EA sta valutando il rialzo dei prezzi per i giochi next-gen

Come sappiamo la transizione generazionale non sarà indolore dal punto di vista dei prezzi dei giochi: Sony, come ormai sappiamo, a portato a quota 70 dollari americani (e ben 80€ da noi) il prezzo di lancio delle sue esclusive, nonché in generale dei giochi sviluppati internamente (quelli che, per intenderci, ricadono sotto il marchio “Play Station Studios”), e per quanto riguarda i singoli produttori?

Non ci sono state prese di posizioni compatte da parte dell’industry, che si muove in ordine sparso: alcune software house hanno annunciato che ritoccheranno i prezzi verso l’alto, come Gearbox e Activision, mentre altre non hanno ancora preso una decisione definitiva a riguardo. Tra gli indecisi figura EA, che ha affrontato la questione per bocca del suo CFO Blake Jorgesen.

Sede di Electronic Arts

Nel corso dell’ultima riunione con gli investitori, Jorgesen si è espresso così circa la questione del possibile rialzo dei prezzi:

Non mi sento ancora di intervenire sulla questione. Abbiamo sempre detto che i giochi stanno diventando più costosi, l’esperienza sta diventando sempre più profonda, e il tempo speso dalle persone giocando è in aumento. Si potrebbe controbattere che ciò dovrebbe provocare un aumento del prezzo dei giochi ad un certo punto, ma ci occuperemo della questione quando ci avvicineremo all’uscita di un maggior numero di nuovi giochi nel periodo di transizione con la next-gen.

Blake Jorgesen

Dalle parole di Jorgesen emerge chiaramente una cosa: l’indecisione di EA in questo momento è, almeno a parole, totale:

Non voglio che in tutto questo la gente immagini che in futuro alzeremo i prezzi o meno – ancora non lo sappiamo. Ciò che sappiamo al momento è che saremo in grado di fare molte più cose con la nuova generazione, con le nostre partnership con Sony e Microsoft e ed altri produttori di console.

Insomma parole che, se da una lato lasciano aperto lo spiraglio di un possibile mantenimento di prezzi invariati, dall’altro non escludono affatto la possibilità di un rincaro.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Alessandro Giovannini

videomaker, gamer, nerd, INTJ-A.

Cinema e videogiochi: le mie due più grandi passioni. Da bambino mi alzavo presto la mattina per giocare con il Sega Mega Drive II prima di andare a scuola; passavo i pomeriggi a guardare Terminator 2 fino a consumare il nastro della VHS; impiegavo le serate a cimentarmi nelle avventure grafiche di Lucas Arts su un glorioso PC con Windows 95 in compagnia di mio fratello.
Poi sono venuti gli studi e la laurea in cinema oltre al lavoro, in tv prima e come videomaker freelance poi, nonché le esperienze di redattore e inviato stampa presso siti di informazione cinematografica. In tutto ciò non ho mai abbandonato il gaming, che ho combinato con la mia passione per la scrittura ed il mio approccio analitico, prima sulle pagine di Spaziogames e ora qui su Player.
A tarda notte streammo sul mio sfigatissimo canale Twitch e nel resto del tempo mi struggo al pensiero di tutto il backlog che non riuscirò mai a recuperare :)

Primo videogioco: The Adventures of Captain Comic (DOS)
Videogioco preferito: Final Fantasy VII
Piattaforme di gioco possedute: Super Famicom, Game Boy Color, Mega Drive II, PSX, PS2, PS3, PS4, Xbox One S, PC.

Critical Role personaggi

Critical Role: Vox Machina le Origini, lo spirito di D&D in un fumetto

Tales of, evento streaming per i 25 anni della serie