Quanto è ricca Pokimane? Vediamo quanto guadagna la streamer più popolare del momento

pokimane

Imane Anys, conosciuta nel mondo reale principalmente col suo nickname Pokimane, è una videogiocatrice marocco/canadese incredibilmente popolare come creatrice di cotntenuti.

Oltre ad avere diversi enormi canali youtube, Pokimane è al momento la più seguita tra tutti le streamer di Twitch con delle cifre che lascerebbero sbalorditi anche i più ferrati nell’argomento.

Poki ha iniziato la sua esperienza di streamer durante il corso del 2012, poco dopo il cambio di nome da Justin.tv a Twitch.tv. La fama di Poki si è formata attraverso infinite partite di League Of Legends e più recentemente di Fortnite, acquisendo sempre più una massa critica di followers e iscritti.

Leggi anche: Recensione | Fortnite (PC)

Nel 2017 Pokimane poteva vantare circa 450.000 followers su Twitch, un numero molto elevato per l’epoca che però impallidisce di fronte ai risultati odierni. Il crescente successo della streamer ha portato l’azienda a selezionarla come uno dei quindici ambasciatori per il TwitchCon 2018, la fiera di settore più importante.

Nel 2020 Pokimane ha firmato un contratto di esclusività che la obbliga a rimanere su Twitch per diversi anni; non sono note le cifre dietro questo genere di operazioni ma basandoci su una dichiarazione della streamer è possibile farsi un’idea mentale di quanto sia stato dato.

Non mentirò, questi accordi per l’esclusività dei live streaming sono accordi per molti molti soldi. Sono in grado di cambiare per sempre le vite di noi creatore di contenuti. Nel corso della mia carriera ho ricevuto accordo da parte di moltissime piattaforme ma alla fine mi sono trovata a scegliere una piattaforma tra due possibili.

A Novembre 2020 Pokimane ha inoltre introdotto un particolare limite per i suoi followers, un caso molto particolare nella storia della piattaforma. Pokimane ha infatti limitato a 5 dollari le donazioni sul suo profilo, chiedendo ai suoi fan di andare a donare altrove per incentivare la crescita ed il miglioramento di altre community invece che di foraggiare la sua, già stabile e capace di reggersi sulle sue gambe.

A quanto ammontano i guadagni di Pokimane?

pokimane

Passiamo ora ai conti.
I dati ufficiali indicano che Pokimane, soltanto dalle ads di Youtube, in un anno guadagna oltre 1.5 milioni di dollari; questi vanno tassati ma comunque la cifra rimane sopra il milione.

Su Twitch invece la situazione è decisamente più rosea. Al momento della stesura di questo articolo (Febbraio 2020) Pokimane può vantare quasi 9000 iscritti a cui vanno aggiunti i soldi ottenuti attraverso le donazioni, le sponsorship e le pubblicità.

A Dicembre 2019 la streamer ricevette un’ impressionante donazione di 2020 dollari, giusto per dare un’idea di cosa siano capaci i suoi followers. A Giugno 2020 la streamer è diventata ufficialmente il creative director del brand di moda Cloak.

Difficile dire quanto guadagna ufficialmente Pokimane, sappiamo soltanto che secondo le stime, può vantare un patrimonio di oltre tre milioni di dollari in continua crescita.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

hogwarts legacy bannato resetera

Altri guai per Hogwarts Legacy: bandito da uno dei più importanti forum di videogame

curse of the dead gods esce su ps4

Curse of the Dead Gods esce dall’early access e debutta su console e PC