The Elder Scrolls: Legends – Anteprima


Articolo a cura di Samuele Zaboi


The Elder Scrolls non è solo una serie videoludica. Non è solo un’IP che ha raccolto negli anni milioni di fan. È qualcosa di più. Che va oltre, che trascende tutto questo. È un mondo intero, un universo dove giocatori hanno vissuto, vivono, e vivranno, avventure degne dei grandi racconti e menestrelli. Conscia di questo, in attesa di capire se mai vedremo un Elder Scrolls VI per console, Bethesda ha dato vita a The Elder Scrolls: Legends, spin-off della serie. Si tratta in particolar modo di un gioco di carte collezionabili che ha per protagonisti i personaggi e i luoghi di questa celebre serie. Ma cos’è The Elder Scrolls: Legends? Scopriamolo insieme.


Carte, magie e strategia

The Elder Scrolls: Legends è un gioco di carte collezionabili che prova a unire questo fortunato genere, soprattutto in ambito PC e mobile, le piattaforme sulle quali approderà il titolo (PC e iPad, ndr), con l’universo firmato Bethesda. Compito del giocatore sarà quello di creare un proprio mazzo scegliendo tra diverse possibili combinazioni. Per creare il mazzo si dovrà necessariamente passare da una prima scelta strategica: nel titolo sono presenti cinque attributi: forza, agilità, resistenza, intelligenza e volontà. Per creare il vostro mazzo dovrete selezionare due di questi attributi; la scelta determinerà la classe del mazzo: agilità e forza, per esempio, creeranno un mazzo Arciere. Agilità con intelligenza daranno vita al mazzo Assassino e così via. Sarà compito del giocatore scegliere la combinazione migliore in base alla proprie strategie e al proprio stile di gioco.
Una volta effettuato questo primo passo, non di secondaria importanza, sarà possibile affrontare la Campagna di The Elder Scrolls: Legends. Qui sarà possibile apprendere le dinamiche del gioco, scoprire tutti i tipi di carte presenti e, procedendo con l’avventura, ottenere cinque mazzi predefiniti, successivamente modificabili a proprio piacimento.

Arena, Battaglia e pane per i tuoi denti

Le modalità di gioco offerte da The Elder Scrolls: Legends non si esauriscono con la sola campagna. Dire Wolf Digital, il team che si occupa dello sviluppo del titolo, ha pensato anche a una doppia aggiunta: Arena e Battaglia. La prima vi consentirà di saltare i passaggi per la creazione di un mazzo (forse modalità più adatta ai giocatori casual, ndr) e di affrontare una serie di sfide la cui difficoltà e le cui ricompense crescono a ogni vittoria. Nell’Arena solitaria si frapporranno a voi otto avversari e un boss e avrete a disposizione solo tre sconfitte, alla quarta la partita verrà conclusa. Se invece preferite sfidare altri giocatori gli step da superare saranno sette. Nella modalità Battaglia potrete sfidare utenti o il computer con i mazzi che avete creato e conquistato. A onor del vero, la modalità Arena è senza dubbio quella più ricca tra le tre proposte da Bethesda: qui infatti le ricompense per ogni vittoria saranno ben maggiori rispetto a quelle ottenibili nella Campagna o nella modalità Battaglia. The Elder Scrolls: Legends non vuole abbracciare solo i fan della serie o i giocatori casual che si approcciano per la prima volta al mondo di Tamriel ma vuole attirare anche gli utenti esperti di questo genere e per fare ciò sono state introdotte diverse novità, volte a aumentare la profondità in termini di gameplay.
La prima di queste è senza dubbio la presenza delle “Zone di gioco”. Sul campo di gioco saranno presenti due settori dove potrete schierare le vostre carte e le vostre creature. Ogni zona avrà delle caratteristiche specifiche che potranno fornire vantaggi o svantaggi ai giocatori. La scelta della zona è il primo passo che può condurvi verso la vittoria: il vostro avversario potrà effettuare la medesima decisione mentre voi potrete scegliere se attaccare le carte nemiche o direttamente il vostro sfidante. Per inciso, il primo dei due giocatori che arriverà a “Zero” avrà perso la partita.
Senza tediarvi troppo con tutte le profonde dinamiche di The Elder Scrolls: Legends, Dire Wolf Digital hanno introdotto anche dinamiche in grado di ribaltare le sorti di una partita. Ogni cinque danni subiti, l’avatar perderà una runa facendovi pescare una carta. Questa potrà stravolgere il match dandovi quella che poteva sembrare un’insperabile vittoria.

Dove ti ho già visto?

The Elder Scrolls: Legends vi porterà nel cuore di Tamriel come ogni qualsiasi altro titolo della serie. I neofiti potranno conoscere le location più celebri e i personaggi più amati mentre i fan più navigati potranno ritrovare luoghi quali la Città Imperiale o la Torre di Oro Bianco di Oblivion. Non mancheranno le razze di Elder Scrolls: dai rettili Argoniani ai Khajiiti felini, per passare attraverso elfi e orchi, senza dimenticare i più umani Nord, i Bretoni e gli Imperiali. Le avventure di Legends vi porteranno inoltre a incontrare alcuni “monumenti” della serie, come Lucien Lachance della Confraternita Oscura. Non è esclusa la possibilità di incrociare Draghi e Daedra.
The Elder Scrolls: Legends vuole portare nelle vostre mani il mondo di Tamriel. Voi siete pronti ad accoglierlo?


Commenti finali

Che siate neofiti dei giochi di carte collezionabili o di Elder Scrolls, oppure che siate utenti navigati e ben esperti in materia, non importa. The Elder Scrolls: Legends è il titolo giusto per voi. Dire Wolf Digital hanno pensato a tutti, offrendo un gameplay profondo, con tanti elementi in grado di stravolgere le partite, ma allo stesso tempo anche immediato e agevole. Crediamo che il gioco saprà catturare molti utenti e, nel caso non siate a conoscenza del mondo di Tamriel, quale occasione per farlo?

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Lichdom Battlemage: il peggior frame rate su console

Need for Speed: l’aggiornamento Speedlist