Dualsense: giocatori propongono nuove colorazioni per il pad di PS5

ps5 dualsense cover

Durante la serata di ieri Sony Interactive Entertainment ha dato dimostrazione di avere ancora qualche dubbio sul come si presentano i nuovi prodotto, rilasciando praticamente dal nulla, sfruttando le pagine del Playstation Blog, il nuoco controller della console ammiraglia.

Dualsense, tale il nome del dispositivo, ha almeno dal punto di vista prettamente visivo numerose rotture con quello che Sony ha presentato in passato.
Se dal punto di vista tecnico il controller sembra essere la versione migliorata e raffinata del Dualshock di PS4, con l’attesa aggiunta del feedback aptico e dei grilletti adattivi, dal punto di vista cromatico ci troviamo di fronte ad un prodotto completamente nuovo.

Dopo anni di neri granitici o di grigi che sanno un po’ di vecchiaia per la prima volta Sony spezza tutto per presentare un prodotto bicromo. Dopo anni l’input device delle console di Sony è riuscito a diventare Bicromatico, con una combinazione di base che accoppia il bianco ed il nero.

Non vogliamo pad monotoni sulle nostre scrivanie.

Il cambiamento, inutile dirlo, ha scatenato un sacco di reazioni differenti da parte degli appassionati di videogiochi.

C’è chi ne incensa le caratteristiche tecniche, chi lo giudica figlio dei progressi fatti dal pad dell’avversaria Microsoft e chi invece si è divertito a mettere insieme differenti mockup del Dualsense, tirando fuori pad con i colori più assurdi e dai design alquanto buffi.

Vediamo insieme una piccola gallery con tutti i vari pad che sono comparsi su Twitter per l’occasione.

Tra le varie proposte che sono fioccate su Twitter troviamo Joypad con schemi gli schemi colore più variegati. Versioni ispirate alla colorazione doppia di Nintendo Switch, joypad che richiamano da molto vicino le colorazioni Xbox 360, joypad con cromatizzazioni degne di una firma dell’alto design d’interni e così via.

Questi mockup hanno fatto il giro del web scatenando reazioni tra le più disparate, specie quando gli utenti hanno finito per sposare le cause più memiche con mockup ispirati a Mario o a Knack, la famosa esclusiva Sony brutta.

Al momento Sony continua con la sua proposta unica fatta di un singolo colore per un pad che sembra soddisfare davvero molti palati. È legittimo pensare che Sony possa aver intenzione di intraprendere una strada fatta di varianti custom, esattamente come Microsoft fa già da anni, viste le maggiori possibilità di personalizzazione per i controller di questa generazione.

Dal punto di vista di mero design è anche importante segnalare che, per la prima volta nella storia di Playstation, il pad ha abbandonato le colorazioni per i tasti frontali triangolo, cerchio, croce e quadrato.

Quale controller preferite tra quelli che vedete nella galleria? Che coppia di colori vorreste vedere sul pad? Quale meme sarebbe perfetto da integrare all’interno della forma del joypad? Fatecelo sapere nei commenti!

Una cosa la possiamo dire con certezza: a Sony è bastato presentare un joypad per tornare sulla bocca di tutti, specie nel territorio italiano che è ad assoluta maggioranza sonaro. La playerbase sembra aver reagito in modo molto eccitato al reveal e questo lascia ben sperare per l’annuncio della nuova console nipponica.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

The Last Campfire: nuovo trailer all’evento Inside Xbox

Lucca Comics & Games 2020 e l’emergenza Covid-19: “Mancano più di sei mesi, proseguiamo con il duro lavoro”