Bandai Namco è a lavoro su Metroid Prime 4

bandai namco metroid prime 4

Sembra proprio che ci siano novità su una delle esclusive di maggior peso di Nintendo Switch. Stiamo parlando di Metroid Prime 4. Il suo annuncio, avvenuto in occasione dell’E3 2017, aveva entusiasmato parecchi fan della grande N. Tuttavia, da quel momento in poi, l’azienda giapponese non aveva condiviso ulteriori informazioni sul suo progetto. Ebbene, sembra proprio che oggi sia trapelato qualcosa di grosso. Stando a quanto riportato da Eurogamer, a lavoro sul gioco ci sarebbe Bandai Namco Studios Singapore.

Metroid Prime 4 sarà sviluppato da Bandai Namco Studios Singapore

Come abbiamo già detto in apertura, Nintendo ha sempre tenuto la bocca rigorosamente cucita su Metroid Prime 4. L’unica cosa che era dato sapere era, per l’appunto, che il gioco era nella fitta agenda dell’azienda giapponese. Non si sapeva nemmeno chi fosse al lavoro sul titolo. L’unica cosa che la grande N aveva confermato, durante un incontro con i giornalisti, era che dello sviluppo non si sarebbe occupato Retro Studios, lo sviluppatore che creò la trilogia di Metroid Prime. Da quel momento in poi sono iniziate tutta una serie di speculazioni e di rumour, ovviamente mai confermati. È lecito credere che il gioco si trovi ancora nelle primissime fasi del suo sviluppo, e che, presumibilmente, non uscirà nel corso del 2018 (anche se è probabile che, nell’arco di quest’anno, i fan Nintendo possano mettere le mani sul porting della trilogia di Metroid Prime per Switch).

E allora come si è arrivati a parlare di Bandai Namco? Prima di tutto, alcuni fan, nelle scorse settimane, hanno iniziato a parlare di alcuni particolari annunci di lavoro sbucati su LinkedIn. La notizia rimbalzò subito su varie community, arrivando anche su ResetEra. In tutto questo, il sito Press-Start aveva notato che i membri dello staffi di Bandai Namco Studios Singapore non si erano minimamente preoccupati di nascondere il loro entusiasmo, relativamente ad un nuovo progetto su cui erano a lavoro. Dando uno sguardo ai loro profili social, Eurogamer ha capito che gli sviluppatori erano a lavoro su un “gioco segreto“, un “ambizioso gioco AAA” che non era stato ancora annunciato, e che altri dettagli sarebbero stati diffusi più in là nel tempo.

Tutti gli indizi portano a Metroid Prime 4

Metroid Prime 4 mostrato con un Teaser Trailer all'E3
Nessuno si aspettava il ritorno di Samus Aran, eppure la cacciatrice di taglie torna a far parlare di sè: Metroid Prime 4 è in arrivo su Switch.

Tra i vari membri di Bandai Namco Studios Singapore, uno in particolare aveva parlato di essere a lavoro su una nuova IP non ancora annunciata. Scendendo nei particolari, il creativo aveva affermato che si trattava di uno sparatutto in prima persona, con elementi adventure. Il tutto, ovviamente, in esclusiva per Nintendo Switch. Inoltre, il membro dello studio di sviluppo ha dichiarato di essere a lavoro su un altro gioco in esclusiva per la console ibrida Nintendo: Ridge Racer 8. Tuttavia, quest’ultima notizia è ancora tutta da verificare.

Come i fan più accaniti sicuramente sapranno, in Bandai Namco Studios Singapore figurano anche diversi sviluppatori provenienti da LucasArts Singapore, lo studio precedentemente a lavoro sull’ambizioso, ed oramai cancellato, Star Wars 1313.

Nonostante Nintendo non abbia ancora confermato niente in via ufficiale, non è difficile credere che le cose stiano realmente così. Come tutti sanno, Namco ha già realizzato alcuni dei giochi più popolari sulle console Nintendo. Basti pensare, ad esempio, a Super Smash Bros. per Nintendo 3DS e Wii U, oppure a Pokkén Tournament, il celebre spin-off dei Pokémon, per Wii U e Switch. Proprio per questa ragione, non ci resta che attendere fiduciosi.

Restate sintonizzati per ulteriori news su Metroid Prime 4. Se volete approfondire la saga, leggete il nostro articolo di approfondimento su come Metroid Prime è diventato un’esclusiva Nintendo.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

monster hunter world recensione

Recensione Monster Hunter: World (PS4)

Nvidia e l’eterna sfida tra gamers e criptovalute