HOME » news

Luigi è sempre stato in Super Mario 64! E c’è anche un nuovo nemico?!

Sono passati oltre 24 anni dal rilascio di Super Mario 64, titolo che ha rivoluzionato il videogioco e il genere platform in un modo inconcepito prima di allora, ma ad oggi è diventato talmente iconico che è ancora in grado di far parlare di sé.

Negli ultimi giorni è trapelato in rete un gigantesco quantitativo di dati riservati a Nintendo, tra i quali i codici sorgente di numerosi titoli, Super Mario 64 è proprio tra questi e gli hacker non si sono lasciati sfuggire l’occasione di sviscerarne il codice.

Un Luigi più in forma che mai

Per anni teorie sono state create, smentite e ricreate da zero sulla presenza o meno di Luigi, fratellino spesso dimenticato del più famoso Mario, all’interno del titolo per Nintendo 64, e oggi abbiamo finalmente la risposta che tutti si aspettavano.

Il modello ufficiale di Luigi si presenta più snello rispetto a quello del fratello, direi in ottima forma, per essere rimasto rinchiuso per 24 anni.

Ma gli hacker hanno altro in serbo…

E quello chi è?

Un altro datamining ci porta alla luce un nemico inedito, che mai è stato utilizzato nella versione definitiva del gioco.

Il suo nome, come traspare dai dati è Motos, ed è molto simile ad una Bob-Omba o ad un Chuckya, probabilmente proprio per questa loro somiglianza è stato escluso, per evitare ridondanza.

Di seguito un video dello youtuber Arthurtilly ci mostra questi nemici in azione, pronti ad afferrare Mario e a lanciarlo giù da ogni piattaforma.

Siete eccitati per queste nuove scoperte? A me è venuta voglia di rigiocare questa perla videoludica.

FONTE Gamespot

Articolo a cura di Simone Mauro

Simone, 26 anni, ho iniziato a videogiocare ancora prima di saper leggere, credo che le prime parole che io abbia imparato siano state "1 Player Game", Platform, Action e RPG/GDR sono il mio pane, The Legend of Zelda ha sempre un posto speciale nel mio cuore, ma non mi riservo di provare tutte le ultime novità che mi aggradino.

Assiduo giocatore di Dota 2, grazie alla mia imperturbabile costanza non mi demoralizzo di fronte a nessuna sconfitta e mi incaponisco sempre di più nella sfida impossibile che è conoscerne tutti i segreti.

Ogni giorno coltivo la mia cultura del Videogioco che ritengo la forma d'arte più completa ed elevata.

The Medium perseguita i giornalisti dal 2012

Project Athia sarà un Open World, arriva la conferma di Square Enix