Stephen Hawking, la scomparsa di un genio

Stephen Hawking, la scomparsa di un genio

Stephen Hawking, il celebre fisico teorico della seconda metà del 900 che ha rivoluzionato il modo di guardare l’universo, si è spento oggi, alla età di 76 anni, nella sua casa di Cambridge, Inghilterra. Molti suoi colleghi della comunità scientifica hanno espresso il loro dispiacere dopo aver appreso la notizia.

Stephen Hawking

Stephen Hawking, figlio dello scienziato Frank Hawking e di Isobel Eileen Walker, è nato ad Oxford, l’8 Gennaio 1942, il 300° anniversario della morte di Galileo Galilei.

Primogenito di una famiglia eccentrica che riteneva importantissima l’educazione e la formazione, Hawking non ha avuto una carriera scolastica inizialmente brillante: alla Byron House School, situata nel sobborgo Londinese di Highgate, il giovane ebbe alcuni problemi nell’imparare a leggere, a causa dei suoi “metodi progressisti”.

Stephen Hawking al’età di 21 anni.

Nonostante  con il tempo avesse dimostrato peculiari doti in campo matematico, fu suo padre il motore a spingerlo verso altre discipline: Frank Hawking voleva che il figlio si iscrivesse a Medicina ma, dopo un rifiuto da parte di Stephen, gli consigliò comunque di iscriversi alla sua stessa università, la Università di Oxford.

Fu la assenza di un corso di matematica a spingere Hawking a ripiegare su un corso di studi in Fisica e Chimica, ottenendo inoltre una borsa di studio, nel 1959, alla età di soli 17 anni. Durante il suo percorso, Hawking si avvicinò alla cosmologia e, per poter continuare il suo percorso in quella direzione, dovette ottenere un Honors Degree.

Il suo primo anno universitario, nel 1963, fu molto difficile: la sua istruzione in ambito matematico pareva essere inadeguata per il corso di studi scelto e, come se non bastasse, gli venne diagnosticata la SLA, la quale lo portò in una profonda depressione.

Fu il suo supervisore, Dennis William Siahou Sciama, padre della cosmologia moderna, a spingerlo a continuare gli studi.

 

Cosa ha fatto nella sua vita

Stephen Hawking - Blackboard
Hawking è stato anche Professore lucasiano di Matematica all’Università di Cambridge.

Nei successivi 55 Anni, Stephen Hawking è diventato, dopo Albert Einsten, il più famoso scienziato del mondo per aver esplorato i misteri dello spazio, del tempo e dei buchi neri, nonostante fosse bloccato su una sedia a rotelle e costretto a comunicare utilizzando un computer ed un sintetizzatore vocale.

Durante la sua carriera, il fisico teorico ha scritto molti saggi, alcuni fra i più celebri sono “Dal big bang ai buchi neri. Breve storia del tempo” e “Il Grande Disegno”.

Sono inoltre molte le teorie accreditabili ad Hawking, tra cui la “radiazione di Hawking“, elaborata nel 1974 e lo “stato di Hartle-Hawking“, il quale ha contribuito alla creazione di un modello standard della Cosmologia.

Stephen Hawking è stato inoltre un divulgatore scientifico, soprattutto per adolescenti, grazie alla serie di romanzi “La grande avventura dell’universo” scritta con la figlia Lucy Hawking.

Un’icona autoironica

Nonostante fosse uno scienziato di fama mondiale, Hawking era comunque solito scherzare, anche sulla sua condizione fisica. In una intervista affermò “Dovrei fare il cattivo di James Bond. Tra voce e sedia a rotelle, sono già pronto per il set”.

Non è inoltre passato inosservato agli occhi della comunità mondiale il Party per viaggiatori del tempo da lui organizzato. Il 28 Giugno 2009, venne allestita una festa a Cambridge e, ad evento concluso, lo stesso Stephen Hawking stampò i biglietti.

Il fisico teorico affermò successivamente di avere le prove per dimostrare la impossibilità del viaggio nel tempo: “Ho organizzato una festa per viaggiatori del tempo, ma non ho ancora spedito alcun invito. Sono stato qui seduto ad aspettare per molto tempo ma non si è presentato nessuno.”

Apparizioni nel mondo geek

Il fisico teorico è famoso anche per le sue continue apparizioni in videogiochi, film e serie televisive.

Stephen SMT IV - Hawking
Una delle trasposizioni più importanti del mondo dei videogiochi.

La sua comparsa in serie come Star Trek The Next Generation e The Big Bang Theory ha contribuito a renderlo una celebrità nel mondo geek.

Non sono assenti ovviamente versioni animate dello scienziato nelle serie dei Simpson, Futurama e I Griffin. Una delle trasposizioni più ovvie di Hawking nel mondo dei videogiochi è invece presente in Shin Megami Tensei, dove lo scienziato Stephen, esperto di informatica e di fisica, si pone a guida del giocatore.

 

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Andrea Crapanzano

Videogiocatore fin dalla tenera età di 5 anni con un NES ed un fantastico pc con MS-DOS. Amante della Souls Saga, di Monster Hunter, dei Moba e degli action. Musicista a tempo perso.

Questa settimana su World of Warcraft - Dal 14 al 21 marzo

Questa settimana su World of Warcraft – Dal 14 al 21 marzo

Videogiochi distributori automatici

I videogiochi e la loro ossessione per i distributori automatici