Rocksmith 2014 Edition – Remastered disponibile da oggi


Ubisoft annuncia l’uscita di Rocksmith 2014 Edition – Remastered, una versione migliorata e aggiornata di Rocksmith 2014 Edition per Xbox One, PlayStation 4, Windows PC e Mac. Con l’edizione Remastered, i nuovi aspiranti musicisti potranno unirsi ai quasi quattro milioni di utenti che hanno imparato a suonare una chitarra o il basso attraverso il metodo pluripremiato di Rocksmith, mentre i possessori della versione attuale potranno accedere alle funzioni migliorate scaricando la patch gratuita su ogni piattaforma, incluse Xbox 360 e PlayStation3.
rocksmith-2014-edition-remastered
Il modo più veloce per imparare a suonare la chitarra è stato ulteriormente migliorato, grazie a una curva di apprendimento personalizzabile, strumenti più efficaci per fare pratica, rilevamento integrato delle statistiche, interfaccia migliorata e molto altro ancora. Rocksmith 2014 Edition – Remastered include più di 50 canzoni e oltre 900 brani aggiuntivi acquistabili. Dal lancio del prodotto sono state aggiunte circa 650 nuove tracce, con molte altre disponibili ogni settimana.


Acquistando Rocksmith 2014 Edition – Remastered per PlayStation 4, Xbox One e PC, sarà possibile ottenere gratuitamente anche sei nuovi brani scaricabili che spaziano tra vari generi. I possessori della versione attuale che scaricheranno la patch gratuita potranno acquistarli separatamente.

“Three Little Birds” di Bob Marley & The Wailers
“Suspicious Minds” di Elvis Presley
“Some Nights” di FUN.
“I Want You Back” dei Jackson 5
“Hey Ya!” di Outkast
“Drops of Jupiter” di Train

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Nobunaga’s Ambition: Sphere of Influence – Ascension, i dettagli sullo sviluppo civile

Mario Party Star Rush – Recensione