HOME » news

The Mandalorian: Gina Carano licenziata da Lucasfilm

the mandalorian gina carano licenziata

La notizia era nell’aria già da un po’, ma ora è arrivata l’ufficialità: Gina Carano non farà più parte del cast di The Mandalorian. Poche ore fa, Lucasfilm ha dichiarato di aver sollevato l’attrice dal suo ruolo, a causa delle sue recenti e controverse dichiarazioni sui social network, in particolare relative al caso Epstein ed all’Olocausto.

La Carano aveva interpretato il personaggio di Cara Dune, un personaggio secondario ma molto apprezzato dai fan della serie, capace tanto di aiutare Din Djarin nel corso della sua missione, sia di riempire in maniera significativa il vastissimo universo narrativo di Star Wars.

Alla base della decisione della produzione dello show televisivo, come detto in precedenza, ci sono una serie di dichiarazioni molto ma molto controverse rese dall’attrice tramite i suoi account social, Instagram in particolare.

Gina Carano non interpreterà più Cara Dune in The Mandalorian

Come spesso è accaduto anche ad altre celebrità del mondo dello spettacolo e della musica, le dichiarazioni rilasciate via social sono una pericolosa arma a doppio taglio, soprattutto se espresse con leggerezza e riguardanti temi scottanti. La Carano era una fiera sostenitrice del presidente uscente Donald Trump e, sin dall’inizio dell’epidemia di Covid-19, esprimeva non pochi dubbi circa l’effettiva utilità dell’uso della mascherina; inoltre l’attrice aveva più volte dichiarato la sua ferma convinzione circa la sussistenza di brogli elettorali, che avevano portato alla vittoria l’attuale presidente Biden.

Tuttavia, a dare il “colpo di grazia” alla carriera di Gina Carano sono stati due post, uno su Twitter e l’altro su Instagram. Nel primo caso, si trattava di un’immagine che faceva riferimento a Jeffrey Epstein, e più precisamente al fatto che non si fosse realmente suicidato, ma che fosse stato ucciso a causa dei suoi enormi collegamenti col mondo della politica.

gina carano post olocausto
Ecco la storia Instagram che è costata il licenziamento a Gina Carano.

Il secondo post, pubblicato come storia di Instagram (non più disponibile, ma riportato in calce), riguardava indirettamente l’Olocausto, ed andava ad accostare la persecuzione degli Ebrei in Germania con la “persecuzione” che starebbero subendo i sostenitori di Trump, in quanto portatori di un’ideologia politica.

Inutile dire che questi post avevano scatenato numerose reazioni nella fanbase di The Mandalorian, tanto da spingere tanti a chiedere il licenziamento dell’attrice. Lucasfilm ha ufficializzato la sua decisione con un breve e conciso comunicato.

Gina Carano non è attualmente impiegata alla Lucasfilm e non ci sono piani per lei in futuro. Tuttavia, i suoi post sui social media che denigrano le persone in base alla loro identità culturale e religiosa sono ripugnanti e inaccettabili.

Restate sintonizzati per eventuali aggiornamenti sulla questione.

Da non perdere: Torna Playstation Home con 4 mesi di giochi gratis

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

Ubisoft shock non punta più sui tripla A - copertina

Ubisoft shock: non punta più sui tripla A

nendoroid nier automata 9s

NiER Automata, nuovo Nendoroid in arrivo