HOME » news

Mortal Kombat Komplete Edition è scomparso da Steam

mortal kombat komplete edition

Sembra che Warner Bros abbia rimosso, in assoluto silenzio, il reboot di Mortal Kombat da Steam. Il titolo, conosciuto dal pubblico come Mortal Kombat: Komplete Edition è scomparso durante la scorsa notte dalle pagine dello store, restando giusto nelle librerie di chi lo avesse acquistato in passato.

L’evento è stato notato da membri del noto forum di ResetEra e poi rimbalzato presso le varie testate giornalistiche del caso. Sembra che il gioco sia scomparso da Steam in seguito a misteriosi pressioni da parte del publisher.

Ne Valve ne Warner Bros hanno rilasciato dichiarazioni specifiche in merito alla questione ma già numerosi fan si sono messi al lavoro per cercare di tirare fuori una qualche spiegazione dietro questo avvenimento curioso.

Tutta colpa di Freddy Kruger?

La teoria al momento più accreditata vede il titolo rimosso dagli store a causa della presenza di Freddy Kruger all’interno dei personaggi giocabili.

Wes Craven avrebbe dichiarato durante il corso del 2019 di essere intenzionato a riottenere tutti i diritti americani riguardanti Nightmare – Dal Profondo della notte (in america conosciuto come Nightmare On Elm Street) e questo avrebbe provocato il ritiro della licenza d’uso necessaria per rendere il personaggio giocabile.

In sostanza non ci resta altro che aspettare qualche aggiornamento ufficiale da parte di Warner Bros per capire cos’è successo alla versione PC di Mortal Kombat: Komplete Edition.

Magari potrebbe ritornare sullo store di Valve privo di tale personaggio, magari potrebbe scomparire per sempre e rimanere giocabile solo per i proprietari della versione console e per chi già lo aveva.

È un buffo mondo quello dei videogiochi. Un evento come questo potrebbe sottolineare l’esistenza di simili problematiche anche per videogiochi più recenti come l’ultimo, splendido, capitolo della saga, dotato di numerosi personaggi esterni al brand Mortal Kombat e invece appartenenti al mondo della cultura popolare.

Proprio recentemente NetherRealm ha rilasciato il gameplay di Spawn, quello che sarà il prossimo personaggio ad apparire all’interno di MK11 come giocabile. Spawn, protagonista del prossimo DLC del titolo, comparirà del gioco completo di tutte le abilità che lo avevano reso famoso all’interno del fumetto di Todd Mcfarlane, tra catene, mantelli e invisibilità.

Magari il problema non si ripresenterà nell’immediato ma tenere un occhio sulla questione ci permetterà di venir meno stupiti da questi comportamenti una volta impossibili nel mondo dei videogiochi.

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Stela Recensione | Un puzzle futuristico hide & seek

overwatch doom

Overwatch incontra Doom, il crossover che non ti aspetti