L’esposizione a videogiochi violenti non incide sul comportamento

un recente studio indica i videogiocatori come predittivi del comportamento violento

Un recente studio di un’università neozelandese ha scoperto la bassa correlazione tra videogiochi e comportamenti aggressivi. Non è la prima volta che uno studio accademico rigetta la tesi che vede i videogiochi come principali cause del comportamento violento in bambini e in giovani adolescenti.

I ricercatori della Massey University, capeggiati da Aaron Drummond, hanno riesaminato 28 studi portati avanti dal 2008 che mostravano una minima ma statisticamente significativa correlazione tra il giocare ai videogiochi e l’adozione di comportamenti aggressivi.

La teoria alla base di queste ricerche è la seguente: se l’abitudine del videogiocatore a fruire di videogiochi violenti si fosse protratta nel tempo, avrebbe avuto degli effetti tangibili anche sul suo temperamento e la sua personalità. Tuttavia, non è emerso in quanto tempo potesse avere luogo questa modifica comportamentale.

I ricercatori neozelandesi hanno stabilito che la correlazione tra l’abitudine del videogiocatore a giocare a titoli violenti e il cambiamento del suo temperamento è pari a zero.

I ricercatori invitano psicologi e associazioni come l’American Psychological Association ad essere “fiduciosi” dei risultati e non lasciarsi intimorire da quella piccola percentuale che vuole i videogiochi come responsabili di un comportamento aggressivo che può essere condizionato anche dalle singole peculiarità di ogni individuo.

Un’ulteriore ricerca condotta dalla University of South Wales, in Australia, nel 2018 ha portato a questi risultati: le persone abituate a giocare a titoli violenti sono meno impressionabili alla vista di altre immagini violente prese da altri contesti e più inclini al decision-making. Questo fenomeno prende il nome di “cecità indotta dalle emozioni“.


Leggi anche: Sette videogiochi violentissimi da non far vedere a Trump.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE The Guardian

Articolo a cura di Pia Colucci

Barese born & raised, sono nata a pane e videogiochi. Il mio battesimo è stata l'Amiga 500 di mia sorella, con l'arrivo di Playstation non ho mai più lasciato il joypad.

Sono una psicologa e mi occupo di divulgazione in materia di psicologia, videogiochi e digital media. Non ho molte passioni a parte i gatti rossi, le birre e il Giappone.

I miei videogiochi preferiti? Sicuramente troppi, ma spero sempre in un remake di Xenogears. Lo ribadisco almeno una volta all'anno e su qualsiasi mia bio presente in rete.

Cyberpunk 2077: personalizzazione inclusiva e influenza in gioco

ASUS Rog Phone 3

Asus ROG Phone 3 ovvero il cellulare più potente al mondo