Akira: l’ambizioso prototipo del videogioco per Sega Mega Drive

    Akira-il-prototipo-per-Sega-Mega-Drive

    Il 2019 sta per concludersi e indovinate un po’? È l’anno in cui è ambientato Akira, l’opera cult di Katsuhiro Ōtomo autore del manga scritto tra il 1982 e il 1990 e regista del lungometraggio animato ad esso ispirato risalente al 1988.
    Di Akira esistono anche diversi videogiochi tra il quali si distingue un prototipo mai rilasciato per Sega Mega Drive.

    Il video che potete vedere qui sopra dal canale di Hidden Palace mostra la prima ora di gameplay del gioco sviluppato da Black Pearl Software di cui fino ad oggi erano disponibili solo frammentarie informazioni. Il prototipo risale al 1993 e sarebbe dovuto uscire due anni dopo. Tuttavia Sega non lo pubblicò mai e il progetto fu messo da parte.

    Akira-il-prototipo-per-Sega-Mega-Drive-primo-livello-in-moto

    Akira per Mega Drive, un titolo all’avanguardia per l’epoca

    Il gameplay di Akira per Mega Drive è un misto tra vari generi: sono presenti sequenze platform a scorrimento laterale, sparatutto in prima persona in pieno stile System Shock, spericolate corse in moto, aree a visuale isometrica e picchiaduro. Non è facile coordinare tale varietà di generi ma questa bulid, dal punto di vista del mero game design, ci riesce alla perfezione.

    Akira-il-prototipo-per-Sega-Mega-Drive-secondo-livello-platform

    Anche a livello grafico il titolo era molto avanzato per l’epoca, con scene e animazioni fedelissime al film dell’88. Purtroppo nessuno dei livelli del prototipo è completabile a causa di freeze in punti specifici. Sono inoltre presenti diversi glitch grafici e audio.

    Akira-il-prototipo-per-Sega-Mega-Drive-secondo-livello-in-prima-persona

    Non sapremo mai il motivo per cui questa versione del videogioco di Akira non fu rilasciata. Ci piace però immaginare che quasi sicuramente sarebbe diventato una pietra miliare del genere videoludico. Inoltre il fatto che veniamo a conoscenza del suo effettivo gameplay proprio nel 2019 è ancora più affascinante, non trovate?