In arrivo l’eterna giovinezza | La scoperta genetica sensazionale

    eterna giovinezza con un siero genetico

    Una nuova scoperta sulle nostre cellule potrebbe allungarci la vita e, soprattutto, cancellare le malattie della vecchiaia

    L’umanità cerca da sempre un modo per allungare la vita. Anche se la medicina ha fatto passi da gigante negli ultimi secoli non è stato ancora scoperto un modo per rallentare l’invecchiamento, il lento processo degenerativo del nostro organismo.

    Forse l’eterna giovinezza è un’utopia, ma un gruppo di scienziati potrebbe essere arrivato molto vicino a debellare le patologie dovute all’invecchiamento.

    Salute eterna

    Il geriatra di lungo corso James Kirkland è un ricercatore della Mayo Clinic che si unisce a “un movimento crescente per arrestare le malattie croniche proteggendo il cervello e il corpo dalle conseguenze biologiche dell’invecchiamento”, riporta Ars Technica.

    I ricercatori come Kirkland non si aspettano di prolungare la durata della vita, ma sperano di allungare la “durata della salute”, cioè il tempo in cui una persona vive senza malattie.

    Tutto grazie alle cellule “vecchie”

    Uno dei loro obiettivi sono le cellule decrepite che si accumulano nei tessuti quando le persone invecchiano. Queste cellule “senescenti” hanno raggiunto un punto – a causa di danni, stress o semplicemente del tempo – in cui smettono di dividersi, ma non muoiono. Sebbene le cellule senescenti costituiscano in genere solo una piccola frazione della popolazione cellulare complessiva, uno studio ha dimostrato che rappresentano fino al 36% delle cellule in alcuni organi di topi anziani. E non se ne stanno lì tranquille.

    Un grafico che mostra gli effetti delle cellule "senescenti"

    Le cellule senescenti possono rilasciare una serie di composti che creano un ambiente tossico e infiammato che predispone i tessuti alla malattia cronica. Le cellule senescenti sono state collegate al diabete, all’ictus, all’osteoporosi e a molte altre condizioni di invecchiamento.

    Queste cellule nocive e l’idea che eliminarle possa mitigare le malattie croniche e i disagi dell’invecchiamento sono oggetto di grande attenzione.

    Un investimento milionario

    Il National Institutes of Health degli Stati Uniti sta investendo 125 milioni di dollari in un nuovo sforzo di ricerca, chiamato SenNet, che mira a identificare e mappare le cellule senescenti nel corpo umano e nei topi durante la durata della vita naturale.

    Cellule normali e senescenti messe a confronto

    Il National Institute on Aging ha stanziato più di 3 milioni di dollari in quattro anni per il gruppo multicentrico Translational Geroscience Network, guidato da Kirkland, che sta conducendo studi clinici preliminari su potenziali trattamenti anti-invecchiamento. I farmaci che uccidono le cellule senescenti – chiamati senolitici – sono tra i principali candidati. Sono già in corso studi su piccola scala su persone affette da patologie come l’Alzheimer, l’osteoartrite e le malattie renali.

    “Sano scetticismo”

    “Si tratta di un’area emergente e incredibilmente eccitante, forse addirittura rivoluzionaria”, afferma John Varga, primario di reumatologia presso la University of Michigan Medical School di Ann Arbor, che non fa parte del Translational Geroscience Network. Ma anche lui e altri scienziati sono cauti e ritengono che il potenziale del campo sia stato gonfiato a dismisura. “C’è molto clamore”, dice Varga. “Ho, direi, un sano scetticismo”. Mette in guardia i suoi pazienti dalle molte incognite e dice loro che tentare un’integrazione senolitica da soli potrebbe essere pericoloso.

    Finora, le prove che la distruzione delle cellule senescenti aiuta a migliorare la durata della salute provengono per lo più da topi di laboratorio. Sono stati portati a termine solo un paio di studi preliminari sull’uomo, con accenni promettenti ma lontani da risultati eclatanti.

    Uno studio anche tra le stelle

    In collaborazione con SpaceX e Axiom Space, Kirkland e un collega stanno studiando come le radiazioni spaziali influenzino gli indicatori di senescenza negli astronauti, sottolinea l’articolo. “Ipotizzano che i partecipanti a future missioni a lungo termine su Marte potrebbero dover monitorare il loro corpo per la senescenza o confezionare farmaci senolitici per evitare l’invecchiamento cellulare accelerato causato dall’esposizione prolungata alle radiazioni”.