Trials Fusion – Recensione


Trials Fusion è il nuovo esponente della serie sviluppato da RedLynx, ormai una vera e propria trilogia che include Trials, Trials Evolution e per l’appunto Fusion, disponibile dal 17 aprile insieme allo spin-off mobile Trials Frontier, scaricabile gratuitamente da App Store. Iniziamo a dire che questo capitolo non presenta particolari novità rispetto ai suoi predecessori, il gameplay è sempre estremamente rapido, veloce e adrenalinico, senza inutili meccanismi complessi o troppo complicati da padroneggiare.

Squadra che vince non si cambia
Dicevamo, squadra che vince non si cambia e RedLynx ha seguito questa formula in maniera quasi matematica: Trials Fusion presenta lo stesso gameplay dei vecchi episodi, senza migliorie di alcun tipo. L’unica vera novità risiede nella presenza di ATV anzichè delle sole moto, caratteristica molto interessante ma che da sola non rappresenta certo una rivoluzione. I quad comunque necessitano di uno stile di guida nettamente diverso rispetto ai bolidi a due ruote, ragion per cui sarà necessario abituarsi al sistema di controllo, comunque molto intuitivo e funzionale.
La scelta di mezzi è piuttosto vasta, gli sviluppatori hanno optato per un design futuristico che, sinceramente, non convince: le moto cromate, le marmitte giganti e le tute in lattice coloratissime mal si adattano allo spirito di Trials, nonostante il look generale sia decisamente ispirato. Tornando a parlare del gameplay, la formula “Trial & Error” non è stata modificata di una virgola, quindi aspettatevi le “solite” cadute spettacolari, acrobazie e capriole unite a schianti, botti e colpi letali.
Per chi si fosse stufato dei circuiti proposti, RedLynx ha inserito un pratico editor di piste per creare tracciati personalizzati da condividere poi con la community, sullo stile dei livelli di LittleBigPlanet. Purtroppo non abbiamo avuto modo di testare in alcun modo il comparto multiplayer, avendo provato il gioco prima dell’uscita ufficiale, grazie ad un codice fornito dal publisher. Non c’è molto altro da dire sulla formula adottata dallo studio finlandese: Trials Fusion divertente sulla breve distanza, ma dopo qualche ora tende a diventare ripetitivo, almeno in single player. L’editor riesce a garantire una discreta longevità aggiuntiva, inoltre segnaliamo la presenza delle classifiche online. Interessante la possibilità di sbloccare nuovi contenuti vincendo gare e raggiungendo determinati obiettivi in Trials Frontier, versione mobile del gioco disponibile, nel momento in cui scriviamo, solamente su App Store.

Abbiamo parlato, poco sopra, dello stile grafico non sempre azzeccato, discorso diverso invece per quanto riguarda le ambientazioni, estremamente curate e dettagliatissime, anche se alcune texture (in particolar modo di rocce, montagne e pietre) avrebbero avuto bisogno di un piccolo ritocco. Ma di tratta di peccatucci veniali che certo non rovinano un lavoro decisamente gradevole e benm sopra la sufficienza. Notevole invece la colonna sonora, composta da brani rock decisamente oriecchiabili e da effetti più che discreti, seppur non particolarmente realistici.
Giudizio finale
Trials Fusion è certamente un buon prodotto, un gioco riuscito, anche se non particolarmente originale. RedLynx ha preferito non rischiare, affidandosi ad una formula estremamente collaudata: poche le novità, qui si punta sul classico, con successo. Se state cercando un buon racing arcade per passare pomeriggi spensierati, lo avete appena trovato.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

The Sly Trilogy Ps Vita – Recensione

Sly Trilogy: trailer di lancio della versione PSVita