Monster Hunter World Iceborne ha fatto registrare vendite importanti anche su PC

monster hunter world iceborne

Avete tutti presente Monster Hunter World, giusto?
Il più recente capitolo del brand di Monster Hunter è stato un vero e proprio successo unanime, raccogliendo i favori della critica e diventando immediatamente uno dei titoli più apprezzati dal pubblico.

A parlare per quest’ultimo settore sono proprio i dati di vendita, estremamente esaltanti ed in grado di abbattere diversi record personali per Capcom.

Da poco su PC è arrivata Iceborne, l’espansione di Monster Hunter World che i giocatori console hanno già potuto esperire in tutta la sua grandiosità da mesi e mesi.

Sapete cosa ha fatto registrare l’arrivo di questa espansione sul mercato PC?
Un nuovo boom di vendite ed un sacco di nuove entrate per il publisher giapponese.

L’inarrestabile successo di Monster Hunter World.

L’arrivo di Monster Hunter World è stato forse uno degli eventi dal successo più inaspettato della recente storia videoludica. Nonostante un bagaglio fatto di problemi tecnici e problemi d’ottimizzazione, la versione liscia di Monster Hunter World fece registrare numeri molto interessanti per Capcom e lo stesso si può dire anche per la sua espansione.

Ad ottobre la compagnia ha infatti segnalato 2.8 milioni di copie vendute; ad oggi quelle sono salite a 4 milioni di copie, un boost importante è che sicuramente relativo alla release del gioco su di unan uova piattaforma.

È impossibile negare che la maggioranza di queste vendite sono da associare al mercato pc visto che Iceborne è uscito su Steam proprio durante i primi giorni di Gennaio; nonostante ciò ci teniamo a sottolineare che Capcom non ha rilasciato dati ufficiali riguardante la questione

Il lancio del titolo non è stato esattamente tutto rose e fiori, con problemi tecnici piuttosto marcati. Alcuni giocatori si sono ritrovati il file di salvataggio corrotto e la patch che ha portato i nuovi contenuti ha generato numerosi problemi di performance.

Capcom ha lasciato sapere di star esaminando i dati per risolvere quanto prima tutte le magagne che si sono presentate.

Nonostante questo al giorno d’oggi Monster Hunter World rimane il videogioco più venduto di tutto il portfolio Capcom, accaparrandosi anche il prima di primo titolo a superare le quindici milioni di copie in tutto il mondo tra tutte le piattaforme. Queste ultime sono sparse tra PC e Playstation 4 ovviamente ma rappresentano un traguardo che non tutte le software house riescono a raggiungere.

Noi abbiamo recensito Iceborne riempiendolo di complimenti e coccoline presso questo link mentre abbiamo parlato in modo approfondito del gioco base nella nostra recensione.

Se avete molto tempo libero e vi piace un concept di gioco composto da mostri giganti e da tantissime armi diverse da imparare a padroneggiare, avete appena trovato qualcosa con cui potervi gingillare durante il corso dei prossimi mesi, senza microtransazioni aggiunte

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Dracula, avventura grafica

Dracula: dalla serie Netflix ai giochi di Microids passando per il classico di Stoker

mobile gaming cover image

Il mobile gaming si riporterà a casa cento miliardi di dollari durante il 2020