Le vendite dei codici tra privati sono considerate illegali, almeno in Germania


Una sentenza tedesca potrebbe presto rivoltarsi contro una sorta di mercato nero videoludico, presente anche in Italia. Parliamo di una pratica con la quale un utente acquista un gioco inscatolato e poi vende il codice di attivazione online.


vendite-codici-privati-illegali-germania

In questo modo le case produttrici ci perdono perché la gente comune acquista i codici ad un prezzo più basso di quello del mercato. Ha tentato di fermare questo mercato un rivenditore tedesco che ha ottenuto il blocco della vendita dei codici da parte di un altro rivenditore. Questo ha portato tutto in tribunale, ma il giudice gli ha dato torto. Per la legge infatti non si può vendere separatamente qualcosa (in questo caso un codice) che appartiene al prodotto inscatolato. Questa legge si basa su un concetto condiviso da tutti i Paesi dell’Unione Europea, e dunque, in caso di controversie, varrebbe anche in Italia: attenzione a quello che comprate online!

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Alien: Isolation spacca la critica: promosso ma non con pieni voti

Angry Birds: crea il tuo livello personale