Il CUS Napoli apre le porte agli Esports

Il CUS Napoli apre le porte agli Esports
Pochi giorni fa il CUS Napoli ha dichiarato di voler aprire le porte agli Esports, riconoscendone il valore sportivo ed educativo.


Pochi giorni fa il CUS Napoli ha dichiarato di voler aprire le porte agli Esports, riconoscendone il valore sportivo ed educativo.

Che cos’è il CUS?

Nato nel 1945 è il gruppo sportivo universitario strutturato nel Centro Universitario Sportivo Italiano. Da sempre promotore della cultura sportiva e del benessere dei giovani in particolar modo della Comunità Universitaria.

Al suo attivo vanta squadre di basket, atletica leggera, calcio, golf, judo, nuoto, pallavolo, scherma, taekwondo e scherma.

Si tratta della più grande struttura polisportiva che opera nel Centro-Sud d’ Italia.

L’ apertura al mondo Esport

Ecco quanto comunicato sul loro sito ufficiale:

Gli sport elettronici accolgono un numero sempre crescente di appassionati e partecipanti, anche a livello professionistico, tanto che il Comitato Olimpico Internazionale sta valutando l’opportunità di inserirli tra le discipline olimpiche già a partire dai Giochi Olimpici di Parigi 2024.

Il CUS Napoli si sta attivando per dare ai propri Soci la possibilità di cimentarsi in questo avvincente mondo.

Un’ iniziativa davvero significativa che cambierà sicuramente lo sviluppo e la diffusione del fenomeno Esport in Italia e soprattutto sul territorio campano.

Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare il sito ufficiale del CUS Napoli.

Articolo a cura di Diego Del Buono

Classe 1992 Studente di lingue cresciuto a pane e videogames, dalla Super Nintendo a tutta gamma Playstation. Nel 2007, scoperto l'online gaming con World of Warcraft, il suo interesse per il mercato videoludico è cresciuto a dismisura. Il suo sogno è di trasformare la sua passione per i videogames in un lavoro.

Proprio parlando di WoW, spesso lo troverete su Twitch con il suo canale Ilvecchiojameson.

brawlhalla

Rayman entra nel roster di Brawlhalla

doom II segreto gioco

Doom II: scoperto un segreto del gioco dopo 24 anni