Lara Croft and the Temple of Osiris – Anteprima


Anteprima a cura di Raffaele Gomiero


Dopo The Guardian of Light, Lara Croft torna nel mondo del gameplay isometrico in modalità cooperazione, questa volta con ben tre comprimari all’interno di un’ ambientazione tratta dall’antico Egitto. In lavorazione da circa 4 anni il titolo sviluppato da Crystal Dynamics punta molto sull’ interazione tra i personaggi impegnati nell’avventura e in base a quanti giocatori saranno impegnati alcuni aspetti del gioco cambieranno in maniera evidente, puzzle e difficoltà dei boss compresi.

I compagni d’avventura saranno Carter Bell, un collega di Lara con una potente magnum al posto delle due pistole (ormai consolidate nell’armamento di Lara) e gli dei egizi Horus e Iside, risvegliati dal loro sonno millenario per l’occasione e forniti delle relative armi magiche. I personaggi si differenziano anche per le loro abilità speciali di cui parleremo più avanti. Negli uffici di Koch Media abbiamo potuto provare un livello un livello cooperando con altri due giocatori e abbiamo potuto sperimentare in prima persona quanto conta la cooperazione nel gioco. Innanzitutto per superare alcuni punti e’ indispensabile unire la varie abilit‡ speciali gi‡ citate in precedenza, ad esempio per superare un dirupo a Lara toccherà lanciare un rampino e tenerlo in tensione mentre gli altri giocatori dovranno a turno salire sulla corda e successivamente tirarla su per ultima, oppure per arrivare ad alcune piattaforme particolarmente in alto Horus creerà una bolla di energia da usare come scalino dagli e cosÏ via, ovviamente nel livello che abbiamo fatto essendo tra i primi abbiamo potuto fare il tutto con relativa calma, ma è facile supporre che con l’avanzate dei livelli queste e altre operazioni di cooperazione andranno effettuate con una sincronizzazione sempre più perfetta.

Essendo ambientato nell’antico Egitto ovviamente tutti i nemici sono a tema, per cui ci siamo imbattuti in mummie, scarafaggi giganti e non morti vari, tutti sconfitti molto facilmente unendo le forze. Molto bello e ben animato e stato il coccodrillo gigante da cui siamo dovuti scappare correndo di gran carriera ed evitando buchi, trappole e ostacoli vari saltando e rotolando con i tempi giusti. Non mancano i bonus che ci aiuteranno a sopravvivere come armi aggiuntive, protezione e amuleti vari, tutti da gestire in base alle condizioni attuali di ogni membro della squadra. Graficamente parlando l’atmosfera e’ cupa, perfettamente in linea con l’ambientazione, belle le sfumature di luce e gli effetti vari mentre i nemici sono ben animati da quello che abbiamo potuto constatare. L’aspetto pi˘ divertente e’ ovviamente la cooperazione, mettere insieme quattro teste non è facile e a volte il divertimento sar‡ proprio nella confusione che si generer‡ durante il gioco, se avete giocato in 4 ad altri giochi come ad esempio alcuni titoli Nintendo sapete di cosa stiamo parlando, specialmente se la compagnia e’ di quelle allegre. Al momento non sappiamo ancora la data di uscita, ma non mancheremo di aggiornarvi man mano avremo occasione di mettere le mani su altro materiale.

Lara Croft and the Temple of Osiris sarà disponibile dal 9 dicembre 2014 in formato digitale su PC (via Steam), Xbox One e PlayStation 4.


Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

FIFA 15: il bug dei portieri ha una soluzione più assurda del bug stesso

Square-Enix: sconti fino all’80% sui giochi Eidos