Il ciclo vitale di Nintendo Switch sarà ancora lungo

quanto durerà Nintendo Switch

Il Black Friday ed il Cybermonday sono oramai alle spalle, ed hanno decretato un unico vincitore incontrastato, che risponde al nome di Nintendo Switch. Stando ad un analista di CNN, la console della società giapponese avrebbe letteralmente dominato le vendite di questa ultima settimana di saldi, finendo in tantissimi “carrelli della spesa virtuali” e, con buona probabilità, sotto parecchi alberi di Natale.

I dati ora riscontrati non fanno altro che consolidare ancora di più i già strabilianti numeri della grande N che, con buona probabilità, andranno ad incrementare ancora di più nel prossimo futuro.

Sappiamo che, oramai, la next gen è alle porte, e che Nintendo non ha intenzione di tornare sul mercato con una nuova console. Proprio per questa ragione, la domanda che in molti si pongono è la seguente: come farà Switch a tenere il passo di Playstation 5 e Scarlett? Cercheremo di dare una risposta nelle righe che seguono.

Nintendo Switch domina il Black Friday

i dati di vendita di nintendo switch
Un successo che non sembra conoscere crisi.

Se, leggendo il titolo di questo paragrafo, avete avuto una sensazione di deja vu, vi rassicuriamo subito: non siete pazzi, semplicemente nulla è cambiato rispetto a Natale 2018. Proprio così: dallo scorso Natale ad oggi, Switch ha continuato a vendere in maniera costante, dominando tutti i saldi (natalizi e non) e riuscendo a ritagliarsi uno spazio sempre più consistente nel panorama videoludico. Un analista di CNN ha infatti affermato quanto segue.

Switch è stata tra gli articoli più popolari venduti il Black Friday; secondo gli analisti, la console ha beneficiato dell’invecchiamento della concorrenza.

Nintendo ha offerto lo stesso affare dell’anno scorso: una console Switch e un download gratuito di “Mario Kart 8” per $ 299, che consente agli acquirenti di risparmiare circa $ 60. Gli analisti di Wedbush Securities hanno affermato che, ancora una volta, Nintendo ha attirato i consumatori, in previsione dell’oramai prossima uscita delle console next gen, prevista entro il 2020.

Nonostante il fatto che, come da noi scritto, il modello di Switch in questione fosse una versione first gen, tantissimi appassionati hanno comunque optato per la console ibrida Nintendo. Le ragioni di questa scelta sono da ascrivere, come detto poc’anzi, alla “anzianità” di Xbox One e PS4, oramai prossime alla pensione, ed al fatto che la grande N non ha intenzione di rilasciare nuovi hardware nel breve termine, se non una versione “Pro” di Switch, ancora neanche annunciata.

Allo stato attuale, la piattaforma Nintendo ha superato i 41 milioni di unità di base installata, un traguardo decisamente ragguardevole, soprattutto considerando gli appena due anni e mezzo di “vita” della console. Secondo Kazunori Ito, analista presso Morningstar Investment Services, è altamente probabile che, nei prossimi tre anni, Switch possa agevolmente superare i 100 milioni di unità, continuando la sua ascesa e consolidando dei record che già ora hanno del clamoroso.

Lunga vita alla console ibrida

i titoli in uscita per nintendo switch
Quali sono le armi a disposizione di Nintendo?

Nel corso della sua intervista a Bloomberg, Ito ha affermato che questi numeri sempre in crescita potrebbero, di fatto, allungare la vita di Switch, facendola quindi “sconfinare” nella next gen. Tuttavia, secondo l’analista, nonostante un hardware più limitato rispetto alla concorrenza, anche Nintendo avrebbe tutte le carte in regola per dire la sua.

Questo è in genere il punto in cui le vendite iniziano a raggiungere il picco, ma sembra che Switch possa avere un ciclo di vita più lungo. Con una console da salotto e portatile in un unico hardware, Nintendo ha una piattaforma molto efficace per la vendita di software di gioco.

Switch può vendere 20 milioni di unità all’anno per i prossimi tre anni. Quindi dovrebbe facilmente arrivare a 100 milioni.

Stando al parere degli addetti al settore, quindi, Switch avrebbe ancora un lungo avvenire dinnanzi a sé, soprattutto alla luce della tanto paventata Switch Pro, nonché delle numerose ed illustri esclusive previste nel prossimo futuro, tra cui Animal Crossing: New Horizons, il sequel di The Legend of Zelda: Breath of the Wild, Metroid Prime 4 e Bayonetta 3.

In parole povere, Switch sembra la piattaforma ideale su cui comprare giochi; lo stesso designer di Shovel Knight ha affermato che quasi il 25% delle vendite complessive del suo titolo proviene dalla console ibrida Nintendo, che potrà anche essere inferiore in termini di hardware ma che, rispetto alla concorrenza, può vantare una versatilità unica nel suo genere. A parere di chi vi scrive, è proprio questa l’aspetto su cui la grande N punterà, soprattutto in ottica next gen.

Restate sintonizzati per ulteriori news in merito.

>> Se ti è piaciuto, leggi anche Ecco perché Nintendo non investe nel 4K e nella realtà virtuale <<

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

Sony, PlayStation 5

PlayStation 25° anniversario: crisi in casa Sony?

riot games

Il sessismo per Riot Games vale dieci milioni di dollari di risarcimenti