La saga di Forza dice addio a Token e Lootboxes

Forza cover

Una volta c’era Gran Turismo, un videogioco tutto patenti e simulazioni; privo di danni ma con un cuore ludico grande come un motore a dodici valvole. Con l’arrivo dell’Xbox uno studio interno a Microsoft Studios, Turn 10, decise di provare ad attaccare il titano delle simulazioni automobilistiche generando un videogioco molto simulativo di altissima qualità: la saga di Forza è nata così.

Forza

I prodotti di Turn 10 hanno continuato a persersare nel mondo delle console iterandosi in modi sempre più belli, con tanto di serie spin-off open world in grado di attaccare e conquistare anche il mondo della corse arcade; nato con l’aiuto di Playground Studios, Forza Horizon, è diventato sempre più un grandissimo successo commerciale nel corso degli anni.

Con l’arrivo dell’ultimo capitolo della serie simulativa, Forza Motorsport 7, la saga di Turn 10 aveva deciso di inserire al suo interno delle lootboxes (prive di microtransazioni, ci teniamo a sottolinearlo) generando malcontento pur senza attecchire realmente al gameplay del titolo

Oggi possiamo salutare le lootboxes una volta per tutte perché Turn 10 ha deciso di rimuovere del tutto tale tipologia di meccanica dai suoi giochi attuali e dal prossimo Forza Horizon 4.

La “forza” secondo Alan Hartman.

A dichiararlo è stato il direttore di Turn 10, Alan Hartman, nel corso di un post sul blog ufficiale del titolo.

Egli, nel corso di qualche centinaio di parole ha rivelato come l’aggiunta delle casse in Forza Motorsport 7 ha generato un sacco di ripercussioni sull’opinione del gioco sin dalla sua uscita. Turn 10 sta al momento lavorando sull’introduzione di una grande quantità di nuovi contenuti in Forza Motorsport 7 come una serie di corse sperimentali basate sul Drag Racing.

Gli sviluppatori hanno anche dichiarato di star migliorando in ogni modo possibile delle features minori come la modalità Time Attack, il sistema di punteggi legato al drifting e così via; tutte features sviluppate sempre a stretto contatto con la community del gioco.

Mai più questo genere di meccaniche.

Le casse, invece, sono state rimosse perché tutte le lamentele al riguardo da parte dei giocatori hanno fatto capire quanto esse risultino fuori posto.

Dopo aver ragionato in modo attento e delicato sulla questione lo studio di sviluppo americano ha deciso di rimuovere del tutto tale features e ha deciso di rimuovere anche i token a pagamento dai precedenti titoli della saga. Tale processo occuperà una buona quantità di tempo a causa della necessità di tenere delle modalità attivate del gioco e pertanto si concluderà soltanto durante l’inverno 2018.

Per evitare di avere problemi con lo sviluppo dei prossimi titoli della saga la software house ha deciso di eliminare prematuramente ogni tipologia di meccanica legate alle casse anche in Forza Horizon 4, titolo in dirittura d’arrivo l’anno prossimo ambientato in una versione digitale della Gran Bretagna.

A partire da Agosto 2018 Turn 10 renderà disponibili, con metodologie ancora da chiarire, le macchine che prima erano esclusiva delle casse all’interno di Forza Motorsport 7 andando poi a rimuovere completamente tale meccanica. E pensare che tra le varie lootboxes presenti nel mondo dei videogiochi queste di Turn 10 erano le più innocue in assoluto poiché gratuite e in grado semplicemente di donare oggetti estetici al giocatore, oggetti che non inficiavano in alcun modo sul multiplayer online del titolo.

Fateci sapere nei commenti che ne pensate della decisione di Turn 10!

Forza Motorsport

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

true crime new york city speciale

True Crime: New York City – Una città da ripulire

kingdom hearts 3

[AGGIORNATO] Kingdom Hearts III sarà un gioco enorme, durerà 80 ore