Super Smash Bros Ultimate: in arrivo Byleth da Fire Emblem: Three Houses

byleth super smash bros ultimate

Come annunciato qualche giorno fà, durante questo pomeriggio Nintendo ha ospitato una trasmissione direttamente da sua maestà Masahiro Sakurai per la presentazione del nuovo personaggio di Super Smash Bros Ultimate, legato ai DLC Fighter’s Pass.

In primis Sakurai ha annunciato che il personaggio in questione non era stato reso pubblico nemmeno all’interno di Nintendo stessa, motivo per cui esso non sarebbe stato reso disponibile immediatamente all’interno del titolo.

Il trailer di presentazione del personaggio ha mostrato delle cinematiche nello stile di Fire Emblem: Three Houses per poi passare alla presentazione del personaggio in game.

In Super Smash Bros Ultimate il giocatore avrà la possibilità di utilizzare tre delle relic weapons presenti nel titolo originale; a secondo della direzione in cui lo stick direzionale sarà puntato, Byleth utilizzerà una delle sue relic weapons per attaccare e queste rimarranno equipaggiate per tutti gli attacchi normali, dando al personaggio praticamente tre diversi moveset.

Byleth arriverà nella sua versione sia maschile che femminile su Super Smash Bros Ultimate il 28 Gennaio all’interno del Fighter’s Pass 5 al prezzo di 5.99 dollari.

E non è tutto!

Dopo aver mostrato una ventina di minuti di gameplay riguardante Byleth, Sakurai ha approfittato della trasmissione per irlasciare qualche dettaglio sulle future release a tema Smash.

L’annuncio più importante è sicuramente relativo all’arrivo del Fighter’s Pass 2, stavolta composto da altri sei personaggi. Questi al momento (come prevedibile) sono tutti avvolti nel mistero e verranno rilasciati entro il 31 dicembre 2021.

Il developer giapponese ha approfittato della trasmissione anche per presentare il costume esclusivo compreso nel fighter’s pass 2: lo spadaccino mii avrà infatti accesso ad un costume da guerriero antico direttamente da The Legend Of Zelda: Breath Of The Wild.

Annunciato anche il nuovo pack di costumi mii con un video di qualche minuto dedicato.

Questa volta abbiamo:

  • Altair da Assassin’s Creed per Mii Spadaccino
  • Il cappello da Rabbid da Rabbids per tutte e tre le classi
  • X da Mega Man X per Mii Pistolero
  • Mega Man.Exe per Mega Man Battle Network per Mii Pistolero
  • Cuphead da Cuphead per Mii Pistolero

Sakurai ha infine approfittato dell’evento per ringraziare tutti per aver fatto raggiungere al Smash la prima posizione all’interno dei picchiaduro più venduti della storia.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Arriva la Beta di Disintegration, lo sparatutto del co-creatore di Halo

la recensione di dragon ball z: kakarot

Dragon Ball Z: Kakarot | Recensione (PS4)