PvZ: Garden Warfare – Video Recensione


Video recensione a cura di Giulia Ambrosini e Danilo Neve

Plants Vs. Zombies: Garden Warfare vede finalmente il suo esordio anche su PlayStation 4, dandoci la possibilità di fare una panoramica generale sulle diverse edizioni del gioco. Il titolo si conferma come un ottimo esperimento fatto dai ragazzi di PopCap, forti del successo del Tower Defense omonimo uscito su mobile. Garden Warfare rivisita alcuni dei personaggi vegetali e zombeschi del titolo e li trasferisce sul campo di battaglia per creare uno shooter esilarante dalle ottime meccaniche e dal divertimento assicurato.

TUTTE LE EDIZIONI DI GARDEN WARFARE
Anche in quest’ultima versione per PS4, il titolo rimane sostanzialmente invariato per quanto concerne le meccaniche di gioco, le modalità e i personaggi. Abbiamo ancora a disposizione diverse classi sia per le piante sia per gli zombie, ciascuna delle quali possiede delle specifiche abilità sbloccabili con i punti esperienza e tantissime varianti e potenziamenti per i nostri personaggi sparsi all’interno dei pacchetti di figurine. Alcuni pacchetti speciali come quelli forniti attraverso i DLC invece contengono un personaggio già completo. Le varianti modificano piuttosto radicalmente i bilanciamenti in attacco e resistenza offrendo una buona varietà sul piano del gameplay. Nel corso di questi mesi sono stati rilasciati i quattro pacchetti aggiuntivi promessi da PopCap: Garden Variety, Zomboss Down, Tactical Taco Party e Suburbination. Quest’ultimo pacchetto non è ancora disponibile per console Sony ma il suo arrivo è previsto a breve. Uno dei punti di forza di Plants Vs. Zombies è proprio la presenza di contenuti aggiuntivi corposi, che compensano il prezzo iniziale del titolo non proprio bassissimo. Su console infatti il Plants Vs Zombies è ancora venduto al prezzo di 39,99 euro, mentre su PC è possibile scegliere fra una versione base a 29,90 euro, oppure la versione Deluxe da 34,90 che include diversi pacchetti di elementi per la personalizzazione e 150.000 monete di partenza.

L’ESPERIENZA DI GIOCO SI ARRICCHISCE
Arricchito dei pacchetti aggiuntivi sopra citati, il gioco offre un’elevata quantità di contenuti in termini di mappe e modalità e un sistema di crescita del personaggio molto interessante e talvolta determinante per l’esito degli scontri. Dall’uscita del gioco sono stati inoltre risolti alcuni bug e sono state apportate delle modifiche per limare alcuni difetti del gameplay. E’ stata infatti introdotta la modalità Eliminazione Confermata, una versione migliorata della classica Eliminazione a Squadre in cui per segnare un punto non è più sufficiente eliminare l’avversario, ma occorre raccogliere la sfera di luce che egli lascia a terra. Raccogliendo invece quella lasciata a terra da un compagno invece che rianimarlo, si impedisce agli avversari di segnare un punto. In questo modo si elimina la disparità causata dall’attacco della Masticazombie che non permette la rianimazione. Rimane invece sottotono la modalità Gnomba, in cui le sorti della partita sembrano un po’ troppo affidate al caso. La nuova modalità chiamata Suburbination infine segue la struttura classica di Dominazione, in cui le due squadre devono conquistare e difendere 3 diversi punti strategici. Non mancano per tutte le edizioni le modalità classiche come Operazione Giardino, unica modalità cooperativa del gioco, e Tombe e Giardini dove le piante dovranno difendere varie aree che gli Zombie invece dovranno conquistare.

UNA MARCIA IN PIU’ PER PS4
Garden Warfare continua ad essere popolato anche su PlayStation 4, dove i server mantengono la qualità delle controparti Xbox e PC. A livello grafico inoltre il gioco su PS4 risulta più nitido, le texture migliori e i colori più saturi rispetto alla versione Xbox One, dove talvolta è possibile anche notare dei difetti nel caricamento e alcuni bug. La risoluzione è di 1080p e 60 frame stabili, pertanto la qualità generale si avvicina molto di più a quella su PC dove l’ottimizzazione permetteva di avere ottime prestazioni. Infine l’edizione per PlayStation 4 di Plants Vs. Zombies offre un bonus Pre-Order, che consiste in alcuni elementi di personalizzazione dei personaggi ispirati a Sly Cooper e Ratchet e Clank, due famosi brand di casa Sony.

CONCLUSIONE
Plants Vs. Zombies: Garden Warfare è un divertente shooter in terza persona forte di un’ironia che saprà affascinarvi e divertirvi. Il titolo non introduce novità sostanziali rispetto ai compagni di genere, ma riesce a distinguersi per il suo stile grafico unico e la simpatia dei suoi personaggi. Consigliamo il titolo su tutte le piattaforme, dove raggiunge sempre un buon risultato, segnalando comunque le migliorie che caratterizzano la versione PS4. Non avete ancora acquistato il gioco? Cosa aspettate allora? Preparatevi alla spietata guerra tra Piante e Zombie!

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

The Walking Dead diventa un flipper!

inFAMOUS: First Light – Video Recensione