God of War Collection per PlayStation Vita – Recensione


In ritardo sulla tabella di marcia, anche God of War arriva su PlayStation Vita: non con un capitolo inedito (purtroppo) bensì con il porting della God of War Collection, raccolta uscito su PlayStation 3 nel 2011 che include i primi due storici episodi della saga, con grafica in HD e supporto per i trofei.godofwarcollection

God of War
Il primo episodio di God of War è uscito su PlayStation 2 nel 2005 e subito ha rivoluzionato un genere, quello degli action game, che stava lentamente cedendo il passo agli sparatutto in soggettiva. Inutile raccontarvi qui la trama di God of War, ci limitiamo quindi a parlare della conversione portatile.
God of War è ancora oggi un titolo spettacolare, frenetico e veloce, con dinamiche forse non particolarmente brillanti ma con un gameplay granitico, solido come la roccia. Non c’è molto da spiegare, a dire il vero: nei panni di Kratos dovremo uccidere tutto e tutti alla ricerca di una vendetta a lungo cercata. Tra grotte, antiche strutture e verdi prati fioriti (no, questi non ci sono, piccola bugia) Kratos si troverà da solo a lottare contro le forze demoniache dell’olimpo.
L’avventura principale vi occuperà per circa dieci ore, ricordiamo che non è presente alcun comparto multiplayer. Anche su Vita, God of War resta un gioco imperdibile, il porting può contare su una grafica ancora più curata (sebbene leggermente sgranata durante alcune sequenze filmate) e sulla presenza dei trofei sbloccabili, non presenti nel gioco originale. Per il resto, ci troviamo di fronte allo stesso gioco di sempre, non ci sono infatti contenuti extra di alcun tipo.
God of War II
Il sequel di God of War vede la luce nel 2007 (in Europa, in quanto l’uscita americana è avvenuta a novembre 2006), questo seguito migliora in tutto e per tutto il gioco originale, proponendo un’avventura ancora più ricca ed emozionante, con sequenze che resteranno per sempre impresse nella memoria dei giocatori. Che dire, ad esempio, dell’icona sequenza che ci vedrà intenti a cavalcare una gigantesca aquila infernale?
Anche in questo caso, Sony ha ridisegnato la grafica ed ha aggiunto il supporto per i trofei: entrambi i titoli supportano touch screen e touchpad posteriore in maniera piuttosto marginale, il nostro consiglio è quello di giocare usando i tradizionali tasti fisici.
Giudizio finale
God of War Collection è una raccolta imperdibile per tutti i fan di Kratos e per tutti i possessori di PlayStation Vita. Peccato solo per l’assenza di contenuti extra e materiale bonus (se si esclude la presenza dei trofei) ma per il resto non ci possiamo proprio lamentare, considerando anche il prezzo budget: God of War Collection costa 29.99 euro, cifra piuttosto onesta considerando l’alta qualità della proposta.
Entrambi i titoli sono invecchiati decisamente bene, con una leggera preferenza per God of War II che appare forse più attuale rispetto al primo episodio uscito quasi dieci anni fa. In ogni caso, parliamo di giochi freschi, accattivanti e violenti fino al modello. Assolutamente consigliati.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

GRID Autosport: Codemasters annuncia la Black Edition

Bound by Flame – Recensione