Un concorso diretto ai Fan per il trentennale di Final Fantasy


Square-Enix ha indetto un concorso per celebrare il trentennale della sua saga più famosa: Final Fantasy

Il concorso è comparso sul sito ufficiale di Square-Enix assieme ad un bellissimo video celebrativo in cui il compositore Nobuo Uematsu spiega i retroscena del Main Theme presente in praticamente tutti i titoli della saga ormai trentennale.

Il video presenta la cronistoria del brano: la genesi sul chip sonoro del NES, l’aggiornamento con gli otto suoni dello SNES e le successive evoluzioni avvenute su PS1 e successori.

Nobuo Uematsu stesso ha dichiarato la sua curiosità riguardo ciò che i fan di tutto il mondo saranno in grado di fare lavorando al brano per il concorso.

Il concorso si basa su di un video promozionale in grado di esaltare e celebrare il trentennale della saga ruolistica più amata del Giappone.

Trentennale
Intanto un po’ di esercizio non guasta…

L’unica restrizione è di usare come colonna sonora il Main Theme della saga, sarà possibile arrangiarlo, risuonarlo e manipolarlo in qualsiasi modo finchè il brano è riconoscibile.

A lavoro completato basterà inviare il video alla pagina ufficiale Square Enix del concorso tramite il tasto apposito ed incrociare le dita.

Il concorso per il trentennale è raggiungibile qui.

 

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Final Fantasy: un tributo allo storico “Main Theme”

Mini-PC con HDMI 2.0 per i nuovissimi processori Intel Core