere utilizzati con il servizio. Prima c’erano varie liste, non del tutto corrette, che lasciavano sempre spazio al dubbio perché mai realizzate con il supporto della casa madre.

Oggi non è più così.

Tutti i giochi compatibili con Geforce NOW

Sfoglia la lista completa di giochi compatibili con Geforce NOW

La lista rilasciata da Geforce è particolarmente lunga e c’è anche una comoda funzione di ricerca per ovviare a questa problematica.

Prima di questa lista il massimo a cui potevamo aspirare, come consumatori, era una specifica funzione del servizio che ci permetteva di far sincronizzare la nostra libreria di Steam col servizio per vedere quali di questi giochi fossero compatibili con lo streaming e quali no. Il problema si è fatto serio con la progressiva popolarizzazione di mercati come Epic Games o Ubisoft, i quali ancora non possiedono una funzione simile.

Leggi anche: Terraria VS Google | addio alla versione stadia del titolo

La pubblicazione di questa lista da parte di NVIDIA lascia tirare un sospiro di sollievo a tutti quelli che credevano che anche il progetto NOW fosse destinato ad una brutta fine, vista la presenza di due player enormi nel mercato come Luna e Stadia. Questi, nonostante stiano ancora carburando poco e male, potrebbero comunque diventare un importante settore del mercato in un futuro dove l’internet onnipresente diventi una realtà.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

artifact richard garfield

Artifact non era free to play per evitare di manipolare le persone

eiyuden chronicles sequel suikoden publisher 505 games

Il sequel spirituale di Suikoden sarà pubblicato da un publisher italiano