Un triste addio: se ne va chi ha reso grande Netflix

    ADDIO AL PAPA DI NETFLIX

    Il creatore di Netflix, Reed Hastings, ha deciso di abbandonare la nave dopo quasi 30 anni a dirigere l’azienda

    Oggi Netflix è il colosso assoluto dello streaming: le sue serie principali diventano immediatamente virali, milioni di abbonamenti in tutto il mondo ed è in grado di dettare principi e regole per i competitor nati dopo di lui.

    Eppure non si diventa così grandi dal nulla. Se oggi l’azienda è diventata così è solo grazie alla visione di uno dei suoi fondatori, che ha diretto il brand per quasi 30 anni.

    Il papà di Netflix

    Reed Hastings, uno dei fondatori di Netflix, ha guidato l’azienda da prima che diventasse un servizio di streaming, quando il suo modello di business ruotava intorno all’invio di DVD per posta.

    Reed Hastings con alle spalle il logo di Netflix

    Hastings, che aveva già fondato con successo un’azienda chiamata Pure Software, ha contribuito a fondare Netflix nel 1997 con Marc Randolph come servizio di noleggio di film per posta. I due hanno messo in atto una cultura aziendale di “onestà radicale”, al punto che nel 1998 Hastings ha fatto una presentazione in PowerPoint a Randolph per spiegare i motivi per cui non era più adatto a rimanere amministratore delegato.

    Da allora, Hastings è stato determinante nel passaggio dell’azienda allo streaming.

    L’unica vera macchia nera sul curriculum di Hastings è stata Qwikster, la parte dell’azienda dedicata ai DVD che Netflix ha creato per differenziarsi dall’offerta di streaming. È durata solo un mese dopo che un milione di abbonati ha abbandonato il servizio, insoddisfatti dell’aumento di prezzo derivante dalla divisione del servizio in due parti.

    Alla fine del 2018, Netflix è stata criticata per aver ritirato un episodio dello show comico “Patriot Act”, interpretato da Hasan Minhaj, dal feed dell’Arabia Saudita perché critico nei confronti del principe ereditario Mohammed bin Salman e in contrasto con la censura saudita. Hastings ha risposto dicendo: “Non stiamo cercando di dire la verità al potere. Stiamo cercando di intrattenere”. Un cambio di rotta piuttosto grave rispetto all'”onestà radicale” decantata all’inizio, così come l’apertura recente alle pubblicità, da sempre disprezzate da Hastings.

    L’annuncio improvviso

    Ora, dopo aver trascorso un quarto di secolo a trasformare Netflix nella prima grande società di streaming al mondo – e a trascinare con sé il resto dell’industria dei media – Hastings ha dichiarato giovedì di voler cedere il titolo di co-direttore generale e di diventare presidente esecutivo della società.

    Al suo posto, Netflix nominerà Greg Peters, chief product e chief operating officer dell’azienda, che si unirà a Ted Sarandos come co-chief executive. Sarandos ricopre questo ruolo dal 2020.

    Hastings, 62 anni, ha dichiarato che la riorganizzazione dei dirigenti fa parte di un piano di successione in corso da tempo. Nell’annunciare la mossa, ha indicato Bill Gates e Jeff Bezos come altri fondatori di aziende che sono passati al ruolo di presidente “dopo aver passato il testimone ad altri”.

    Negli ultimi due anni e mezzo, ho sempre più delegato a loro la gestione di Netflix. Il consiglio di amministrazione e io crediamo che sia il momento giusto per completare la mia successione. Aiuterò Greg e Ted e, come ogni buon presidente, farò da ponte tra il consiglio di amministrazione e i nostri co-amministratori delegati. Dedicherò inoltre più tempo alla filantropia e rimarrò molto concentrato sul buon andamento delle azioni NetflixSi legge nell’annuncio ufficiale di Hastings

    In seguito, in un’intervista video per gli investitori, Hastings ha dichiarato che il consiglio di amministrazione di Netflix aveva iniziato a pensare al processo di successione circa dieci anni fa. “Questo è il riconoscimento formale di come abbiamo operato almeno negli ultimi trimestri”, ha dichiarato.

    L’azienda sta inoltre nominando Bela Bajaria, responsabile globale della televisione, chief content officer e Scott Stuber, responsabile globale del cinema e presidente di Netflix Film, un nuovo ruolo.

    “Abbiamo imparato molto dal suo rigore intellettuale, dalla sua onestà e dalla sua disponibilità a fare grandi scommesse, e non vediamo l’ora di lavorare con lui per molti anni a venire”, ha detto Sarandos parlando di Hastings. “Da quando Reed ha iniziato a delegarci la gestione, Greg e io abbiamo costruito un solido modello operativo basato sui nostri valori condivisi e su un approccio alla crescita che ci accomuna”.

    Anche l’azienda si evolve

    La notizia di Hastings ha accompagnato l’annuncio dei guadagni del quarto trimestre di Netflix. La società ha dichiarato di aver aggiunto 7,7 milioni di abbonati – ben oltre le previsioni di circa 4,5 milioni – attribuendo l’afflusso di nuovi utenti alla forte programmazione del quarto trimestre.

    Logo di Netflix

    Netflix ha ora più di 231 milioni di abbonati in tutto il mondo. Ciò significa che Netflix ha chiuso il 2022 con un numero di abbonati superiore a quello con cui ha iniziato l’anno, nonostante i primi sei mesi deludenti, in cui ha perso più di un milione di abbonati.

    Nel quarto trimestre Netflix ha generato ricavi per circa 7,85 miliardi di dollari, con un aumento di quasi il 2% rispetto all’anno precedente. L’azienda ha generato un utile di circa 55 milioni di dollari, con un calo del 90% rispetto all’anno precedente.

    Il prezzo delle azioni di Netflix è salito di oltre il 6% nelle contrattazioni after-hours.

    Netflix, che un tempo era incontrastata nel mercato del video-streaming, ha dovuto affrontare una crescente concorrenza da parte di rivali molto ricchi come Disney, Comcast e Warner Bros. Discovery, società da cui dipendeva per la programmazione. Questa concorrenza, unita a un mercato statunitense sempre più saturo, ha spinto Netflix a cercare abbonati nei mercati internazionali, ad annunciare uno stop drastico alla condivisione delle password e a introdurre il suo piano pubblicitario.