Internet da oggi arriva ovunque | la rivoluzione veramente economica e satellitare

    Internet satellitare ed economico

    SpaceX, la compagnia spaziale di Elon Musk, ha appena ottenuto il permesso di iniziare a costruire la prossima generazione della sua megacostellazione internet Starlink.

    Giovedì 1 dicembre, la Commissione Federale per le Comunicazioni (FCC) degli Stati Uniti ha approvato l’installazione da parte di SpaceX di 7.500 satelliti Starlink 2.0 nell’orbita terrestre bassa.

    Satelliti per tutto il pianeta

    “La nostra azione consentirà a SpaceX di iniziare il dispiegamento di Starlink Gen2, che porterà la banda larga satellitare di nuova generazione agli americani in tutta la nazione, compresi coloro che vivono e lavorano in aree tradizionalmente non servite o poco servite dai sistemi terrestri”, hanno scritto i funzionari della FCC nell’ordine di decisione di giovedì. “La nostra azione consentirà inoltre di offrire servizi a banda larga via satellite in tutto il mondo, contribuendo a colmare il divario digitale su scala globale”.

    La decisione è comunque solo una vittoria parziale per SpaceX, che aveva chiesto l’autorizzazione a distribuire 29.988 satelliti Starlink 2.0 intorno alla Terra. La FCC rinvia la decisione sul resto dei veicoli spaziali previsti.

    Vittoria parziale per Musk

    La FCC ha concesso solo un’approvazione limitata “per rispondere alle preoccupazioni relative ai detriti orbitali e alla sicurezza spaziale, hanno scritto i funzionari dell’agenzia nel documento decisionale di giovedì. Queste e altre questioni sono state sollevate da “parti interessate” in merito alla richiesta di Starlink 2.0, presentata da SpaceX nel 2020.

    “Adottiamo anche requisiti che richiedono a SpaceX di riferire le azioni di mitigazione adottate per evitare collisioni nello spazio, di coordinarsi e collaborare con la NASA per garantire la continua disponibilità di finestre di lancio e su altre questioni e di sospendere il dispiegamento di nuovi satelliti se i guasti ai satelliti superano una certa soglia”, si legge nel documento della FCC.

    Queste non sono le uniche preoccupazioni sollevate da Starlink. Gli astronomi temono ad esempio l’impatto della megacostellazione sul loro lavoro e alcuni sostenitori del cielo scuro temono che stia cambiando radicalmente la nostra visione del cielo (si apre in una nuova scheda).

    SpaceX aveva già ottenuto dalla FCC l’autorizzazione a installare 12.000 satelliti Starlink di prima generazione, ognuno dei quali pesa circa 300 chilogrammi.

    Secondo l’astrofisico e localizzatore di satelliti Jonathan McDowell, al momento più di 3.200 navicelle Starlink stanno trasmettendo il servizio Internet agli utenti di tutto il mondo.

    Giganti nello spazio

    I satelliti Starlink 2.0 saranno molto più grandi e più capaci dei loro predecessori, ha dichiarato il fondatore e CEO di SpaceX Elon Musk. I nuovi velivoli peseranno circa 1,25 tonnellate (1.130 kg) e saranno in grado di trasmettere il servizio direttamente ai telefoni cellulari. In effetti, qualche mese fa, SpaceX ha annunciato l’intenzione di fare proprio questo a partire dal 2023, grazie a una partnership con T-Mobile.

    SpaceX prevede di far decollare la maggior parte dei nuovi satelliti Starlink utilizzando Starship, il suo nuovo enorme razzo per Marte e Luna. Starship è ancora in fase di sviluppo, ma l’enorme veicolo potrebbe effettuare il suo primo volo di prova orbitale nelle prossime settimane.

    Tutti i veicoli spaziali Starlink finora sono stati lanciati dal Falcon 9, il razzo di SpaceX.